Pisa – Crotone 1-1 Golemic risponde al vantaggio di De Vitis

PISA – Finisce pari e patta (1-1) la sfida fra Pisa e Crotone. E chi ha assistito al match non si è fatto mancare veramente nulla. Due gol, tante occasioni ed emozioni. Undici cartellini gialli e un espulsione. Il Pisa passa al 30′ su un colpo di testa di De Vitis lasciato solo in area e subisce il pari su un altra azione d’angolo sulla quale forse però c’è la carica di un attaccante sul portiere Gori impossibilitato ad intervenire sul colpo di testa di Golemic che sigla il definitivo 1-1, risultato che rispecchia fedelmente quello che le due squadre hanno fatto vedere che proietta il Pisa a quota dieci punti .

di Antonio Tognoli 

PRE MATCH. Mister Luca D’Angelo che schiera inizialmente un 3-5-2 deve fare a meno di Varnier e Lisi, ma ritrova dopo un lungo periodo di assenza Moscardelli che comunque parte dalla panchina. Davanti a Gori oltre ad Aya e Benedetti (che torna dalla squalifica) torna De Vitis. A centrocampo mister D’Angelo cambia qualcosa. Conferme per Gucher e Verna con Belli esterno. Novita invece con l’ingresso di Siega dal primo minuto. Sull’out mancino va invece Pinato. La formazione ospite risponde a specchio. Stroppa ritrova Spolli che però parte dalla panchina ma deve rinunciare a Maxi Lopez. Davanti a Cordaz difesa a treno Golemic,  Gigliotti e Marrone. Esterni affidato a Benali e Mazzotta. In attacco la coppia formata da Messias e Simy. Quasi 8.000 gli spettatori in un pomeriggio umido. Circa 150 i tifosi del Crotone sistemati in Curva Sud.

IL PRIMO TEMPO. Prima del fischio d’inizio il presidente Giuseppe Corrado ha consegnato a bordo campo la maglia del Pisa ai familiafi di Sidio Davini, storico collaboratore del Pisa fin dai tempi di Romeo Anconetani. Pisa in maglia nerazzurra, Crotone in maglia bianca con strisce rossoblu. Partono meglio gli ospiti con il Pisa un poco timido. Benali guadagna una punizione che Gigliotti calcia sulla barriera. I nerazzurri sono bravi nei primi minuti a contrastare il possesso palla dei calabresi. Tanta manovra ma poche occasioni da ambo le parti fra due squadre che si temono. Minelli fa arrabbiare l’Arena per due fuorigioco fischiati. Simy al quarto d’ora manca la deviazione in piena area su traversone da sinistra di Mazzotta. Al minuto 17 Cordaz nella 200esima partita in serie B dimostra di avere la reattività di un ragazzino andando ad intercettare la deviazione di Masucci sotto porta imbeccato da Gucher. È  di fatto la prima grande occasione del Pisa nel primo tempo. Ma è ancora il Crotone a far venire i brividi all’Arena con  un sinistro di Junior Messias che finisce di poco sopra l’incrocio dei pali. Insiste la formazione calabrese che si fa ancora pericolosa con la girata del suo giocatore più rappresentativo, Benali, questa volta serve la deviazione di Gori che mette in angolo. Il primo ammonito del match è Crociata che affossa Gucher in un azione stile rugby. Giusto il giallo per il numero 14 di Stroppa. Cambia l’inerzia del match al minuto 29. Gucher va al tiro dal limite deviato in corner. Dall’Angolo va Pinato che mette un cross delizioso per la testa di De Vitis che tutto solo a centro area devia di testa in gol: 1-0. L’Arena esplode. Primo gol con la maglia del Pisa di De Vitis ad un anno esatto dalla rete dello scorso anno nella sfida al Gozzano. Il Crotone però risponde subito. Il solito Mazzotta dalla sinistra lascia partire un cross sul quale si avventa Simy il quale è murato sulla linea di porta da almeno quattro giocatori nerazzurri che fanno muro. Niente di fatto per la squadra di Stroppa che comunque dimostra grande personalità facendosi molto pericoloso con una conclusione di Molina smorzato da Benedetti che termina fra le braccia di Gori. Il Pisa si fa vedere al minuto 39 con Verna imbeccato da Masucci. Il numero cinque di D’Angelo però non riesce a girare la palla verso Cordaz. Intanto anche Masucci finisce sul taccuino di Minelli reo secondo l’arbitro di essersi aiutAto con il gomito su Marrone. Crociata cerca la rovesciata su traversone di Messias da sinistra ma la palla sfila a fondo campo. I calabresi non ci stanno e attaccano alla ricerca del pareggio con Messias che mette in mezzo un pallone che attraversa tutta l’area senza che nessuno intervenga. Si va al riposo senza recupero sull’1-0 per i nerazzurri.

