“Pisa in Fiore”: ConfcommercioPisa esclusa. Le parole di Pieragnoli

PISA – Il salottino degli amici e compagni colpisce ancora: Sindaco Marco Filippeschi e vicesindaco Paolo Ghezzi non si smentiscono mai e all’inaugurazione di un evento importante per la città come “Pisa in Fiore” escludono dalla partecipazione la principale associazione del commercio e del turismo.

Non va giù al direttore di ConfcommercioPisa Federico Pieragnoli questo modo di procedere tutt’altro che ineccepibile: “In realtà avremmo dovuto esserci abituati, dopo 10 anni in cui ne abbiamo viste di tutti i colori. Ma anche alla fine di questo doppio mandato, che passerà alla storia come uno tra i peggiori per il commercio e il turismo della città, sindaco e vicesindaco hanno confermato in pieno la loro inadeguatezza istituzionale. Questo ennesimo sgarbo non è solo contro Confcommercio, ma è rivolto soprattutto contro le oltre 5 mila imprese che rappresentiamo in tutta la provincia”.

Tira le conclusioni il direttore di ConfcommercioPisa: “Per fortuna siamo agli sgoccioli della consiliatura e con le nuove elezioni il nostro più forte auspicio è quello di un deciso e significativo cambio di marcia. La città, il commercio, il turismo necessitano di una guida autorevole, efficace e credibile verso tutte le principali componenti della città, accantonando una volta per tutte le solite consorterie dei compagni e degli amici degli amici”.

By