Pisa – Venezia 1-2. Aramu e Longo firmano il successo lagunare

PISA – Il Venezia espugna l’Arena Garibaldi (2-1) e costringe alla seconda sconfitta consecutiva il Pisa passato in vantaggio con Masucci e rimontato ancora una volta da un rigore di Aramu e un gol in apertura di ripresa di Longo. Assalto finale con tre punte ma Pisa poco lucido che sbaglia sotto porta con Moscardelli e Vido.

di Antonio Tognoli

PRE MATCH. Mister D’Angelo deve rinunciare agli squalificati Soddimo e Marin. Il tecnico pescarese fresco di rinnovo schiera un 4-3-1-2. Davanti a Gori confermati Caracciolo e Benedetti. Torna Birindelli sull’out di destra con Lisi che mantiene la sua posizione sulla corsia mancina. Il centrocampo a tre è formato da Gucher, De Vitis e Pinato. In attacco Marconi e Masucci supportati da Minesso. Medesimo schema per il Venezia che deve rinunciare a Vacca che parte dalla panchina. Davanti a Pomini ci sono Cecccarelli e Riccardi. Centrocampo formato da Caligara, Fiordilino e Maleh. Aramu ha il compito di innescare le due punte Longo e Capello.

IL PRIMO TEMPO. Pisa in maglia nerazzurra, Venezia in maglia bianca con strisce verticali arancioneroverdi. Primi minuti molto equilibrati con un buon Pisa che tiene in pugno il match. Venezia chiuso a riccio all’indietro che fa molto pressing sui portatori di palla del Pisa. La prima occasione al minuto 12 è lagunare: Capello pesca Aramu poco dentro l’area di rigore sinistro rasoterra che fa la barba al palo wle termina a fondo campo. Il Pisa risponde al 17′ con un destro dal limite di De Vitis con palla che si perde sul fondo. Ma è ancora del Venezia l’occasione di passare in vantaggio. Capello avvia il contropiede da corner Fiordaliso che aveva seguito l’azione a rimorchio calcia ma Gori respinge con i pugni. Al minuto 20 scontro di gioco fra Lisi e Fiordaliso. Ha la peggio il difensore veneto costretto a lasciare il campo in barella. Dentro Lakicevic per gli ospiti. Intanto il Pisa conquista tre corner che però non hanno esito. Masucci (27′) corregge debolmente un traversone da destra di Gucher: para Pomini. Il Pisa gioca come al solito bene. De Vitis comanda le operazioni a centrocampo sfora il gol con un sinistro potente che termina fuori. Il gol è nell’aria però è arriva al minuto 38 con Masucci che su traversone da destra è il più lesto a deviare alle spalle di Pomini con una splendida semi rovesciata:1-0. Esplode l’Arena. Pisa in vantaggio. Ma la gioia dura poco purtroppo perché il Sig. Pezzuto al minuto 41 assegna il rigore ai lagunari per un presunto contatto fra Gori e Longo. Sul dischetto va Aramu che trasforma anche se Gori aveva intuito il sinistro del 10 lagunare. Il Pisa accusa il colpo il Venezia nel finale sfiora in contropiede il gol del vantaggio con Caligara, ma Birindelli è bravo a contrastare la conclusione del numero otto di mister Dionisi. Dopo tre minuti di recupero la prima frazione termina sull’1-1.

IL SECONDO TEMPO. Le due squadre tornano in campo per la ripresa senza alcune variazioni nei due schieramenti. Al primo affondo il Venezia passa con Longo che dal limite con un destro a giro fa secco Gori: 2-1 per i lagunari. Bello il tocco di prima di Aramu a liberare Longo. Pisa colpito a freddo. La risposta del Pisa è affidata al destro di Gucher deviato in corner. Il Pisa è costretto a fare la partita, il Venezia sfrutta gli ampi spazi lasciati dai nerazzurri in contropiede. Su uno di questi Gori chiude bene su Aramu. Al minuto 61 mister D’Angelo gioca la carta Vido al posto di Minesso. Il Pisa ci prova in tutte le maniere sugli esterni il Venezia però si chiude bene. I nerazzurri si conquistano anche un calcio di punizione dal limite. Gucher però calcia sulla barriera. Entra anche Moacagol al minuto 74. Si incarica subito della punizione dal limite ma anche il suo sinistro si infrange sul muro lagunare. Il Pisa insiste sempre con Moscardelli che scambia con Gucher, ma il suo destro dal limite termina a lato. Al minuto 80 mister D’Angelo si gioca la carta Siega che rileva Pinato. Nel Venezia fuori Aramu dentro Lollo. Pomini salva il risultato respingendo di pugno sulla linea un corner di Gucher. Al minuto 87 gran giocata di Vido fra due avversari apertura a sinistra per Moscardelli che si accentra e con il destro calcia alto. Peccato. Intanto nel Venezia dentro Monachello. Il Pisa attacca. Sono cinque i minuti di recupero. L’ultima occasione capita sui piedi di Vido che però calcia fuori con il destro. Seconda sconfitta consecutiva per i nerazzurri superata adesso in classifica dai lagunari.

PISA – VENEZIA 1-2

PISA (4-3-1-2): Gori; Birindelli, Caracciolo, Benedetti, Lisi; Gucher, De Vitis, Pinato (80′ Siega); Minesso (61′ Vido); Marconi, Masucci (74′ Moscardelli). A disp. Perilli, Dekic, Pisano, Belli, Pompetti, Fabbro, Perazzolo. All. D’Angelo

VENEZIA (4-3-1-2): Pomini; Fiordaliso (21′ Lakicevic), Riccardi, Ceccaroni, Molinaro; Caligara, Fiordilino, Maleh (88′ Monachello)); Aramu (84′ Lollo); Capello, Longo. A disp. Oliveira, Daffre, Zuculini, Vacca, Senesi, Marino, Zigoni, Simeoni, De Marino. All. Dionisi

ARBITRO: Pezzuto di Lecce (Ass. Cangiano – Lombardi). Quarto uomo: Petrella.

RETI: 38′ Masucci (P), 42′ Aramu (rig.), 47′ Longo (V)

NOTE: serata fresca, terreno in perfette condizioni. Ammoniti Molinaro, Lakicevic, Fiordilino. Angoli 6-3. Rec pt 3′, st 5′. Totale spettatori 7.641 per un incasso lordo di 80.272 euro.

By