IL SECONDO TEMPO. La ripresa prende avvio con un Crotone che va subito alla ricerca del pari, guadagna un paio di corner e va vicino al pari con un destro di Benali e un colpo di testa del solito numero dieci da pochi passi che non sembra aver risentito degli 88 minuti giocati con la Libia in Marocco la scorsa settimana. Primo cambio in casa Pisa al minuto 56: dentro Birindelli e fuori Pinato. Dentro un figlio d’arte per un altro. Non cambia molto a livello tattico con Birindelli che va a prendere possesso della fascia sinistra con Belli che si sposta a destra. Intanto Gori è molto attento sul destro di Crociata che poco dopo lascia il posto all’ex Perugia lo scorso anno autore di undici reti alla quinta presenza con la maglia calabrese. A questo punto il Crotone passa al 4-3-3. Junior Messias nel frattempo ci prova con il suo sinistro, C’è la potenza, ma non la precisione con la sfera che passa alta sopra la traversa di Gori. Al minuto 61 è il Pisa a mangiarsi il raddoppio con Gucher che sul secondo palo servito da un cross di Verna manda sul fondo. Peccato. Nel frattempo mister D’Angelo è costretto a rinunciare a De Vitis per un problema muscolare dentro Ingrosso con Aya che ha qualche problema con i crampi. Difesa in emergenza e Crotone che si fa sotto con Benali, ma il suo tiro è respinto in qualche modo da Aya. Si soffre ma è una grande partita: fuori anche Simy per il Crotone e dentro Nalini che crea subito un bel grattacapo a Benedetti che viene ammonito. Il Crotone perviene al pareggio da azione d’angolo con un colpo di testa di Golemic che brucia tutti, ma Gori ha subito una carica sullo stacco di Nelini che arbitro e guardalinee non vedono facendo imbestialire pubblico e anche alcuni giocatori nerazzurri.  D’Angelo è una furia. Il Crotone ci crede. Volano i cartellini ore una gara che si incattivisce sempre di più.  Il tecnico del Pisa inserisce Fabbro al posto di uno stanco Masucci. Ma è Gori a compiere il miracolo su Mazzotta servito da un colpo di tacco di Benali. Il portierone nerazzurro a mano aperta dice no al 23 di Stroppa. Al minuto 79 il Crotone chiude in dieci per l’espulsione di Gigliotti reo di aver rifilato una gomitata a Marconi. È Gori a dover intervenire sul sinistro di  Junior Messias che finisce sul palo. È un finale thrilling. Ingrosso di testa impegna Cordaz. Il Crotone anche in dieci si sbilancia in avanti. La formazione di Stroppa vuole vincere la partita. Il Pisa è in difficoltà e anche Belli mostra un po di stanchezza. Mister D’Angelo non ha più cambi. Marconi è fermato da Benali in azione falloso ma l’arbitro non fischia. Sono cinque i minuto di recupero. Gori blocca una conclusione di Vido prima e abitanti accartoccia su un destro di Nalini. Intanto Benedetti rimane a terra per crampi. La partita vive di momenti di stanca. Gori smanaccia sull’ultima mischia. La gara si chiude sull’1-1.

PISA – CROTONE 1-1

PISA (3-5-2): Gori; Aya, De Vitis (65′ Ingrosso), Benedetti; Belli, Verna, Gucher, Siega, Pinato (56′ Birindelli); Marconi, Masucci (75′ Fabbro). A disp. Perilli, Izzillo, Moscardelli, Di Quinzio, Minesso, Meroni, Marin, Liotti, Ingrosso, Asencio, Fabbro. All. Luca D’Angelo

CROTONE (3-5-2): Cordaz; Golemic, Marrone, Gigliotti; Benali, Molina, Barberis, Crociata (60′ Vido), Mazzotta (78′ Mustacchio); Messias, Simy (67′ Nalini) A disp. Figliuzzi, Festa, Cuomo, Spolli, Gomelt, Zanellato, Evans, Rutten, Panza. All. Giovanni Stroppa

ARBITRO: Minelli della sezione di Varese (Ass. Bercigli – Dei Giudici). Quarto uomo: Gualtieri di Asti.

RETI: 30′ De Vitis (P), 70′ Golemic (C)

NOTE: giornata nuvolosa, terreno in perfette condizioni. Ammoniti  Crociata, Masucci, Benedetti, Messias, Verna,  Benali, Fabbro, Vido, Siega. Espulso Gigliotti al 79′. Angolir 2-7. Spettatori 7.674 per un incasso di 84.628 euro. Rec pt 0′, St 5′.

By