Pontedera – Viareggio 2-2. Pari batticuore per i granata nel derby con il Viareggio

PONTEDERA – Il Pontedera rischia un’immeritata sconfitta nella sfida con il Viareggio, acciuffando un pareggio decisamente meritato solo nel recupero.

Il derby toscano della terza giornata di Lega Pro regala poco bel gioco ma molte emozioni;al “Mannucci” finisce 2 a 2.Pubblico più numeroso rispetto all’esordio con il Grosseto con una sparuta presenza di viareggini. Tutti sperano di rivedere lo spettacolare Pontedera all’opera contro il Grosseto.Speranza che andrà delusa. Neanche il tempo di mettersi a sedere e arriva la prima doccia fredda con l’immediato vantaggio ospite;punizione tagliata dalla sinistra di Vannucchi,giocatore da altre categorie agli sgoccioli della carriera,colpo di testa di Arrighini che infila la propria porta davanti ad un Ricci impotente. Il Pontedera fatica a reagire in modo efficace e il Viareggio si chiude a riccio imbrigliando il gioco granata. Gli ospiti prendono possesso del centrocampo, sfruttando la superiorità numerica nel settore nevralgico. I ragazzi di Indiani non trovano varchi e perdono sicurezza. I bianconeri sono più reattivi e ribaltano in modo più veloce l’azione grazie ad un gioco che non dà punti di riferimento con un pericoloso De Vena, molto mobile sul fronte offensivo,supportato a turno dagli inserimenti di Benedetti, Vannucchi e Pizza efficaci sia in fase di possesso che contenimento. La cronaca della prima frazione è scarna,dove si registra per il Pontedera una conclusione a volo alta di Gonnelli su cross da sinistra e alcuni buoni spunti di Grassi senza esito, tra cui una girata di testa centrale bloccata dal portiere avversario e una conclusione su cui Gazzoli si distende. Il n°10 dei locali è l’unico che sembra in grado di creare la superiorità numerica,anche se a volte eccede in leziosismi. La superiorità territoriale dei locali è decisamente sterile visto che anche il bomber Arrighini,servito poco e male,viene stretto nella morsa dei difensori avversari. Il Viareggio dal canto suo, più reattivo e ben disposto in campo,nelle sue poche sortite offensive mette spesso in difficoltà la retroguardia granata anche se Ricci, come il collega Gazzoli, non deve compiere interventi di rilievo.Il preludio al raddoppio ospite prima della mezzora quando uno scambio tra Benedetti e De Vena porta quest’ultimo al tiro dal limite che sfiora il palo a portiere battuto. Ultimo sussulto granata quando,dopo una respinta da calcio d’angolo della propria difesa, Pastore si invola verso l’aria servendo Arrighini al limite poi steso da Ferrari che riceve il primo “giallo” dell’incontro. Punizione senza esito. Al minuto 43 scende il gelo sul “Mannucci”, punizione conquistata e abilmente battuta da Vannucchi per l’accorrente Pizza, in sospetto fuorigioco,che serve De Vena nell’area piccola per il più facile dei gol. Pontedera al riposo sotto di 2 reti.Inizia la ripresa e comincia un’altra gara,con i ragazzi di Indiani all’arrembaggio senza più niente da perdere.Assalto che dà subito i suoi frutti;ennesimo angolo per il Pontedera respinto da Gazzoli e la palla dopo un rimpallo arriva a Pastore che di controbalzo infila il portiere ospite nell’angolino basso.Siamo al 47′ e la partita si riapre.Indiani, grazie anche all’innesto di Gasbarro per Verruschi,cambia modulo passando dal 5-3-2 al 4-4-2. Per Arrighini e compagni è il momento migliore, discesa sulla destra di Pastore che mette al centro per Caponi un pallone invitante,ma il capitano granata calcia fuori.Gli assalti alla porta di Gazzoli sono tambureggianti ma in fase finalizzativa manca sempre qualcosa. I cross dalle due fasce si sprecano ma raramente sono pericolosi.Uno di questi viene deviato fuori da Arrighini, anticipato provvidenzialmente qualche minuto prima di testa da Gazzoli.Seconda sostituzione per Indiani, esce Bartolomei per Settembrini. Le offensive granata sembrano lentamente perdere consistenza, il Viareggio mette dentro Romeo per Vannucchi. Al 35′ l’episodio che dà nuova linfa ai granata,bDe Latta già ammonito falcia da dietro Pastore e viene espulso. Quando ormai alla rimonta non crede più nessuno,accade l’impensabile;è il terzo minuto di recupero dei 5 concessi dall’arbitro,quando un lungo spiovente dalle retrovie arriva a D’Agostino subentrato a Di Noia che dopo il rimbalzo colpisce di collo per insaccare nell’angolo opposto. Lo stadio esplode e i granata possono festeggiare un pareggio sofferto ma ampiamente legittimo,che permette di mantenere la testa della classifica e l’imbattibilità.

PONTEDERA – Ricci, Regoli, Pastore, Pezzi, Gonnelli, Verruschi (dal 46´ Picone) Bartolomei (73′ Settembrini), Caponi, Arrighini, Grassi, Di Noia (81´ D´Agostino). A disp.Lenzi, Gasbarro, Romiti, Spada. All. Indiani

VIAREGGIO – Gazzoli, Celiento, Ferrari, Pizza, Lamorte, Falasco, Peverelli, Della Latta, De Vena (81′ Gerevini ), Vannucchi (68´ Romeo) Benedetti 6 (53´ Galassi). A disp. Furlan, Marongiu, Gemignani, Rosafio. All. Miggiano

ARBITRO: Cifelli di Campobasso

RETI: 5´ Arrighini (autorete), 45´ De Vena, 47´ Pastore, 93´ D´Agostino

NOTE: spettatori 1000 circa. Ammoniti: Ferrari, Falasco, D´Agostino. Espulso al 77´ Della Latta per somma d´ammonizioni

pontedera viareggio

By