Pisa – Alessandria 0-0. I nerazzurri sbattono contro il muro piemontese

PISAPisa e Alessandria chiudono sullo 0-0 all’Arena. Un altro pari a reti bianche dopo quello con l’Arezzo per la squadra di mister D’Angelo. Il Pisa ci ha provato fino al 5′ di recupero a segnare ma gli avanti nerazzurri hanno avuto poca fortuna. 

di Antonio Tognoli

Mister D’Angelo deve rinunciare allo squalificato Buschiazzo ma mantiene “a tre” il pacchetto arretrato nerazzurro schierando Brignani, De Vitis, e Meroni. A centrocampo Lisi e Liotti sono gli esterni.con Gucher  Di Quinzio e Zammarini a completare il pacchetto di centrocampo. In attacco la coppia Moscardelli – Marconi. L’Alessandria orfani di Checchin e Tentoni entrambi infortunati, risponde con un 4-3-1-2. In campo dal primo minuto l’ex Dario Maltese e il pisano Tommaso Bellazzini alle spalle dell’ex Toro De Luca e l’ex Pontedera e Siena Santini. Prima del match è stata presentata la squadra nerazzurra che affronterà anche quest’anno il campionato di Quarta Categoria. Per il primo impegno il 20 Ottobre al campo comunale Marconcini arriverà per il superderby il Livorno. In Curva Sud sono presenti un centinaio di tifosi provenienti da Alessandria. All’ingresso in campo delle due squadre il Pisa indossa la sciarpa creata dai gruppi della Nord in favore delle popolazioni colpite dall’incendio sul Monte Serra.

Lo striscione esposto dalla Curva Nord prima del match

IL PRIMO TEMPO. Pisa nella classica maglia nerazzurra, l’Alessandria scende in campo in completo rosso. È il Pisa a cercare di imporre il suo gioco. Nei primissimi minuti i grigi si difendono nella propria metà campo e soffrono molto il pressing degli uomini di D’Angelo. Il primo squillo è del Pisa al minuto 9: cross da destra di Di Quinzio, Moscagol devia in una sorta di girata verso la porta con la sfera che termina sul fondo di pochissimo. La gara stenta a decollare ci sono molti falli sia da una parte che dall’altra. Ne fanno le spese prima Prestia e poi Liotti. Sul campo però si vede poco, sugli spalti prevale la noia. Di tiri verso la porta però neanche l’ombra. Nel finale di primo tempo (37′) l’Alessandria si fa pericoloso con un azione sulla sinistra di Panizzi che serve di testa De Luca il cui tiro al volo è deviato in angolo fortuitamente da Brignani con un braccio ma l’arbitro assegna giustamente il corner nonostante le proteste dei giocatori grigi. Il Pisa risponde al 40′ con un occasione gol che capita sulla testa di De Vitis su traversone da sinistra ben calibrato da Liotti. Cucchietti si ritrova la palla tra le sue braccia. La prima frazione si chiude con il risultato ad occhiali con qualche fischio del pubblico.

IL SECONDO TEMPO. Ad inizio ripresa nessun cambio nei due schieramenti. La gara è più vivace. Al 5′ Moscagol serve su un piatto d’argento una palla gol a De Vitis che solo davanti a Cucchietti non trova di meglio che appoggiare al portiere piemontese. La risposta dei grigi è fulminea ed è Gori che è chiamato alla gran parata sul sinistro di Bellazzini. Il Pisa è vivo però manca di lucidità in zona gol. Al 6′ Di Quinzio su un tiro cross dalla sinistra impegna Cucchietti. Poco dopo Moscardelli su traversone di Lisi da destra calcia al volo sul fondo. Sono ancora i nerazzurri a provarci al 18′ con un uno-due Moscardelli – Zammarini con il numero 5 nerazzurro che calcia alto di sinistro l’invito di Mosca. Al 72′ l’Alessandria resta in dieci per l’espulsione (rosso diretto per un brutto fallo su Masucci) di Delvino. Il Pisa ci prova al 74′ con un bel fendente di Liotti deviato da Cucchietti in corner sugli sviluppi del quale Masucci tenta la deviazione vincente respinta dalla difesa. Intanto mister D’Angelo inserisce anche Cernigoi al posto di Di Quinzio. D’Agostino gli risponde togliendo Bellazzini e inserendo Gozzi. I nerazzurri a trazione anteriore per l’ultimo quarto d’ora del match. Al 38′ Pisa ancora pericoloso con Cernigoi che da due passi non riesce a deviare la sfera in rete. Nerazzurri in forcing al minuto 41: cross di Lisi da sinistra palla che arriva a Moscardelli, ma il suo sinistro debole termina tra le braccia di Cucchietti. Ultima occasione al 94′ capita sulla testa di Cernigoi che costringe il portiere dell’Alesdandria alla deviazione in corner.

PISA – ALESSANDRIA 

PISA (3-5-2): Gori; Brignani, De Vitis (67′ Marin), Meroni; Liotti, Zammarini (70′ Birindelli), Gucher, Di Quinzio (76′ Cernigoi), Lisi; Moscardelli, Marconi (67′ Masucci). A disp. D’Egidio, Cardelli, Izzillo, Cuppone, Masi, Maffei. All. D’Angelo

ALESSANDRIA (4-3-1-2): Cucchietti; Gjura, Prestia, Agostinone, Delvino, Gatto, Maltese (88′ Badan) , Panizzi (88′ Fissore); Bellazzini (76′ Gazzi), De Luca (68′ Sartre), Santini (88′ Talamo). A disp. Pop, Zogkos, Gerace, Sbampato, Usel, Cottarelli, Rocco. All. Gaetano D’Agostino

ARBITRO: Pasciuta di Ravenna (Ass. Biava-Pizzi)

NOTE: giornata fresca, ma soleggiata terreno in perfette condizioni. Angoli 3-2. Ammoniti Presti, Liotti, Gjura. Spettatori 5.678. Rec pt 0′, st 5′.

Loading Facebook Comments ...
By