Premio Nobel per la fisica. Anche Cascina orgogliosa per il contributo dato

Cascina  – Soddisfazione anche per Cascina in seguito alla notizia dell’assegnazione del premio Nobel per la fisica alla scoperta delle onde gravitazionali, alla quale ha partecipato anche l’osservatorio gravitazionale europeo Ego-Virgo di Cascina, tanto da essere menzionato nel premio.
Da stamattina, 3 Ottobre, sulla facciata del palazzo comunale in corso Matteotti, un grande striscione saluta l’assegnazione dell’ambitissimo riconoscimento scientifico anche all’osservatorio che sorge nelle tranquille campagne di Santo Stefano a Macerata: sono presenti anche il logo del comune di Cascina e quello di Ego-Virgo sui due buchi neri la cui fusione ha generato le onde gravitazionali poi “ascoltate” per la prima volta il 14 settembre 2015, e la cui scoperta fu annunciata l’11 febbraio 2016, nel corso di una conferenza stampa congiunta tenutasi in contemporanea a Washington e a Cascina, nella sede dell’osservatorio.

«Un grandissimo risultato anche per i nostri ricercatori del progetto Ego Virgo, citato nelle motivazioni del Nobel -commenta Susanna Ceccardi, sindaco di Cascina, sul suo profilo Facebook- uno straordinario orgoglio per tutta la comunità cascinese, che ospita sul proprio territorio l’interferometro gravitazionale Virgo. Proprio l’altro giorno, mi sono trovata a incrociare le dita auspicando questa vittoria insieme al direttore di Ego-Virgo, Federico Ferrini. Sono orgogliosa ed entusiasta per lo straordinario risultato dei nostri ricercatori».

«Dopo Michelangelo, Cascina torna nella storia internazionale del mondo – dice Luca Nannipieri, assessore alla cultura di Cascina – premio Nobel per la fisica 2017 ai ricercatori che hanno scoperto le onde gravitazionali, tra cui quelli di Ego Virgo (European Gravitational Observatory) che ben conosciamo e di cui siamo orgogliosi. Un ringraziamento fraterno al direttore Federico Ferrini e al fondatore Adalberto Giazotto. Mi rivolgo agli studenti: l’esempio di Virgo dimostra che la fatica dello studio, della ricerca e della conoscenza non è inutile e può essere preziosissima non solo per le nostre singole e individuali vite ma per l’umanità intera». (dp)

By