Pisa – Entella 0-0. L’Entella resiste agli assalti del Pisa

PISA – La capolista Virtus Entella non va oltre il pareggio (0-0) sul campo del Pisa Sc che gioca una gara di spessore ma non riesce a trovare il gol, termina in nove, con Liotti che si infortuna e che nel dopo gara è costretto a lasciare lo stadio in ambulanza.

di Antonio Tognoli

PRE GARA. Mister Luca D’Angelo recupera Buschiazzo e può disporre per la prima volta nella stagione di tutta la rosa al completo. Nella sfida all’Entella, il tecnico ex Casertana ripropone i soliti undici usciti vittoriosi dalla trasferta di Vercelli. Davanti a Gori ci sono Benedetti e De Vitis, sugli esterni di difesa spazio a Birindelli e Lisi. Centrocampo composto da Verna Gucher e Di Quinzio con Minesso un passo indietro rispetto alle due punte Masucci e Pesenti. L’Entella risponde con il medesimo schema di gioco. Boscaglia manda in campo davanti a Paroni il duo Chiosa-Pellizzer con Crialese e Belli esterni. Centrocampo a tre formato da Eramo, Paolucci e Nizzetto con Iocolano alle spalle del duo d’attacco formato da Caturano e Mota Carvalho. In occasione della sfida alla capolista Entella, l’Arena presenta un bel colpo d’occhio. Più di un centinaio i tifosi provenienti da Chiavari. Un turno, il 29esimo dedicato all’ex capitano della Fiorentina Davide Astori, scomparso un anno fa.

IL PRIMO TEMPO. Pisa che scende sul tappeto dell’Arena con la classica maglia nerazzurra, Entella che risponde con la maglia bianca e azzurra. I primi minuti sono di studio. Il Pisa attende l’Entella nella propria metà campo per poi colpire di rimessa come al minuto 4 quando Pesenti lanciato nell’area ligure lascia partire un destro deviato in angolo da Paroni. L’Entella risponde con un paio di lanci insidiosi, ma le occasioni migliori capitano sui piedi degli avanti nerazzurri. Ci prova anche Di Quinzio dalla distanza, con la palla che termina sul fondo. Un altra grande occasione per il Pisa capita sui piedi di Pesenti che a due passi dalla porta su imbeccata di Minesso. Ancora decisivo l’intervento di Paroni che smanaccia in angolo. E’ un Pisa che però mette in seria difficoltà la capolista. Prima ci prova Minesso, il suo destro termina fuori, poi Masucci è fermato in sospetta posizione di offside. Pisa sempre molto offensivo, che va alla conclusione con Di Quinzio, con la sfera che viene deviata in corner. L’Entella si vede poco o nulla. Mister Boscaglia, molto agitato in panchina cerca di dare la carica ai suoi. Il Pisa rimane ben messo in campo con Pesenti che spesso arretra per aiutare i centrocampisti a dare manforte all’azione. Prima della fine della prima frazione viene ammonito Masucci, primo giallo del match.  All’ultimo assalto del Pisa, su traversone da sinistra di De Vitis, Chiosa tocca nettamente di mano in area. E’ rigore solare, ma l’arbitro anziché accordare il penalty, decreta la fine della prima frazione suscitando le proteste dell’Arena che accompagna Santoro tra i fischi sonori alle scalette degli spogliatoi.

IL SECONDO TEMPO. La ripresa inizia senza alcuna sostituzione da parte dei due tecnici. L’Entella, forse richiamata dal suo tecnico, parte forte con un paio di accellerazioni di Caturano e Mota Carvalho che mettono in difficoltà la retroguardia nerazzurra. Ne scaturisce però solo un corner per i liguri controllato da Gori che respinge con i pugni. Primo cambio nel Pisa dopo 12 minuti della ripresa: Liotti rileva Birindelli. Poco dopo Di Quinzio effettua un traversone da sinistra che nessuno però riesce a deviare verso la porta. Mister D’Angelo poco dopo il quarto d’ora inserisce Moscardelli e Izzillo e richiama in panca Masucci e Minesso. Ma è Gori a tenere il Pisa in partita al 20′ sul diagonale di Iacolano entrato appena dentro l’area nerazzurra. Eramo e il nuovo entrato Currarino costretti al fallo da Pesenti si beccano entrambi il giallo. Intanto mister Boscaglia gioca la carta Mancosu, che rileva Iocolano. Il Pisa prova a stringere l’Entella nella propria area di rigore. Gucher prova il sinistro al volo dal limite con palla che termina la sua corsa sul fondo, non lontano dai pali della porta di Paroni. Il Pisa protesta poi per un fuorigioco fischiato a Pesenti su imbeccata di Moscardelli. Ne fa le spese Gucher che viene ammonito per proteste. Mister D’Angelo opera gli ultimi due cambi: dentro Marconi per Pesenti e Marin che rileva uno stanchissimo Verna. Il Pisa rimane in dieci per l’espulsione di Marconi reo secondo l’arbitro di aver colpito con una gomitata Chiosa disinteressandosi della sfera. Sono cinque i minuti di recupero accordati dall’arbitro. Il Pisa nonostante l’inferiorità conquista un corner, che però non ha esito. Purtroppo nei minuti conclusivi il Pisa rimane addirittura in nove per l’infortunio di Liotti costretto ad uscire in barella. Speriamo non si tratti di nulla di grave per il terzino nerazzurro.

 

PISA – ENTELLA 0-0

 

PISA (4-3-1-2): Gori; Birindelli (57′ Liotti), Benedetti, De Vitis, Lisi; Verna (77′ Marin), Gucher, Di Quinzio; Minesso (62′ Izzillo); Pesenti (77′ Marconi), Masucci (62′ Moscardelli) A disp. D’Egidio, Kucich, Brignani, Buschiazzo, Masi, Meroni, Gamarra. All. Luca D’Angelo.

ENTELLA (4-3-1-2): Paroni; Crialese, Chiosa, Pellizzer, Belli; Eramo, Paolucci, Nizzetto (83′ Di Cosmo); Iocolano (75′ Mancosu); Caturano (66′ Currarino), Mota Carvalho (83′ Icardi). A disp. Massolo, Siaulys, Cleur, Petrovic, Baroni, Vianni, Migliorelli, De Santis. All. Roberto Boscaglia.

ARBITRO: Alberto Santoro della sezione di Messina (Ass. Pappalardo e Cavallina della sezione di Parma)

NOTE: serata fresca terreno in perfette condizioni. Ammoniti Masucci, Nizetto, Eramo, Currarino, Gucher, Crialese. Espulso al 42′ st Marconi. Angoli 6-9. Spettatori 6.035 per un incasso 57.959 euro. Rec pt 1′, st 5′

By