Pisa-Viareggio: la voce dei protagonisti. Parlano Pugliesi e Suagher

PISA – Amarezza in casa Pisa dopo il 3-0 del Viareggio all’Arena che ha estromesso clamorosamente i nerazzurri dalla partecipazione alla seconda finale consecutiva di Coppa Italia Lega Pro.

Non è bastato alla squadra di mister Alessandro Pane il 3-1 della gara di andata. L’approccio alla partita da parte della squadra non è stato dei migliori, poi la squadra è rimasta in dieci e ha subito in due minuti due reti da parte del Viareggio che hanno pesato come un macigno sul proseguo del match. Maurizio Pugliesi, portiere di Coppa dice: “Questa sconfitta si poteva evitare, non abbiamo avuto un buon approccio alla partita. Loro sono stati bravi a tovare il gol al momento giusto. Paradossalmente abbiamo avuto più occasioni in inferiorità nuemrica che non in undici contro undici. La chiave della partita è stata sicuramente nei due gol trovati dal Viareggio in due minuti. Per loro è stata una gran cosa, pe noi una gran mazzata, che poi abbiamo provato a recuperare, ma non ci siamo riusciti”. Sul calcio di punizione decisivo non potevi fare nulla? “L’ha calciata bene vicina al palo. Nel tentativo di arrivarci, ho toccato il palo, per cercare di spingerla fuori, ma invece è andata dentro”. Adesso? “Dobbiamo cercare di reagire subito per dimenticare questa giornata”.

Emanuele Suagher, un rientro triste

Davanti a microfoni e taccuini anche Emanuele Suagher che tornava contro il Viareggio per la prima volta dopo l’infortunio dal primo minuto. Non è stata proprio la miglior giornata per festeggiare il tuo ritorno… “Dispiace per il risultato, sia per la società che per i nostri tifosi. Cercheremo di rifarci nella prossima partita”. Come ti senti a livello fisico? “Ho i novanta minuti nelle gambe. E’ chiaro che dcvo ancora lavorare e cercare di migliorare allenamento dopo allenamento”. Chi vuoi ringraziare per il tuo periodo in cui sei stato infortunato? “Ci tengo a ringraziare tutti quelli che mi sono stati vicini, tutto lo staff medico, i miei compagni ed il Dott. Magli”.

By