Ponte Pasquale, pisani in viaggio verso la Giordania, il Marocco, la Spagna, Cuba e la Turchia

PISA – Pisani con la valigia in mano in vista del lungo ponte pasquale. Il calendario favorevole consente, soldi permettendo, di approfittare del lungo ponte da Pasqua fino al 4 maggio. Una congiuntura favorevole, che fa ben sperare gli operatori turistici.

IL LUNGO PONTE DI PASQUA. Maurizio Nardi, presidente della rete di impresa del turismo Vivere Pisa e titolare dell’agenzia di viaggi Samovar spiega la situazione: “Riscontriamo un discreto interesse, incoraggianti segnali di ripresa che promettono bene. Le maggiori richieste sono indirizzate verso le mete di medio raggio, come la Giordania, il Marocco con Marrakech alcune località della Turchia. Si confermano come molto appetibili, favorite dal calo del mar Rosso per le note vicende di instabilità politica, le destinazioni spagnole, isole Baleari e Canarie su tutte ma anche molte richieste sono concentrate verso Cuba e Santo Domingo, avvantaggiate da tariffe tutt’altro che proibitive”. Secondo Nardi “i pisani sfrutteranno soprattutto la settimana da giovedì 24 aprile fino a venerdì 2 maggio, finestra temporale meno costosa rispetto ai classici giorni pasquali. Le premesse ci sono tutte per una Pasqua migliore rispetto a quella del 2013, anche se l’interessamento dovrà poi concretizzarsi in prenotazioni effettive”. La situzione è in movimento anche per l’estate 2014, come conferma Nardi dal suo osservatorio privuilegiato: “Riscontriamo un ritrovato interesse per le vacanze estive, prenotate in anticipo rispetto agli scorsi anni. Un altro segnale che ci fa guardare con ottimismo ai mesi avvenire”.

ALBERGHI! ANDAMENTO STABILE. “Ad ora, non ci sono segnali che fanno sperare in una improvvisa accelerazione del movimento turistico”. A sostenerlo, in vista delle imminenti festività pasquali e del ponte del 25 aprile e primo maggio è Francesco Voltini, presidente di Confalberghi ConfcommercioPisa: “E’ diventato molto difficile fare previsioni” – spiega Voltini – “visto che ormai le prenotazioni avvengono tutte a ridosso delle festività. Un elemento senz’altro positivo sarà il bel clima, che dovrebbe invogliare i turisti a frequentare soprattutto le città d’arte come Pisa. La data più indicata è il ponte del 25 aprile rispetto alla Pasqua, in cui tradizionalmente non si va molto oltre la gita fuori porta”. Se gli italiani sono in sofferenza, qualche aspettativa in più arriva secondo Voltini dal mercato estero: “Riscontro che rispetto al 2013 i tour operator si sono mossi in anticipo rispetto alla stagione precedente e questo è comunque di per se un piccolo segnale positivo. In linea di massima, sarei più che soddisfatto se la Pasqua rispettasse l’andamento, pur non esaltante, dello scorso anno”.

La foto sotto è tratta da ilsole24ore.com

20140412-140457.jpg

You may also like

By