Pisa – Verona 0-0. I nerazzurri frenano la corsa della capolista

PISA –  Il Pisa c’è. Gioca, lotta e strappa un punto alla capolista Verona che non va oltre il pareggio (0-0) all’Arena. Gara gagliarda dei ragazzi di Gattuso che hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo con una prova di grande carattere al cospetto di una formazione costruita per il passaggio diretto in massima serie.

di Antonio Tognoli

Mister Gattuso sorprende ancora e schiera un Pisa diverso rispetto alle previsioni della vigilia. Rimangono inizialmente in panca Cani e Crescenzi, il tecnico lancia dal 1′ ancora una volta Del Fabro in coppia con Lisuzzo al centro della difesa e Montella in attacco in tandem con Lores Varela. Mannini invece è schierato sulla linea dei centrocampisti. Sulla mediana invece spazio a Verna e Sanseverino e Golubovic mezz’ala destra. Anche Fabio Pecchia schiera inizialmente un Verona senza Valori, Maresca e Luppi, con Romulo prescelto nel ruolo offensivo. In difesa davanti a Nicolas ci sono Bianchetti, Cherubin, Caracciolo e Souprayen. In attacco il trio Romulo-Pazzini-Siligardi. All’Arena per questa sentitissima sfida sono presenti circa seimila spettatori. Potevano essere di più se la capienza dell’Arena fosse stata normale ed invece anche in occasione della sfida contro gli scaligeri la capienza non prevedeva l’ingresso superiore a seimila unità.

IL PRIMO TEMPO. Match vibrante e veloce sin dall’avvio. Montella (2′) ha subito la palla buona per portare in vantaggio i suoi lanciato in verticale, il numero undici nerazzurro però calcia addosso a Nicolas in uscita. Non si fa attendere la risposta della formazione di Pecchia che arriva al 6′: Fossati pesca in verticale Pazzini che Pasa in mezzo a Del Fabro e Lisuzzo entra in area e con il destro impegna Ujkani a terra. I nerazzurri nei primi minuti giocano giovani a viso aperto e alla pari contro la capolista. Al 7′ Mannini apre a sinistra per Longhi, che controlla e mette in mezzo, ma Nicolas esce e abbranca in presa la sfera a centro area. Al 12′ fanno il loro ingresso in Curva Sud i 250 tifosi del Verona giunti in Toscana. Ed iniziano gli sfottò tra le due tifoserie, rivali storiche, che tornano ad affrontarsi dopo 22 anni. Tornando al campo il Verona prova a spingere Siligardi serve Pazzini che al volo costringe Ujkani al primo intervento prodigio della partita. Quando spingono gli scaligeri danno sempre l’impressione di essere pericolosi. Al 16′ ci prova ancora Pazzini dai sedici metri, ma questa volta la sua conclusione termina abbondantemente fuori rispetto al palo di destra della porta di Ujkani. I nerazzurri però ribattono colpo su colpo alle offensive veronesi. Al 22′ Montella serva Varela che si accentra da destra, ma il suo sinistro viene ribattuto dal corpo di Cherubin. Sul proseguo dell’azione Mannini dall’out destro serve una palla deliziosa sul secondo palo a Golubovic, che però manca l’appuntamento con il tiro al volo. Peccato. Al 28′ è ancora Pisa. Questa volta i nerazzurri ci provano dalla distanza con il destro di Avogadri, che termina alto. Al 34′ si rende pericoloso il Verona: Siligardi con un cross dalla destra pesca Pazzini a centro area, controllo con il petto del “Pazzo” e destro che si infrange sulla traversa. C’è subito però la risposta del Pisa che tre minuti dopo va all’assalto del fortino veronese: Cross di Mannini da destra colpo di testa di Lisuzzo che coglie la parte superiore della traversa. Insistono i nerazzurri (42′): ancora uno spiovente, questa volta da sinistra di Mannini per la testa di Del Fabro, con palla che termina a lato. Al 44′ ancora una occasione per il Pisa capita questa volta sulla testa di Montella, che da due passi mette alto. Si va al riposo sul risultato di 0-0 con il Verona che chiude la prima frazione in sofferenza sui nerazzurri.

IL SECONDO TEMPO. La ripresa non e vibrante come la prima frazione di gioco. Al 4′ Mannini è costretto ad uscire in luogo di Lazzari che fa il suo ingresso sul terreno di gioco. Al 6′ viene ammonito Cherubin ro di un brutto fallo su Varela. Forze fresche in campo anche per mister Pecchia (11′): dentro Zucolini al posto di Fares. Il Verona tiene maggiormente il possesso palla, il Pisa è guardingo e cerca di sfruttare le ripartenze e le seconde palle con un pressing asfissiante. Al 13′ un Cross di Pazzini da dentro l’area è bloccato da Ujkani attento sul primo palo. Poche le sortite offensive dei nerazzurri. Al 18′ finisce sulla lista dei cattivi anche anche Sanseverino. Nella fila del Verona entra anche Zucolini e poco dopo Cani rileva Montella e Siligardi fa posto a Ganz nelle fila degli scaligeri. Al 37′ è proprio Zucolini a mettere i brividi a Ujkani con un sinistro radente appena dentro l’area ma il portiere kosovaro blocca a terra. A cinque dalla fine altro doppio cambio: Trianiello rileva Bessa per il Verona, mentre Peralta fa il suo ingresso a rilevare Longhi. Nel finale il Pisa prova a mettere a segno il colpo grosso, ma prima Varela (45′) dopo una bella discesa sulla sinistra non trova nessuno in area e la palla attraversa tutta l’area e termina sul fondo. Finisce 0-0. Un altro punto che sa di oro colato.

IL TABELLINO DEL MATCH

PISA – VERONA 0-0

PISA (4-4-2): 1 Ujkani; 2 Avogadri, 15 Del Fabro, 4 Lisuzzo, 3 Longhi (85′ 20 Peralta); 24 Golubovic, 8 Verna, 27 Sanseverino, 7 Mannini (49′ 19 Lazzari) 10 Lores Varela, 11 Montella (71′ 9 Cani). A disp. 22 Cardelli, 12 Giacobbe, 13 Crescenzi, 28 Gatto, 30 Fautario, 35 Mudingayi. All. Rino Gattuso.

VERONA (4-3-3): 1 Nicolas; 4 Bianchetti, 13 Cherubin, 30 Caracciolo, 18 Souprsyen; 23 Fares (56′ 14 Zuculini) 8 Fossati, 24 Bessa (83′ 7 Troianiello); 2 Romulo, 11 Pazzini, 26 Siligardi (71′ 9 Ganz). A disp. 12 Coppola, 16 Maresca, 20 Zaccagni, 10 Luppi, 25 Cappelluzzo, 27 Valoti. All. Fabio Pecchia.

ARBITRO: Manganiello della sezione di Pinerolo (Ass. De Troia di Teramo e Cecconi di Empoli). Quarto uomo Valiante di Salerno.

NOTE: serata calda e umida, terreno in perfette condizioni. Ammoniti 13 Cherubin (51′), 27 Sanseverino (63′), 8 Fossati (76′). Angoli 2-2. Rec pt 1′ st 3′. Spettatori 5950 (abbonati 2711, paganti 3239) per un incasso di 63.903

By