Pontedera-Benevento, la parola ai protagonisti

PONTEDERA – Conferenza stampa insolitamente affollata quest’oggi al “Mannucci”, la squadra di Indiani stà cominciando a catalizzare un sempre maggiore interesse anche a livello nazionale.

Tutti infatti riconoscono i grandi meriti della squadra granata, compagine che pur soffrendo molto cerca sempre il risultato attraverso il gioco. Gli uomini “più” dei granata ancora una volta si sono dimostrati Arrighini e Grassi protagonisti del reparto offensivo di gran lunga più prolifico della categoria che nella gara di oggi ha perforato tre volte la difesa di una delle big della categoria.

Il primo a presentarsi è l’ex tecnico del Pisa Guido Carboni, attualmente allenatore dei campani: “Purtroppo come già era successo nella trasferta precedente alla prima conclusione avversaria, subiamo gol. Dopo il vantaggio hanno potuto impostare la partita nel modo a loro più congeniale attraverso le ripartenze negli spazi, gioco in cui sono molto abili. I loro uomini migliori in campo aperto possono risultare devastanti. Il nostro rammarico più grande sono i molti cross e conclusioni effettuate male. Abbiamo avuto più volte la possibilità di riacciuffare la gara ma non ci siamo riusciti, anzi siamo stati puniti proprio nei nostri momenti migliori. Siamo ancora deficitari negli ultimi 16 metri, ma possiamo ancora crescere. Ho tolto Vacca perchè già ammonito, anche se non mi perdono il gol del definitivo 3 a 1, visto che dopo il gol di Altinier avevamo con 10 minuti a disposizione più recupero riaperto la gara, in modo meritato dopo molti sforzi. Purtroppo pochi secondi sono stati sufficienti a tagliarci definitivamente le gambe. Passo indietro sul piano della personalità ma non della prestazione. A Grosseto abbiamo recuperato lo svantaggio oggi non é stato possibile ma contro questo Pontedera sarà dura per tutti”.

Il bomber Felice Evacuo conferma le parole del suo tecnico: “Vanno resi grandi meriti al Pontedera, noi siamo mancati negli ultimi metri. Abbiamo avuto una grande reazione ed abbiamo perso da un’ottima squadra. Difficile giudicare il gol che ci è stato annullato ma è stata una leggerezza imperdonabile prendere il gol del 3 a 1 pochi secondi dopo aver accorciato le distanze. Dobbiamo assolutamente rifarci domenica nel derby con la Nocerina che è molto sentito dai nostri tifosi. In questa stagione tutte le partite saranno difficili perchè anche le squadre meno quotate giocheranno tranquille visto che non ci sono retrocessioni. Comunque Grassi e Arrighini sono giocatori in grado di fare la differenza in questa categoria”.

Per i padroni di casa il primo a prendere la parola è il presidente Donnini: “Bellissima giornata, essere in testa da soli alla vigilia del derby é aldilà di ogni più rosea aspettativa. Abbiamo sconfitto una grande squadra forse la più forte del girone, sicuramente quella che ci ha fatto soffrire di più sinora. Domenica ci aspetta un’altra grande partita contro una compagine tra le più quotate che affronteremo con la massima tranquillità. Voglio elogiare lo staff tecnico per aver portato questi ragazzi che da due anni ci stanno dando grandi soddisfazioni e anche questa stagione é partita alla grande. La bontà del nostro lavoro è testimoniata anche dalla presenza di un numero sempre maggiore di osservatori al “Mannucci”. Noi dobbiamo lavorare con i giovani e utilizzando mezzi limitati, per capire la nostra impresa basta osservare quanto hanno speso i nostri avversari odierni, compagine di gran lunga superiore anche alla Salernitana battuta domenica”.

Infine è il turno di Mister Paolo Indiani e Samuele Grassi. Il tecnico granata conferma la qualità del Benevento: “E’ in assoluto la squadra migliore tra gli avversari affrontati da quando sono su questa panchina. Senza dubbio superiore anche alla Salernitana, contro cui il nostro portiere fu quasi inoperoso. Oggi abbiamo sofferto per gran parte della gara come dimostrano le tante conclusioni che hanno effettuato. La partita di oggi fà capire bene la differenza enorme che esiste tra la Seconda Divisione, dove squadre paragonabili a quella campana non esistono e la Lega Pro. Spero di giocare il meno possibile in campi pesanti, perché la mia squadra, vista la sua conformazione fisica, soffre molto queste situazioni come si è visto. Se non avevamo il campo sintetico forse oggi non avremmo portato a casa la vittoria. Lo scorso anno le due prestazioni peggiori avvennero proprio su campi pesanti. Non vedo l’ora di essere a domenica è incredibile affrontare questo derby da capolisti solitari, cosa impensabile ad inizio anno”. Infine un breve commento dell’idolo locale Samuele Grassi: “Sulla punizione da cui è nato il primo gol volevo dare quell’effetto e far rimbalzare il pallone davanti al portiere per metterlo in difficoltà visto il campo bagnato. La fortuna invece non mi ha assistito sulla successiva traversa. Benevento e Salernitana verranno sicuramente fuori e alla fine saranno tra le protagoniste”.

il bomber del Benevento Evacuo affiancato da un soddisfatto DonniniEVAUO E DONNINInell’immagine la delusione di CarboniCARBONI

By