Ponte di Lugnano, summit in Prefettura. Confcommercio: “Garantire sicurezza e sopravvivenza alle imprese”

PISA – “Apprezziamo la disponibilità del prefetto Giuseppe Castaldo e condividiamo la sua volontà di garantire la massima sicurezza del ponte senza tuttavia mettere in ginocchio le aziende del territorio”.

E’ questo il bilancio del tavolo che si è svolto in Prefettura martedì 5 marzo, nelle parole del presidente dei commercianti di Lugnano Luigi Cecchi e del referente di ConfcommercioPisaLuca Favilli, in delegazione in Prefettura con i commerciantiRachele Moretti e Veronica Franchi.

Ci siamo presentati a questo vertice dopo un lungo lavoro di approfondimento e sensibilizzazione delle istituzioni che dura da sei mesi, dal governo ai comuni di Cascina e Vicopisano, passando per Regione Toscana e Provincia di Pisa, e forti di un mandato ricevuto dalle centinaia di aziende del territorio” dichiarano Cecchi e Favilli: “Considerando i milioni di fatturato, settanta, e i centinaia di posti di lavoro, oltre trecento, che andranno in fumo a causa della chiusura totale del ponte, secondo il cronoprogramma previsto e messo a bando dai tecnici della provincia, la nostra proposta di realizzare un ponte alternativo ha riscosso a quel tavolo consensi e condivisione quasi unanime”.

Una proposta che, preso atto del quadro complessivo della situazione, lo stesso Prefetto si è sentito in dovere di far valutare molto attentamente” – spiegano ancora Cecchi e Favilli – “incaricando il tecnico della provincia di Pisa presente, Cristiano Ristori, di produrre nel giro di tre settimane uno studio di fattibilità per la costruzione di un ponte alternativo e verifiche puntuali sull’attuale tenuta strutturale dei ponti di Lugnano e di quello della Botte”.

Troviamo estremamente positivo da parte del Prefetto, e per questo lo ringraziamo, la sua doverosa attenzione alle questioni della sicurezza, ma anche una medesima sensibilità alla tenuta economica e alla sostenibilità socio-economica delle tante imprese presenti sul territorio” – concludono Cecchi e Favilli.

By