#Pisacontestphoto , premio all’italo-argentino Eduardo Simaro

PISA – Si è svolta questa nell’atrio di Palazzo Gambacorti, alla presenza dell’Assessore al Turimo Paolo Pesciatini e del Presidente di PISAMO Srl Avv. Andrea Bottone, la cerimonia di premiazione del contest fotografico “Pisa Città ideale“, consistente nell’assegnazione di un monopattino elettrico.

di Giovanni Manenti

Tale premio, donato dalla partecipata “PISAMO Srl”, ha visto quale vincitore il medico italo-argentino Eduardo Marcos Ezequiel Simaro, grazie ad un’istantanea in bianco e nero che ritrae di spalle un bambino con una bicicletta all’ingresso di Corso Italia, quale espressione di una tranquillità urbana nel mentre tutto intorno la vita quotidiana mantiene il proprio ritmo tra il passaggio di turisti e le varie attività commerciali del Centro storico. Tutto questo è il risultato di un’accurata selezione delle ben 746 immagini che sono pervenute da 106 partecipanti al Concorso, non solo della nostra Penisola, ma altresì da Paesi europei ed extraeuropei, a dimostrazione di quanto Pisa e le sue bellezze siano una fonte di attrazione che non conosce confini.
Sicuramente non facile, pertanto, il compito della Giuria – composta dal fotoreporter Massimo Sestini, in qualità di Presidente e dai fotografi Fabio Muzzi e Andrea Valtriani, delle rispettive testate de “Il Tirreno” e “La Nazione” – dapprima nel ridurre a sole 12 foto le candidate al Premio e quindi a scegliere il soggetto vincitore.


Ed, alla fine, ad aggiudicarsi il Premio è stata un’opera che è uscita dai canoni tradizionali di evidenziare le bellezze architettoniche di Pisa conosciute in tutto il Mondo, ovvero il Prato dei Miracoli, la Cittadella, i Lungarni con la Chiesa della Spina o Piazza dei Cavalieri, ma che, viceversa, ha inteso privilegiare il lato umano della città, vale a dire una città “a misura d’uomo”, in cui fascino e vivibilità vanno di pari passo. Impossibilitato a ritirare di persona il premio, in quanto tornato in Argentina dopo 18 mesi vissuti in riva all’Arno con la propria famiglia, il Dottor Simaro è intervenuto in collegamento video da Azul, in Provincia di Buenos Aires, per tracciare un bel ricordo del suo soggiorno a Pisa e ricordare come il titolo della sua opera “Magari …” voglia essere un augurio ad una società dove si possa vivere sempre più liberi ed un bambino piccolo poter passeggiare con la sua biciclettina a rotelle, quale messaggio di speranza per un futuro migliore per l’intera umanità.

La ringrazio Delegata a ritirare il Premio, accompagnata dal padre Paolo, la giovane Matilde Piccinocchi che, durante la permanenza in Italia della Famiglia Simaro, aveva stretto amicizia con Victoria, una delle figlie del vincitore, visto che entrambe praticavano l’attività sportiva di Hockey su Prato presso il CUS Pisa. Una bella cerimonia, in conclusione, che siamo convinti abbia raggiunto l’obiettivo che si era posto l’Assessorato al Turismo al momento di indire il Concorso, e cioè quello di contribuire alla Campagna di Promozione Turistica della nostra città, denominata “Tutti i piani della bellezza” e che si sta tuttora sviluppando sui vari canali social (Facebook, Instagram e Twitter) del Comune di Pisa.

By