Pisa – Spal ai “raggi X”: le cifre del primo match stagionale dei nerazzurri

PISA – Il primo successo del Pisa in campionato ai danni della Spal è sicuramente positivo. Vincere aiuta a vincere ed è vero anche un gruppo nuovo rispetto che ha bisogno pian piano di amalgamarsi. Il mercato è ancora aperto e alcuni ritocchi è necessario farli per non rischiare di rimanere scoperti poi per tutta la stagione che in serie BKT è molto lunga.

di Antonio Tognoli

Contro la Spal il fulmineo vantaggio di Giuseppe Sibilli dopo trentatrè secondi (gol più veloce della prima giornata cadetta) al primo tiro nello specchio ha permesso al Pisa di mettere la freccia sulla squadra di Pep Clotet in tribuna e sostituito dal suo vice Escobar. Questo però ha favorito la reazione della Spal. Il Pisa si è abbassato troppo. Il lungo possesso palla 40:42 ha messo in difficoltà i nerazzurri che la palla l’hanno tenuta solo per 29:34 in totale. E questo sarà materiale su cui mister Luca D’Angelo dovrà lavorare per migliorare la squadra.

A tenere a galla il Pisa è stata la grande prestazione del portiere Nicolas Andrade che al 6′ ha detto no a Murgia con i piedi, al 22′ ha sventato un colpo di testa di Vicari e al 59′ ha tolto dall’angolino la rasoiata del bomber spallino Mancosu appena entrato e arrivato pochi giorni fa da Lecce per dare una mano all’attacco biancazzurro. Tre parate decisive che hanno tenuto a galla il Pisa. Alla fine saranno quattordici i tiri totali della Spal (sette nello specchio) contro gli otto nerazzurri (solo due nello specchio).

Soprattutto nel primo tempo abbiamo assistito ad una gara intensa senza un attimo di sosta, nè da una parte nè dall’altra. Equilibrio per gli offside, tre per parte. Il conto dei corner invece si è chiuso sul 5-4 per i nerazzurri. Tre i minuti di recupero nella prima frazione, quattro nel secondo tempo. Senza infamia e senza lode la direzione del Sig. Camplone. Molto severo in alcuni frangenti del match: sei in totale le ammonizioni, due per il Pisa con Marin e Caracciolo e quattro per gli estensi. In equilibrio anche le palle perse, ventuno in totale per i nerazzurri, contro le ventitrè della Spal.

By