Pisa, minuti di paura per il terremoto. Situazione critica in Alta Garfagnana

PISA – E’ stata una giornata di paura a Pisa dove la terra ha tremato ancora e l’epicentro e’ stato ancora una volta la Garfagnana dove persiste una situazione critica.

La prima scossa e’ stata avvertita alle ore 12.33 in molte zone di Pisa e Provincia. Molte persone sono scese in strada all’Universita’ e la prima seduta del consiglio e’ stata interrotta dalla scossa di terremoto di magnitudo 5.2 con una profondita’ di 10.3 con epicentro A Minucciano, piccolo comune della zona dell’Alta Garfagnana. Persone riversate in strada anche in Piazza dei MIracoli dove erano in corso le visite alla Torre Pendente. Evacuato pochi minuti dopo la scossa di terremoto anche Palazzo Gambacorti ma fortunatamente a parte qualche controlli non si registrano danni se non piccole crepature in qualche stabile. Un altra scossa di assestamento si e’avuta intorno alle ore 16.45.

Alcune abitazioni di Minucciano, zona del l’epicentro del sisma sono rimaste lesionate e proprio nell’A!ta Garfagnana ed in particolare nelle scuole elementari di Gorfigliano e Gramolazzo, nel Comune di Minucciano sono stati allestiti centri di accoglienza e tendopoli. Sono stati attivati dalla Regione Toscana, i volontari delle Pubbliche Assistenze che sono in partenza per allestire a Casola, in Lunigiana, un campo che ospiti le persone che non vorranno o potranno dormire in casa.

Un ferito in località Postello a Casola in Lunigiana, mentre ad Equi Terme una frana in seguito al terremoto ha isolato il piccolo paese vicino a Fivizzano.

Ferrovia. Poco dopo il terremoto e’ stata chiusa anche la linea ferroviaria Aulla – Lucca, come reso noto dalle Ferrovie dello Stato.

20130621-175653.jpg

You may also like

By