Pisa – Perugia 1-0. Vido firma un successo d’oro

PISA – Dopo due sconfitte consecutive il Pisa torna al successo (1-0) contro il Perugia all’Arena. A decidere uno dei nuovi arrivi, Luca Vido, ex di turno con un eurogol dal limite dell’area. Tre punti fondamentali per la squadra nerazzurra in vista della gara di Crotone e del derby all’Arena fra sette giorni contro il Livorno.

di Antonio Tognoli

PRE MATCH. Mister D’Angelo opta contro il Grifone sconfitto a sua volta dall’Empoli lunedì scorso, per le tre punte. In campo contemporaneamente Vido, Masucci e Marconi. Davanti a Gori ci sono Caracciolo e Benedetti con Birindelli (festeggiato nel pregara con una targa per le 100 partite con il Pisa) e Pisano sugli esterni. Il sacrificato dunque è Lisi che parte dalla panchina. Centrocampo formato da Gucher, Marin e De Vitis in un iniziale 4-3-1-2 con Vido alle spalle delle due punte Masucci-Marconi. Il Perugia conferma la squadra della vigilia dovendo rinunciare al suo bomber Pietro Iemmello per squalifica. Dentro Dragomir, con Greco che parte inizialmente dalla panchina. Davanti a Vicario ci sono Sgarbi e Rajkovic con Cosmi che affida gli esterni a Rosi e Di Chiara. Centrocampo formato da Kouan, Carraro e Dragomir. Tridente affidato Mazzocchi, Melchiorri e Bonaiuto.

IL PRIMO TEMPO. Pisa in casacca nerazzurra, Perugia che scende sul terreno dell’Arena in maglia rossa e pantaloncini bianchi. Primi 15′ di studio totale. Pochi spazi a disposizione in una gara fallosa nei primi dieci minuti in cui l’arbitro lascia molto correre, anche situazioni piuttosto evidenti. La prima palla gol capita al Perugia con la deviazione con il tacco di Carraro su corner di Di Chiara: esterno della rete. Poco dopo errore in disimpegno per Benedetti che costringe al salvataggio in extremis prima Caracciolo e poi Birindelli. Il Pisa si riaffaccia ancora in avanti con Vido fermato al limite dell’area di rigore con il direttore di gara che però ancora una volta lascia correre. Punizione che Serra concede al minuto 30 per un fallo di mano di Melchiorri. Marconi sin incarica della battuta “buca” la barriera, ma la sfera termina di un soffio a lato. Al minuto 35 ci prova Masucci chje su traversone di Marin gira a rete con Vicario che blocca in due tempi. Pisano suona la carica al minuto 37 e si trasforma in attaccante, ma il suo destro viene deviato in angolo. Al minuto 40 finisce sul taccuino del direttore di gara Caracciolo per un fallo ingenuo su Mazzocchi. Ancora Pisano si porta in avanti al minuto 43 con colpo di testa su traversone dalla tre quarti di Vido. Due i minuti di recupero. Non succede però niente di rilevante ed il primo tempo si chiude a reti inviolate. Applausi reciproci fra due tifoserie amiche Pisa e Perugia che ricordano i rappresentanti del loro tifo che non ci sono più. Un pò di fraternità in una partita in cui i tre punti sono pesanti.

I tifosi del Perugia ricordano Maurizio Alberti

IL SECONDO TEMPO. La ripresa inizia senza nessun cambio nei due schieramenti. Stesso copione della prima frazione con il Pisa che tiene il pallino del gioco in mano. Ci prova Michele Marconi dal limite con la palla che termina sul fondo, Passano pochi istanti e ancora Marconi che aveva ricevuto da Masucci calcia addosso a Vicario in uscita. La rete del vantaggio del Pisa però è nell’aria e arriva al minuto 52, Vido stoppa la sfera al limite e lascia partire da fermo un destro che si insacca nell’angolo alla destra di Vicario. Primo gol in maglia nerazzurra per il giocatore ex Crotone e appunto Perugia. E che gol, il classico gol dell’ex Il Pisa insiste e avrebbe anche l’occasione del raddoppio con un affondo di Gucher che lascia tutti sul posto a centrocampo e si presenta al limite con un destro che Vicario blocca in due tempi. Il Perugia però si rende pericoloso poco più tardi con un destro di Melchiorri su una mezza distrazione difensiva che poteva essere pagata a caro prezzo. Nel Pisa intanto esce un claudicante Birindelli, al suo posto entra Belli. Poco dopo fuori anche Vido rilevato da Siega. Mister Cosmi risponde con l’ingresso di Falcinelli in luogo di Kouan. Il Pisa prova a chiuderla con una conclusione da fuori di Gucher che però termina sul fondo. Mister D’Angelo in vista dei tre impegni ravvicinati richiama in panca anche Marconi ed inserisce Fabbro. Manca circa un quarto d’ora al termine. Fabbro si fa apprezzare per un’ottima discesa in cui guadagna un corner ed un tiro dal limite che finisce la sua corsa di poco alto sopra la traversa, tra gli applausi convinti dell’Arena. Poco dopo prima Caracciolo e poi Pisano sbrogliano una situazione non facile in area nerazzurra. Al minuto 82 rosso diretto per Fabbro per uno scontro sulla tre quarti. Pisa in dieci. Il contrasto è duro, ma il rosso è parso troppo severo.

Il contrasto tra Rosi e Fabbro che ha portato al l’espulsione del 35 nerazzurro (foto tratta da DAZN)

Intanto il Perugia in superiorità numerica sfiora il pareggio con un destro di Mazzocchi. Palla fortunatamente in Curva Sud. Sono cinque i minuti di recupero. Si soffre in campo e sugli spalti. Il Perugia ci prova con il colpo di testa di Melchiorri con palla che sfila a fondo campo con il boato dell’Arena.

PISA – PERUGIA 1-0

PISA (4-3-1-2): Gori, Birindelli (62′ Belli), Caracciolo, Benedetti, Pisano, Gucher, De Vitis, Marin, Vido (65′ Siega), Masucci, Marconi (73′ Fabbro). A disp. Perilli, Dekic, Pompetti, Moscardelli, Minesso, Meroni, Pinato, Lisi, Perazzolo. All. Luca D’Angelo

PERUGIA (4-3-3): Vicario; Rosi, Sgarbi, Rajkovic, Di Chiara; Kouan (65′ Falcinelli), Carraro, Dragomir, Mazzocchi, Melchiorri, Bonaiuto (57′ Capone). A disp. Fulignati, Albertoni, Nzita, Caviglia, Konate, Benzar, Greco, Falasco. All. Serse Cosmi

ARBITRO: Marco Serra della sezione di Torino (Ass. Capone – Berti). Quarto uomo: Ricci di Firenze

RETI: 52′ Vido (PI)

NOTE: giornata nuvolosa e fresca, terreno in perfette condizioni. Ammoniti Benedetti, Bonaiuto. Espulso al 82′ Fabbro (rosso diretto). Angoli 5-3. Spettatori 7.038 per un incasso di 72.,238 euro. Rec pt 2′, st 5′.

By