Pisa Mover, un iniziativa che procede spedita

PISA – “E pur si muove …!!”, la celebre locuzione di Galileiana Memoria può ben essere presa a prestito, proprio nella città natale del famoso Astronomo del ‘600 per celebrare i “primi passi” che la Navetta Elettronica ha mosso stamani, all’altezza della Stazione Intermedia, sotto gli occhi legittimamente orgogliosi del Sindaco Marco Filippeschi, dell’Amminsitratore Delegato di Toscana Aeroporti, Dr.ssa Gina Giani, dell’Ingegner Giorgio Pizzi, Presidente della Commissione Sicurezza dell’USTIF del Ministero dei Trasporti, nonché di Fabrizio Cerri ed Alessandro Fiorindi, rispettivamente Amministratore Unico e Direttore di PISAMO.

di Giovanni Manenti

A tutti loro, ed ai giornalisti presenti, il Dirigente di LEITNER, la Ditta Capofila della realizzazione della Navetta, Ermenegildo Zordan, ne ha spiegato il funzionamento “che avviene tramite un sistema di funi di acciaio dove sono vincolati i vagoni (tre) che formano il convoglio e mosso da una forza motrice focalizzata nella Stazione intermedia e costituita da motori elettrici. Le Navette corrono su travi di acciaio poggiati con delle ruote grazie al carrello “bogie”, ultimo sviluppo tecnologico della Leitner e prodotto anche grazie alla collaborazione con la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pisa”.

“A regime”, ha concluso il Dr. Zordan, “si prevede un trasporto di 2.000 persona l’ora in entrambe le Direzioni, in quanto ogni convoglio può ospitare 100 persone e viaggia ad una velocità media di 10 metri al secondo, senza dimenticare che, in casi di particolare esigenza, si possono collegare anche più vagoni dei tre previsti per singolo convoglio. Non va inoltre sottaciuto come, per la natura stessa del trasporto, si possa calcolare che il “Progetto Pisa Mover” possa ridurre di oltre 2 milioni annui le emissioni inquinanti di Co2 (Anidride carbonica o diossido di Carbonio …)”.

Per i meno informati, ricordiamo che il “Progetto Pisa Mover” si estrinseca in un sistema di mobilità ad alta frequenza che andrà a collegare l’Aeroporto Internazionale “Galilei” con la Stazione Centrale di Pisa, con una fermata intermedia al “Parcheggio Scambiatore” da 1.400 posti, ideato per favorire anche i pendolari che provengono la Livorno e dalla Superstrada FI-PI-LI, ed il Sindaco Filippeschi non ha potuto far altro che “confermare il proprio compiacimento per il pieno rispetto dei tempi previsti per un’iniziativa che permetterà, oltre alla riqualificazione del Quartiere di San Giusto, di fornire una struttura che consentirà di apprezzare ancor di più lo Scalo Aeroportuale del “Galilei”, nell’ottica altresì di migliorare i servizi nell’ambito dell’Area vasta che comprende anche la Zona Costiera, in ordine alla quale non mancheremo di sensibilizzare Ferrovie dello Stato in merito alla modernizzazione e velocizzazione della tratta tra Pisa e Firenze”.

Oramai ci siamo, dunque, anche grazie al bel tempo i lavori sono hanno raggiunto il 90% ed è pertanto ipotizzabile il rispetto del termine di fine settembre per la relativa ultimazione e la messa in funzione entro il corrente anno per dotare Pisa di una nuova, moderna e funzionale struttura da cui tutti, residenti, pendolari e turisti, potranno trarre indubbio vantaggio …!!

By