Pisa-Catanzaro 4-1. I nerazzurri calano il poker all’Arena. Doppio Favasuli, Buscè e Perez

PISA – Il Pisa cala il poker all’Arena (4-1 al Catanzaro) dopo essere andato sotto ad inizio ripresa per un autorete di Mingazzini. Il Catanzaro poco dopo rimane in dieci e un doppio Favasuli (uno su rigore), Buscè e Perez regalano i tre punti al Pisa.

Mister Alessandro Pane conferma il 3-5-2 con Sbraga, Ciolombini e Sabato che compongono la difesa a tre. Sugli esterni spazio a Buscè a destra e Benedetti a sinistra. Rizzo, Mingazzini e Favasuli sono gli interni di centrocampo. Davanti la coppia Tulli-Perez. Il Catanzaro risponde con un 3-4-2-1 con Russotto e Fiore dietro l’unica punta, il pisano Simone Masini. Arbitra l’incontro in una giornata prettamente invernale e piovosa il Sig. Giuseppe Cifelli di Campobasso. Oltre 1000 bambini delle scuole calcio nella tribuna dell’Arena per ricordare Piermario Morosini, oltre 400 i tifosi arrivati da Catanzaro e sistemati nello spicchio del settore ospiti. Prima del match è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria del militare scomparso in Afghanistan.

La gara ha inizio con qualche minuto di ritardo causa la bonifica del terreno di gioco inzuppato dalla pioggia caduta nelle ore precedenti al match. Il Pisa scende il campo con la classifica tenuta nerazzurra, il Catanzaro risponde con la maglia bianca con striscia obliqua giallorossa. La gara ha un avvio vivace. I nerazzurri cercano subito di mettere in difficoltà la retroguardia calabrese. Al 7′ su una punizione di Benedetti, prima Colombini e poi Buscè non arrivano all’appuntamento con il pallone a due passi dalla porta, ma il guardalinee aveva segnalato il fuorigioco. Non si vede granchè sino al 21′ quando Russotto ci prova con una conclusione dai 25 metri che termina alto. Al 23′ è ancora Catanzaro con una punizione dalla sinistra di Mariotti e il colpo di testa di Fiore che Sepe blocca. Per il Pisa ci prova Benedetti qualche istanti dopo ma il suo sinistro termina alto sopra la traversa. Al 32′ primo tiro nello specchio della porta del Pisa con un tiro-cross di Benedetti che termina sui piedi di Perez che non riesce ad indirizzzare a rete: Faraon blocca. La partita si sblocca nel finale con un botta e risposta. Al 38′ su cross da destra di Buscè Tulli prova ad incornare ma lo fa debolmente e Faraon blocca.  Al 39′ Sepe esce sui piedi di Masini lanciato da Fiore e lo anticipa proprio sul più bello. Al 40′ Sabato pennella un cross da sinistra per la testa di Buscè che anticipa tutti e di testa manda di un soffio a lato.

La ripresa parte subito forte. Il Catanzaro (9′) trova subito il vantaggio. Angolo di Quadri da sinistra, con Mingazzini che nel tentativo di anticipare l’avversario devia nella propria porta. Nerazzurri sotto, ma che non si scompongono e al 10′ trovano subito il pari che scaturisce dopo la concessione di un rigore per fallo di mano di Serignano (espulso per doppia ammonizione). trasformato da capitan Favasuli che spiazza Faraon. L’Arena esplode 2′ più tardi. Benedetti va via sulla sinistra mette in mezzo una splendida palla laddove Buscè sul secondo palo schiaccia di testa la palla alle spalle dell’estremo calabrese: 2-1 per il Pisa e tutto ribaltato nel giro di 4′. La gara diventa a questo punto una lotta con il Catanzaro alla ricerca del pari e il Pisa che risponde in contropiede con Tulli che al 25′ va vicino al 3-1 su imbeccata di Rizzo da destra. L’attaccante nerazzurro è anticipato in scivolata da Papasidero. Il Pisa dilaga negli utlimi minuti prima con Favasuli (39′) che raccoglie una sponda di Perez e di destro dal limite batte Faraon. Anche Perez (43′) partecipa al festival del gol con una botta dal limite che Faraon non trattiene. Dopo 3′ di recupero finisce 4-1 per i nerazzurri.

 

You may also like

By