Più Pisa/Più Toscana e Rinascimento Italiano appoggiano Diego Petrucci candidato a Sindaco

PISA – Adesso è ufficiale. Alle Comunali di maggio, Più Pisa, declinazione locale di Più Toscana, il gruppo creato dai consiglieri regionali Antonio Gambetta Vianna e Gian Luca Lazzeri, presenterà una propria lista insieme a Rinascimento Italiano in appoggio al candidato di Noi Adesso Pisa, l’avvocato e consigliere comunale Diego Petrucci.

«Più Toscana – spiegano in coro Gambetta Vianna e Lazzeri – nasce dall’esigenza di mettere al centro dell’azione politica la difesa e la promozione della Toscana e dei toscani. Il nostro progetto sta avendo seguito anche in molte altre realtà locali, tra cui Pisa. Nella città della Torre Pendente è nata, quindi, Più Pisa, che mette al centro della propria politica i pisani e le loro realtà. Il nostro intento è quello di portare avanti trasversalmente e senza ideologie le istanze che arrivano dal territorio e che servono per rilanciare, promuovere e difendere le eccellenze della nostra terra».

Gian Luca Lazzeri (Più Toscana)

Sul sostegno a Petrucci interviene Maurizio Donati, responsabile provinciale pisano di Più Toscana. «Sosteniamo il leader di Noi Adesso Pisa – spiega – perché ha dimostrato di essere una persona valida e quadrata che può fare davvero qualcosa di buono per Pisa e per i suoi abitanti. L’operazione di Petrucci è seria ed ha scelto il momento giusto per farla. Essendosi sganciato dai partiti tradizionali, ci sono tutte le premesse per fare bene e per arrivare addirittura al ballottaggio».

Tra i candidati della lista di Più Pisa/Più Toscana e Rinascimento Italiano ci sono l’avvocato Maria Chiara Zippel, portavoce di Più Pisa, il consigliere provinciale pisano Roberto Sala (già candidato del centrodestra a Presidente della Provincia), lo storico Luciano Cini più diversi membri della società civile, tra cui molte donne. Nei prossimi giorni ci sarà la presentazione ufficiale della lista di Più Pisa/Più Toscana e Rinascimento Italiano dove si parlerà anche dei punti nevralgici del programma elettorale.

By