Pisa – Frosinone 1-1 Ciofani risponde ad Arma. Il commento della partita

PISA – Il Pisa non riesce a superare il Frosinone nella prima gara casalinga di campionato della stagione. Un 1-1 che va molto stretto alla compagine nerazzurra in vantaggio con Arma e raggiunta da Ciofani. I nerazzurri non sfruttano la superiorita numerica di quasi un tempo.

Mister Pagliari conferma la formazione che ha sconfitto il Barletta nella prima giornata con Pugliesi tra i pali. Pellegrini, Rozzio, Goldaniga e il serbo Kosnic completano il pacchetto arretrato. A centrocampo Napoli e Martella sono gli esterni con Giovinco e Arma di punta. Il Frosinone di mister Stellone, si presenta all’Arena da grande favorita con un 4-2-4 assai spregiudicato. Torna dal 1′ il bomber Daniel Ciofani dopo l’infortunio che fa coppia in attacco con Curiale e Soddimo sugli esterni in posizione molto offensiva. Serata calda terreno in buone condizioni, quasi 5.000 gli spettatori sugli spalti. Pisa nella classica maglia nerazzurra, Frosinone in completo giallo.

Inizia bene il Pisa che è subito pericoloso con un tiro dal limite di Arma che Zappino blocca a terra. La gara e’ vivace, il Pisa e’ ben messo in campo ed il Frosinone sembra in difficoltà ed infatti il Frosinone prima si salva da una conclusione di poco a lato di Giovinco, ma capitola al 15′ quando Arma raccoglie un cross da destra di Pellegrini, con la palla che si insacca nell’angolino alla sinistra di Zappino. Pronts la risposta del Frosinone con Daniel Ciofani che un minuto più tardi calcia a lato dopo un incertezza della difesa nerazzurra, ma non sbaglia al 26′ quando dopo aver vinto un rimpallo su Goldaniga, entra in area e fa secco Pugliesi: 1-1 e tutto da rifare per il Pisa che tuttavia non si scompone e riesce ad essere ancora pericoloso con Martella anticipato di un soffio da Bertoncini in piena area di rigore ciociara. La gara scende un po’ di tono in fatto di occasioni e si riaccende nel finale (45′) quando Curiale colpisce allo zigomo Goldaniga senza che però ne arbitro e guardalinee se ne accorgano. Il pubblico si infuria con il Sig. Verdianelli e il suo assistente, Rozzio viene soccorso a bordo campo e poi rientra in campo. Ma c’è tempo per un altra occasione per i nerazzurri con Martella che lanciato da Giovinco entra in area elude Zappino e calcia, ma sulla linea salva per i ciociari Frabotta. La prima frazione si chiude sull’1-1. La superiorità numerica carica il Pisa che va ancora vicino al gol (14′) con Favasuli che anziché la calciare di potenza tenta il lob che termina alto sopra la traversa. Il Frosinone non modifica il suo modo di stare in campo e nonostante essere in dieci rimane con un modulo offensivo che concede anche molti spazi al Pisa in fase di ripartenza.

La ripresa inizia senza cambi ne dall’una ne dall’altra parte, ma al 3′ Mingazzini e’ costretto ad uscire per infortunio. Al suo posto dentro Sampietro. E’ un Pisa che però non ha paura e al 6′ crea tre palle gol nella stessa azione. Ci provano prima Arma e Napoli e poi Goldaniga, ma in tutti e tre i casi la palla viene respinta sulla linea di porta. La gara e’ vivace e ormai si gioca sul filo dei nervi per lo strascico della gomitata a Rozzio nel finale di primo tempo. All’8′ il Frosinone rimane in dieci. Rosso diretto per Soddimo reo di un brutto fallo su Pellegrini. Il Frosinone soffre l’inferiorita’ numerica, ma Stellone non cambia il modulo di gioco. Al 14′ Favasuli va vicino al gol, ma anziché da pochi passi cercare il tiro di potenza opta per il lob che termina alto sopra la traversa. Nelle file del Pisa mister Pagliari inserisce Lucarelli al posto di Martella, sposta Napoli a destra con Lucarelli che va a sistemarsi sulla sinistra. Cambio di fasce dunque per dare freschezza alla squadra nell’ultima parte di gara. Al 29′ pericolo per il Pisa, con Pugliesi che sventa una punizione di Blanchard, subendo fra l’altro la carica di Curiale che tentava di ribadire in gol. La partita si accende nuovamente tra il 33′ e il 34′ quando prima Pugliesi salva il Pisa con un grande intervento di piede su Curiale e poi Giovinco dopo un bell’aggancio calcia di sinistro sopra la traversa. Napoli prima di essere sostituito da Cia, tenta il bolide dai 20 metri e costringe Zappino alla deviazione in angolo. Poco dopo destro di Favasuli ampiamente a lato. Nel finale dopo 6′ di recupero non succede niente se non un calcio di punizione di Giovinco (51′) respinto dalla barriera.

20130907-223513.jpg

By