Pisa, cinquina alla Nocerina. Arma doppietta, Giovinco ispira, Immenso Martella

PISA – Con una cinquina alla Nocerina il Pisa conquista la sua prima vittoria davanti al suo pubblico e rimane in vetta alla classifica in coabitazione con il Pontedera. Arma spiana la strada ai nerazzurri che dominano i campani e si aggiudicano la seconda vittoria consecutiva.

Mister Paglari presenta una novità rispetto a L’Aquila con Cia al posto di Aiman Napoli sulla fascia destra. Per il resto formazione confermata rispetto a quella che ha battuto una settimana fa gli abruzzesi per 1-0. Davanti a Pugliesi ci sono da destra a sinistra Pellegrini, Goldaniga, Rozzio e Kosnic. A centrocampo in mediana ci sono Mingazzini e Sampietro. Sugli esterni spazio appunto a Cia a destra e Martella a sinistra. In attacco confermata la coppia Giovinco – Arma. La Nocerina di mister Gaetano Fontana deve rinunciare a Romito e Cremaschi e schiera una formazione inedita con un 4-3-3 che vede al centro della difesa Hottor e De Franco, con Palma, Remedi e Sabbione a centrocampo. In attacco il trio Ficarrotta, Danti, Lepore. Prima dell’inizio dell’incontro un minuto di silenzio

LA PARTITA. Pisa in completo merazzurro, Nocerina in casacca completamente gialla. Prima del match un minuto di silenzio per ricordare Piero Zantelli, campione di moto nautica scomparso qualche giorno fa. Ma il pubblico pisano ha voluto ricorda anche Bruno Vaselli, tifoso nerazzurro scomparso in questi giorni, a cui rende omaggio il capitano Nicola Mingazzini depositando un mazzo di fiori sotto la Nord. Inizio piuttosto blando della contesa, con le due squadre che si studiano a vicenda. Dopo neanche 2′ ci prova Arma, ma la sua conclusione e’ sbilenca e termina ampiamente fuori. La gara si accende all’8 quando Martella imbecca Giovinco che viene anticipato in angolo. La Nocerina risponde un minuto dopo con Lepore che da buona posizione spara alto. Ma e’ il preludio al gol che arriva al 13′ e l’azione parte come sempre da settore di sinistra con Martella servito da una punizione di Eros Pellegrini, che quasi irride Kalombo e serve un cross delizioso per la testa di Arma che da fermo prende ancora una volta l’ascensore e incorna la sfera che termina alle spalle di Gragnaniello. Il Pisa tiene bene il campo e sfiora il raddoppio con Cia, che incorna una bella punizione arcuata di Giovinco, con la palla che termina di un soffio sul fondo. La Nocerina ha un sussulto intorno al 40′ quando De Franco mette alto sopra la traversa un pallone proveniente da una respinta di Pugliesi sul primo palo. Nel finale di primo tempo però il Pisa raddoppia. Giovinco si conquista una punizione sul settore destro, va a calciare lui stesso il tiro franco, che viene respinta dalla difesa campana, laddove c’è Sampietro che ha tutto il tempo di agganciare e calciare di sinistro con l palla che termina in gol. Prima del riposo la Nocerina rimane in dieci per l’espulsione di Palma per doppia ammonizione.

Ad inizio ripresa mister Fontana inserisce Martinez in luogo di Remedi. Ma passa solo un minuto e Giovinco cade in area per un contrasto con De Franco e l’arbitro (generosamente) concede il penalty che Arma trasforma (3′) fissando il risultato sul 3-0. E’ una Nocerina in difficoltà. Fontana richiama in panca anche Ficarrotta in luogo di Pontos, rinforzando l’attacco e spostando Hottor sulla linea dei centrocampisti per dare più spinta ai suoi, che tuttavia trovano eurogol con Danti che al volo di sinistro infila la palla nel “sette” dalla parte opposta prendendosi gli applausi di tutta l’Arena. Difficile vedere un gol così in terza serie. Nel Pisa nel frattempo entra Napoli in luogo di Cia e l’ex giocatore del Prato serve a Martella la palla del 4-1, che il giocatore ex Viareggio trasforma in gol. Il Pisa non si ferma e sfiora ancora il gol con Giovinco e Napoli subito entrato in partita, che trova anche il gol al 32′ servito al bacio da uno splendido corner battuto da Giovinco e deviato di testa in rete dal l’attaccante ex Prato. Pochi secondi prima del gol di Napoli Forte aveva rilevato Arma che si è era preso la sua dose di applausi con una standing-ovation che all’Arena non si vedeva da tempo. Al 39′ però c’è il tempo per un altro rigore concesso dal Sig. Guccini per un fallo di Pugliesi (inesistente) su Danti che trasforma il penalty fissando il risultato sul 5-2. Poco prima di un finale piuttosto vivace ma che scivola via in maniera molto tranquilla una punizione di Giovinco termina di un soffio a lato, facendo gridare ancora una volta al gol il pubblico dell’Arena. Finisce 5-2 con tutta l’Arena che applaude per un grande Pisa che continua a vincere, ma soprattutto a convincere.

20130922-170340.jpg

You may also like

By