Pisa Sc, Lega ed Unicef insieme per i bambini meno fortunati. Corrado: “Iniziativa che da lustro alla società. Prepariamoci al meglio per i play-off”

PISA – Presentata presso la Sala Convegni del Palazzo della Sesta Porta l’iniziativa che il Pisa Sporting Club, con il patrocinio della Lega Pro ed in collaborazione con Unicef, vedrà versare un contributo di un euro per ogni biglietto staccato a favore del progetto “Bambini sperduti“, teso a favorire la salvaguardia dei quasi 18mila bambini attualmente presenti sul nostro territorio a seguito del fenomeno migratorio e che si trovano in una situazione di emergenza in quanto soli, senza famiglia e punti di riferimento.

di Giovanni Manenti

“Credo che Pisa debba essere orgogliosa di aver aderito ad una iniziativa importante a favore di chi è meno fortunato di noi – afferma Giuseppe Corrado – e che va ad inserirsi in una stagione di iniziative in cui la nostra Società non si è mai tirata indietro a favore di chi è più sfortunato, dando sempre dimostrazione di una sensibilità che mai è mancata”.

“Siamo contenti di questa simbiosi con la Lega Pro ed il Pisa Calcio attraverso una sempre maggiore coinvolgimento dei territorio – dice la Dottoressa Elisabetta Falcone presidente Unicef sezione di Pisa – e mi piace sottolineare come il contributo che ci verrà corrisposto potrà essere utile a salvare la vita di bambini a rischio morte infantile. In particolare, questo progetto, “Bambini Sperduti”, fa sì che anche l’Italia abbia potuto investire nei confronti di bambini non accompagnati a seguito delle recenti arrivi per immigrazione e posso ribadire che l’anno scorso oltre 1000 bambini hanno potuto beneficiare di kit di sopravvivenza e poter altresì formare degli operatori per tale iniziativa”.

“Iniziativa a favore di bambini che non hanno più famiglia ed una volta giunti sul nostro territorio molti di essi scompaiono e noi come Lega Pro – afferma il Dott. Mauro Grimaldi vicepresidente della Lega Pro – in Unione con Unicef, siamo lieti di poter contribuire nel cercare di dare loro un futuro con prospettive migliori di quelle che oggi si presentano loro. Il Calcio deve essere propositivo in questo senso per poter dare il proprio contributo per alleviare le sofferenze di bambini indubbiamente sfortunati e che un domani proprio attraverso il Calcio potrebbero restituire quanto oggi ricevuto attraverso la crescita sportiva attraverso l’iscrizione alle Scuole Calcio”.

CORRADO SULLO STADIO. “Il progetto ha suscitato l’interesse di tutti e credo che con il Consiglio di domani giovedì 19 Aprile il Comune dovrebbe concludere l’iter per far sì che il bene esca dalla proprietà demaniale e la progettualità possa avere la sua gestazione, fiduciosi in tal senso in quanto tutto ciò che doveva essere prodotto da parte nostra è stato depositato sulla scorta di quanto ci era stato richiesto, con l’Avvocato. Toscano che ci rappresenterà in tale sede”.

CORRADO SUL CAMPIONATO. “Oramai puntiamo a consolidare il terzo posto per poi sfruttare al meglio i 20 giorni di riposo per affrontare al meglio i play-off nelle condizioni più ottimali, a cominciare da Mannini che dovrebbe essere già pronto a breve, essendosi calcificata la micro frattura al piede, ma anche per recuperare le migliori condizioni psicologiche e mentali determinanti per affrontare quello che a tutti gli effetti è un nuovo “mini torneo” che conta solo vincere”.

Oltre al contributo sul biglietto (che non inciderà sul prezzo che rimarrà invariato), ci sarà anche la possibilità di versare un contributo a titolo personale attraverso una raccolta fondi che si effettuerà all’Arena Garibaldi prima della partita. Una ragione di più, oltre che per sostenere la squadra nella corsa al consolidamento del terzo posto, per un’iniziativa benefica a favore di chi è meno fortunato di noi.

By