Piantare alberi per mettere radici. Pisa presenta il piano strategico del verde

PISA – Pisa guarda al futuro e punta sulle infrastrutture verdi per migliorare il clima e la qualità della vita della città e dei suoi abitanti.

Venerdì 1 dicembre agli Arsenali Repubblicani, per tutto il giorno, si terrà il convegno internazionale “Pisa 4.0, città resilienti e infrastrutture verdi”. Il convegno, al quale sono iscritti 420 professionisti del settore, inizia alle 9 di mattina. Tra i momenti più importanti la presentazione, alle 15, del volume “Pisa, piantare alberi per mettere radici”, durante la quale verrà presentato il piano strategico del verde di Pisa con il sindaco di Pisa Marco Filippeschi, il vicesindaco con delega al verde urbano Paolo Ghezzi, la direttrice della rivista Novella Cappelletti, il dirigente del Comune di Pisa Fabio Daole, Stefano Zelari del gruppo Zelari e Giuseppe Ottaviani di Euroambiente.

L’iniziativa, organizzata dalla rivista Paysage in collaborazione con Euroambiente e promossa dal Comune di Pisa, vedrà gli interventi di importanti architetti interazionali e specialisti, da Gaetano Selleri a Jacqueline Osty, da Gwenaelle Charrier a Marc Augè e poi ancora Giovanni Sanesi, Rossano Massai, Serena Girani. E poi Magali Rogel, che racconterà dell’esperienza della città di Lione, Gianluca Susta, Francesca Proni, Franco Stringa, Antonio Stignani, Sabrina Diamanti, Gunther Dichgans, Gregorio Sgrigna, Edoardo Croci, Benedetta Lucchitta, Davide Marino, Patrizia Bongiovanni, Stefano Giommoni, Chiara Fiore, Marta Buffoni, Moreno Moraldi, Paola Spinelli, Mario Braga, Giulia Parri, Giacomo Arrighi, Giovanni Maffei Cardellini

«Dopo il convegno Pisa 2.0 del 2015, con il confronto tra le esperienze di tutta Europa, e il convegno Pisa 3.0 che ha visto la presentazione del “Masterplan del verde pubblico” per alberi e parchi comunali – spiega l’architetto Fabio Daole dirigente del Comune di Pisa – quest’anno chiudiamo il cerchio parlando di infrastrutture verdi, cioè di come la gestione di tutto il verde del territorio (boschi, piste ciclabili, fiume, aree agricole), e non solo quello di proprietà comunale, può e deve contribuire per migliorare l’ambiente»

«Abbiamo coinvolto architetti e specialisti internazionali per confrontarci ad alto livello ed elaborare strategie che permettono di immaginare la città verde dei prossimi 10 anni – spiega il vicesindaco con delega al verde pubblico Paolo Ghezzi – l’anno scorso abbiamo presentato il masterplan del verde pubblico che prevede la crescita del patrimonio arboreo comunale da 15.500 a 21.500 piante e dei parchi urbani da 100 a 150 ettari. Quest’anno spiegheremo i risultati già ottenuti in pochi mesi e presenteremo un piano che interessa tutto il territorio, non solo i terreni di proprietà comunale, per coinvolgere tutte le istituzioni e i soggetti interessati nello sviluppare la Pisa del futuro»

Loading Facebook Comments ...
By