Pisa – Cittadella 2-0 Marconi-Marin. Che Pisa! Il Citta si arrende all’Arena

PISAMarconi e Marin con un gol per tempo affossano il Cittadella. Il Pisa vince per 2-0 contro la squadra di mister Venturato, la squadra più in forma del campionato dalla ripresa del torneo. Adesso la squadra di mister D’Angelo sale a quota 46 punti in zona play-off e può pensare con più leggerezza alle due trasferte con Pordenone ed Entella.

di Antonio Tognoli

La squadra di Roberto Venturato ha ottenuto nove punti su nove dal ritorno in campo dopo il lock-down, il Pisa di mister Luca D’Angelo sette frutto di un pareggio e due successi consecutivi con Pescara e Spezia rilanciando le proprie ambizioni in chiave play-off.

CONISDERAZIONI. La vittoria del Pisa assume contorni importanti se si considera che il Cittadella prima della sconfitta all’Arena era reduce da 19 punti nelle ultime sette trasferte. L’ultimo KO esterno dei veneti 0-1 ad Ascoli, risale al 14 dicembre scorso. Inoltre il Cittadella è una delle tre compagini che hanno fatto più punti lontano dal “Tombolato” rispetto alle mura amiche: 30 esterni contro i 22 in casa.

PRE GARA. Nel Pisa torna Lisi dalla squalifica, nel Cittadella mister Venturato sceglie il 4-3-1-2. Le due squadre sono inizialmente schierate a specchio. Nel Pisa davanti a Gori, mister D’Angelo sceglie l’ex Varnier al fianco di Caracciolo con Birindelli e Lisi esterni bassi. A centrocampo spazio a Siega, Gucher e De Vitis, con Minesso alle spalle di Masucci e Marconi. Il Cittadella risponde con Paleari fra i pali. Adorni e Perticoni sono i centrali. Mora e Amedeo Benedetti gli esterni di fascia. Vita Iori e Branca sono i prescelti da mister Venturato a centrocampo. D’Urso staziona alle spalle di Diaw e Luppi.

IL PRIMO TEMPO. Pisa in maglia nerazzurra, Cittadella in completo giallo. Fasi iniziali di studio. Le due squadre guadagnano nei primi dieci minuti un angolo per parte. Nessuna azione di rilievo però in questa fase di studio. Molti falli, gara troppo spezzettata. Si percepisce fra le due compagini che è una gara importante da non fallire. Al 20′ non si registrano conclusioni nello specchio delle due porte. Al minuto 22 c’è il primo ammonito nel Cittadella, il difensore Perticone, giunto al quarto fallo, tre dei quali su Michele Marconi. Al minuto 25 De Vitis nel tentativo di crossare in prossimità della linea di fondo viene toccato da Adorni. Dalle immagini si vede che il contatto c’è, ma l’arbitro fa proseguire fra le proteste nerazzurre. Il primo tiro nello specchio è del Pisa al 29′: Marconi “spizza” per Masucci che entra in area e con il destro impegna terra con un rasoterra preciso ma non potente Paleari. La risposta del Cittadella è in un cross di Iori per la testa di Diaw, fuori di poco, ma l’arbitro aveva ravvisato un irregolarità da parte dell’attaccante di Venturato. Al 34′ l’arbitro concede il penalty al Pisa: Gucher serve Masucci che va giù sul contatto con il portiere Paleari. Sul dischetto va Michele Marconi che calcia forte e centrale e porta in vantaggio il Pisa:1-0. Tredicesimo gol per l’attaccante del Pisa. La risposta del Cittadella è in una punizione dell’ex Benedetti, palla alta sopra la traversa. Nell’azione che ha portato alla punizione giallo per De Vitis che aveva fermato prima dell’ingresso in area di Luppi. Al minuto 40 i nerazzurri perdono Masucci, probabilmente per un guaio muscolare. Al suo posto entra Fabbro. Il Pisa regge però il colpo della reazione del “Citta”. Sono due i minuti di recupero concessi da Di Martino. Si va al riposo con il Pisa in vantaggio per 1-0.

