Play-out Lega Pro. Pro Piacenza e Savona si aggiudicano il primo round

PISA – Si sono disputati quest’oggi gli incontri di andata dei playout, la cui composizione è variata solo tre giorni orsono a seguito della riduzione da otto a cinque punti della penalizzazione comminata ad inizio torneo alla Pro-Piacenza, che si è così vista abbinare al Forlì invece che al Gubbio, come originariamente previsto.

lega_pro

Chi deve maggiormente rammaricarsi dell’esito di questo primo turno è il Savona che, sul terreno amico, non è stato capace di amministrare il doppio vantaggio maturato nel corso del primo tempo con le reti realizzate da De Martis al 36′ e da Sanna un minuto dopo, potendo altresì sfruttare la superiorità numerica derivante dall’espulsione del giocatore ospite Galuppo al 62′ per un doppio cartellino giallo rimediato nell’arco di cinque minuti. Viceversa, il punto messo a segno da Casiraghi per il Gubbio nei minuti di recupero rimette l’esito dello scontro in discussione, rimandando l’esito conclusivo alla partita di ritorno in terra umbra.

Con analogo punteggio di 2-1, ma con andamento diametralmente opposto, si è concluso anche il secondo incontro che opponeva al “Garilli” la Pro Piacenza ed il Forlì, con gli ospiti passati in vantaggio al 36′ con Arrigoni e raggiunti in finale di prima frazione di gioco da Matteassi. E’ stato poi Alessandro al 63′ a trasformare il rigore della vittoria per i piacentini per un successo che, comunque, non consente loro di considerarsi al sicuro da brutte sorprese in vista della partita di ritorno.

Nulla ancora deciso, dunque, per quanto attiene alle squadre che andranno a far compagnia al San Marino tra i Dilettanti ed attendiamoci, sabato prossimo, altre sfide da sconsigliare ai deboli di cuore.

Sabato 23.5.2015 – Partite di andata Playout Lega Pro – Girone B

Pro Piacenza 2 (45′ Matteassi, 63′ Alessandro rig.) – Forlì 1 (36′ Arrigoni);

Savona 2 (36′ De Martis, 37′ Sanna) – Gubbio 1 (93′ Casiraghi).

Sabato prossimo 30 maggio, il ritorno a campi invertiti, ricordando che, a parità di risultati e differenza reti al termine dei tempi regolamentari (non sono previsti tempi supplementari), avranno la meglio le squadre (Forlì e Gubbio) meglio posizionate in classifica alla fine della stagione regolare.

Giovanni Manenti

By