Pisa in bici? Progetti strategici? Il commento di Nerini

Pisa – Maurizio Nerini, da tempo ormai portavoce di “Noi Adesso Pisa”, commenta i nuovi progetti in cantiere stilati dall’Amministrazione per la città di Pisa.

“Al mare in bici ieri titolavano i giornali oggi, ma già maggio leggevamo di questo, un altro “progetto strategico” ci spaventano questi progetti strategici…

Questo collegherà la città da Riglione, ex piccola Russia, nota capitale Europea… al Litorale e poi c’è il ponte dei sogni…Costo 5,3 mil. € e chiesti 2,5 milioni di finanziamento alla Regione che arriverà…speriamo.

“Da Pisa al mare in bici”…un bello slogan elettorale quello di oggi Bene, mi piacerebbe anche a me, firmai anch’io nel 2012 la petizione per avere una ciclabile utile.

Ma oggi è tutto è per completare, per mettere insieme, perché quello che avete fatto dal 2012 o anche prima… è al massimo un decimo del lavoro da fare…

Ma possiamo “costringere” tutti ad andare in bicicletta al mare?…Ma ammettiamo se ci volessimo andare in auto…oh una la compra anche a rate e ci vuole andare?

Ci dobbiamo scontrare con una mobilità da terzo mondo, impossibilità anzi non volontà di aprire nuove strade, parcheggi scambiatori promessi mai fatti e strisce blu ovunque.

E se volessimo andare con mezzi pubblici…tariffa extraurbane, stesse strade da terzo mondo le stesse delle auto…a parte i ponticelli messi malino.

Pisa sarà anche ” città amica della bicicletta” ma vuole molto male a chi di pedalare non ne ha voglia ma anche a chi lo fa …apparizioni sparizioni delle piste …strisce che svaniscono…parcheggi selvaggi.

Diceva a maggio l’assessore alla Immobilità Forte “Abbiamo le carte in regola per ricevere il finanziamento regionale: i progetti sono pronti e le opere programmate da tempo!”

Meno male ce ne serviremo Noi

Sembrerebbe anche che questi lavori non saranno comunque completati prima del 2019…Sembra …perché oggi si propone solamente una riduzione di €. 267mila su di un intervento di Illuminazione Pubblica e un aumento di un altro …”questa macchina qua devi metterla la!”

Questi i soldini saranno solo per mettere insieme i vari pezzi di ciclabili che ci sono…non ce ne è uno uguale all’altro! Fantasia sfrenata…Intanto ci sono i lavori della ciclopista a La Vettolami sembra che dei problemini ci siano, li abbiamo evidenziati con una interrogazione mirata che però sfugge a tante domande dell’assessore che è convinto che riducendo le dimensionidella carreggiata le auto vanno più piano… non ne sono convinto.

Vorremo poi vedere se e come sarà “oggetto di riqualificazione a opera del Comune il punto di arrivo sul litorale la vecchia stazione ferroviaria” quale ? …Ce ne sono diverse sapete …Marina e Tirrenia le più grandi ma ce ne sono altre che potrebbero servire…

Leggendo l’articolo “La ciclopista ‘Il Trammino’ permetterà inoltre di ferroviario la cui proprietà, in virtù del federalismo demaniale, è adesso comunale”Ecco se è comunale VALUTIAMO SERIAMENTE UN RITORNO DEL TRAMMINO!

Ma l’assessore nella risposta alla interrogazione citata ci dice:“La valutazione è già stata fatta in passato e al momento non risulta sostenibile la realizzazione di un collegamento ferroviario tra Pisa e il Mare… “Se è stata fatta in passato è giunta l’ora di pensarci perché con gli interventi strategici credo come il Porto, l’apertura dell’Incile fortunatamente ci sono altri interessi e altre idee per il futuro…altrimenti si costruisco cattedrali nel deserto o si isola una parte del territorio attraverso quello che dovrebbe sviluppare…la mobilità!

Quindi bella l’idea della ciclopista accanto al sedime del Trammino se non fosse che certo non favorirà il ripristino in chiave moderna di una riconversione a tram del trasporto pubblico locale, un po’ come a Firenze, dove funziona benissimo, un collegamento efficiente, ecologico e in sede protetta come un tram per tutti …compresi i cittadini di serie B del Litorale .

Poi c’è il PONTE SULL’ARNO, il ponte dei sogni …originali… che unirà Riglione a Cisanello …addirittura con il contributo dell’Aoup , quella che tiene l’ex Trovatelli in quelle condizioni ….AOUP che cofinanzierà la stessa opera e realizzerà il tratto di pista ciclabile

Tratto per il quale si dovrà colloquiare con l’odiato comune di Cascina…avete previsto una frontiera antifascista per i ciclisti?”

By