Presentata la Festa della Toscana 2017. Appuntamento il 13 dicembre agli Arsenali Repubblicani

PISA – Presentata presso la Sala Consiliare di Pisa la “Festa della Toscana 2017“, che si terrà mercoledì 13 Dicembre presso gli Arsenali Repubblicani.

di Giovanni Manenti

“Anche quest’anno – esordisce Ranieri del Torto – il Comune di Pisa è interessato nelle iniziative rivolte ai più giovani nel ricordo della Festa che cade il 30 novembre in cui a suo tempo il Granduca Leopoldo di Toscana, con un proprio editto, fu il primo Monarca al Mondo ad abolire la Pena di morte. Abbiamo quindi coinvolto diverse scuole ed è positivo che i circa 180 studenti che parteciperanno, oltre ad assistere ad alcuni interventi, in particolare del Prof. Tosi, avranno un ruolo attivo attraverso diverse attività, dalla musica, alla lettura e recitazione durante la mattinata del prossimo 13 dicembre agli Arsenali Repubblicani proprio per poter accogliere un numero così importante di partecipanti”.

“Ringrazio il Presidente sia per l’impulso dato alla manifestazione che per aver messo a disposizione gli Arsenali Repubblicani – afferma il Provveditore Giacomo Tizzanini –
per una ricorrenza che oggi diventa maggiorenne, visto che sono 18 anni che viene festeggiata e che oggi ha come tema il rapporto tra Pisa ed i Lorena, e non è casuale che proprio nella nostra città il Granduca decise di firmare la riforma del Codice Penale che, tra le altre cose, aboliva la pena di morte. Importante il coinvolgimento degli studenti in questa ottica, con la recitazione di brani sugli argomenti a temi, unitamente a brani musicali, il tutto nell’ambito di iniziative che hanno un valore se affrontano sempre tematiche di attualità e sarei felice se nei prossimi anni fosse allargata la platea studentesca, con il coinvolgimento anche dei ragazzi più giovani per un ulteriore crescita

“Aggiungo che si tratta di una festa cresciuta in questi anni – dice Riccardo Buscemi – soprattutto per essersi allargata come base giovanile su di una tematica come la pena di morte che ha visto la Toscana all’avanguardia in questo ambito, nella speranza che i giovani possano sia acquisire sempre maggiore consapevolezza di questi argomenti che scegliere in futuro di potersi anche cimentare in un impegno politico a tutela del patrimonio culturale ed artistico della nostra città”.

“È giusto osservare come una Regione come la Toscana fra le opzioni per celebrare la sua festa abbia scelto proprio la riforma del Codice Penale leopardiano – dice l’assessore Andrea Ferrante – che ha rappresentato una pietra miliare anche per altri Stati, e proprio per questo è fondamentale il coinvolgimento dei ragazzi delle scuole per vincere una battaglia di principi non ancora completata nel mondo. Dobbiamo pertanto ringraziare il Provveditorato agli Studi che con la consueta sensibilità ha supportato questa iniziativa, che si interseca nel corso del Consiglio comunale che si aprirà alle ore 9 presso gli Arsenali Repubblicani per poi dare la parola al Prof. Alessandro Tosi e lasciare spazio ai giovani, ivi compresa l’orchestra del Liceo Musicale Carducci”.

Loading Facebook Comments ...
By