IL SECONDO TEMPO, La ripresa inizia con un cambio: nel Pisa dentro Marin e fuori Minesso. D’angelo passa al 3-5-2. Il Cittadella inizia all’attacco e guadagna un corner, ma senza esito. Insiste la squadra di Venturato che insidia la porta nerazzurra prima con il cross di Branca, poi con il tocco sotto misura di D’Urso. Salva tutto però ancora una volta l’immenso Caracciolo. Il Pisa risponde con due contropiede pericolosi, ma nè Lisi la prima volta nè Fabbro la seconda sfruttano la profondità e la superiorità numerica. Peccato. Erano due buone occasioni. Intanto in area nerazzurra nel contatto Diaw-Caracciolo va giù l’attaccante di mister Venturato, ma Di Martino fa proseguire. Break del Pisa con Birindelli al minuto 62 con un destro dai 25 metri, palla a lato. Il Cittadella però risponde con un colpo di testa in torsione di Diaw su traversone da sinistra di Branca: palla però ampiamente a lato. Caracciolo finisce nella lista dei cattivi per un contrasto su Diaw considerato fallo. Giallo pesante perché Caracciolo era in diffida e dunque non ci sarà a Pordenone. Alla battuta della punizione va Branca, con Gori attento che blocca la sfera. Parata non facile. Mister Venturato intanto opera tre cambi contemporaneamente. Forze fresche in campo per il “Citta”. Il Pisa soffre e sbaglia molto nelle situazioni di ripartenza. Rispetto alle altre gare il Pisa è troppo basso e soffre gli attacchi dei veneti. Mister D’Angelo ricorre infatti alla panchina: dentro Meroni e Vido per Gucher e Marconi richiamati a rifiatare. Ma il Cittadella macina attacchi. Ed è ancora Benedetti a crossare dalla sinistra, palla velenosa, la difesa nerazzurra si rifugia ancora in angolo. Ma al minuto 84′ Siega ruba palla a Iori a centrocampo, serve sulla destra Fabbro, traversone rasoterra deviazione palla che perviene a Marin che a porta sguarnita di sinistro mette in rete: 2-0. Grande esultanza per Marius Marin e primo gol in cadetteria con la maglia del Pisa. Quinto ed ultimo cambio nel Pisa: dentro anche Pisano al posto di un esausto Birindelli. Sono quattro i minuti di recupero. Vido e Pisano finiscono un pò ingenuamente sul taccuino di Di Martino. Prima del triplice fischio finale grande parata di Gori sulla punizione al veleno di Iori. Il Pisa vince 2-0 e può sognare.

PISA – CITTADELLA 2-0

PISA (4-3-1-2): Gori; Birindelli (87′ Pisano), Caracciolo, Varnier, Lisi; Gucher (75′ Meroni), De Vitis, Siega; Minesso (46′ Marin); Marconi (75′ Vido), Masucci (40′ Fabbro). A disp. Perilli, Belli, Pompetti, Moscardelli, Soddimo, Ingrosso, Benedetti. All. Luca D’Angelo

CITTADELLA (4-3-1-2): Paleari; Mora, Adorni, Perticone, Benedetti; Vita (69′ De Marchi), Iori, Branca; D’Urso (69′ Panico); Luppi (69′ Proia), Diaw. A disp. Maniero, Camigliano,, Rizzo, Frare, Rosafio, Gargiulo, Pavan, Stanco. All. Roberto Venturato.

ARBITRO: Antonio Di Martino della sezione di Teramo (Ass. Michele Grossi, Gamal Mokhtar della sezione di Lecco). Quarto Uomo: Alessandro Prontera della sezione di Bologna

RETI: 35′ Marconi (rig.), 84′ Marin

NOTE: serata calda, terreno in perfette condizioni. Ammoniti Perticone, De Vitis, Benedetti, Caracciolo, Vido, Pisano. Angoli 2-7. Rec pt 2′, st 4′.

By