Pontedera esordio con il botto: 5 gol al Grosseto

PONTEDERA – Un grande Pontedera surclassa il Grosseto, al termine di una partita spettacolare ricca di gol e giocate da altra categoria.

La gara del “Mannucci” ha messo in mostra una squadra di Indiani in forma smagliante,trascinata dalle prodezze dei 2 suoi uomini più quotati, Arrighini e Grassi,veri e propri mattatori della serata dove hanno imperversato con le loro giocate e le loro reti facendo impazzire la difesa ospite. In realtà è tutto il complesso di Indiani che ha funzionato a meraviglia offrendo uno spettacolo  assai raro anche in categoria superiore. Prima dell’inizio della sfida il Pontedera riceve la premiazione per la vittoria dello scorso campionato e la coppa fair play,il riconoscimento della Lega alla squadra più corretta. Nelle fasi iniziali le due compagini sembrano studiarsi e si registrano molti contrasti duri a centrocampo. Si capisce comunque che i granata hanno una marcia in più sul piano dinamico e della velocità  e un collettivo più collaudato,come ammetterà a fine gara mister Statuto. I granata, dopo aver dato più volte l’impressione di poter sfondare sulla fascia destra, passano dopo appena tre minuti; servizio di Grassi per Arrighini che si infila in un varco centrale, entra in area e deposita con freddezza la palla in rete dopo aver superato Lanni in uscita. Trascorrono 60 secondi ed è il bis granata; ancora Arrighini indemoniato si libera e serve sulla sinistra l’accorrente Grassi che effettua un cross arretrato per Bartolomei che al volo dal vertice destro dell’area insacca alla sinistra dell’incolpevole Lanni. La squadra di Statuto comincia a sbandare, i difensori vengono messi continuamente in difficoltà dal pressing alto di Arrighini e compagni. Il ritmo è veloce,ci sono continui ribaltamenti di fronte e le occasioni fioccano. I biancorossi danno la sensazione di poter mettere in difficoltà la retroguardia pontederese ma non riescono ad essere insidiosi in fase conclusiva. Al 18′ la prima ammonzione della gara tocca a  Formiconi. Al 33′ il Grosseto accorcia le distanze.C’è un lancio dalla destra per Foglio che ha probabilmente un controllo irregolare con la mano sinistra in area,la sua conclusione dopo la respinta di Ricci, arriva sui piedi del liberissimo Giovio che da due passi a porta vuota non può sbagliare: 2 a 1 e gara  riaperta. Al 35 terzo gol del Pontedera sempre con Arrighini che approfitta di un grave errore di Biraschi che, disorientato dal pressing degli avversar, regala il pallone ad Arrighini  all’altezza del  dischetto del rigore, il bomber granata batte di prima e non perdona. Al 38’punizione per gli ospiti dai 30 metri in zona centrale Obodo lascia partire un bolide che si insacca alla sinistra di Ricci dopo aver colpito il palo,è il 3-2 per i biancorossi. Nel secondo tempo alla squadra di Indiani bastano 4 minuti per colpire ancora  scambio prolungato da manuale sulla destra tra Regoli e Caponi che taglia in due la difesa di mister Statuto, traversone perfetto per il solito Arrighini che si avventa e gira di testa nel set davanti ad un Lanni impietrito. Al 67′ la “perla della serata” su un lungo traversone granata c’è un colpo di testa all’indietro in appoggio di Arrighini, dai 40 metri arriva Grassi che vede Lanni fuori posizione e colpisce al volo con la palla di nuovo nel set, il “Mannucci” esplode. E’ la rete del 5 a 2 che chiude la gara, pubblico in visibilio. Esce Grassi sommerso da un’ovazione per D’Agostino. Dopo 5 minuti di recupero assegnati dal direttore di gara signor Pezzuto, che pur non influendo sul risultato, non è sembrato troppo convincente tutti a prendersi i meritati applausi.

Quello che abbiamo visto stasera al “Mannucci” è  stato un vero e proprio spot per il calcio, le 2 compagini meritano solo complimenti per quello che hanno fatto vedere. Ci auguriamo che in futuro il pubblico di Pontedera,che stasera vedeva tra le presenze Buso, Evani e Lucarelli, sia molto più numeroso perchè questi ragazzi meritano la massima considerazione e non è difficile prevedere per diversi di loro un futuro davvero roseo.

un momento della gara (foto pisanews.net)

By