Presentata la nuova stagione di prosa e danza al Teatro Verdi di Pisa. Si parte con “La Locandiera”, protagonista Amanda Sandrelli

PISA – Dopo il positivo debutto della stagione lirica con l’opera inaugurale “L’Empio Punito“, che ha riscontrato ampi consensi di pubblico e critica, presentata giovedì 17 ottobre la stagione di prosa e danza del Teatro Verdi di Pisa sotto la direzione artistica di Silvano Patacca e che vedrà la prima rappresentazione il 2 e 3 novembre con “La Locandiera” che vede quale protagonista Amanda Sandrelli, cui, la settimana successiva andrà in scena il primo spettacolo di danza “Cenere Cenerentola” della Compagnia “Naturalis Labor” del Coreografo Luciano Padovani. 

di Giovanni Manenti 

Un cartellone di tutto rispetto che ha già trovato il favore del pubblico, laddove si consideri che gli abbonamenti per la stagione di prosa hanno superato quota 1000 e, d’altronde, non poteva essere altrimenti avendo riferimento sia agli spettacoli proposti che agli attori chiamati ad esibirsi sul palcoscenico del Teatro Verdi, tutti di spessore ed ampiamente noti al grande Pubblico, quali Michele Riondino, una spettacolare Veronica Pivetti nel doppio ruolo portato alla fama cinematografica da Julie Andrews in “Viktor and Viktoria”, per poi proseguire con Alessandro Gassman che ha curato la regia de “Il Silenzio grande” che vede Massimiliano Gallo nel ruolo del protagonista, assieme a Monica Nappo e Stefania Rocca.

Altro personaggio particolarmente atteso è Alessio Boni che, assieme a Serra Ylmaz nel ruolo di Sancho Panza, interpreterà il celebre perslonaggio di “Don Chisciotte” uscito dalla fantasia di Cervantes.

Non mancheranno eventi un po’ più leggeri, come la rivisitazione da parte del duo comico Ale e Franz del famoso dramma di Shakespeare, rimodulato in “Romeo e Giulietta, nati sotto contraria stella”, così come toccherà a Lello Arena essere protagonista di “Parenti serpenti”, mentre a concludere la stagione provvederà Marisa Laurito con il suo “Così parlò Bellavista”.

“Dopo la presentazione della stagione della Lirica, non posso che essere orgogliosa del cartellone della Prosa che si prefigge di soddisfare tutti i gusti del nostro pubblico – afferma Patrizia Paoletti Tangheroni – costituito da studenti al pari di amanti della Prosa così come il settore famiglie, come dimostra l’incremento di circa il 25% degli abbonamenti che fa sì che per l’anno prossimo saremo costretti a mettere in calendario anche una terza replica”.

“L’incremento consistente degli abbonati ci porta ad avere maggiori responsabilità per non deludere il pubblico nella predisposizione del cartellone – dice soddisfatto Silvano Patacca – in ordine al quale mi sono confrontato con la Presidente Paoletti Tangheroni addivenendo alla predisposizione di una serie di appuntamenti con titoli conosciuti interpretati da attori ben conosciuti non solo a livello teatrale, ma anche di cinema e televisivo, cui abbiamo abbinato anche pieces teatrali di minor conoscenza al grande Pubblico per le quali ci attendiamo un positivo riscontro in fatto di critica. Per ciò che riguarda la Danza abbiamo cercato di spaziare tra danza contemporanea con classici come Il Lago dei Cigni – Prosegue Patacca – al pari di uno spettacolo internazionale quale Alice in Wonderland, mentre prima della chiusura della stagione ci sarà il progetto anticorpi presso il Teatro di Sant’Andrea, per poi essere allo studio una serie di iniziative collaterali in collaborazione con la Università di Pisa, che ha fornito positivi risultati per ciò che riguarda la sottoscrizione degli abbonamenti”.

“Come assessore alla cultura – afferma Pierpaolo Magnani – non posso che essere soddisfatto per il livello di abbonamenti raggiunto, il che conferma la bontà e l’equilibrio delle proposte in calendario ed in particolare apprezzo il ritorno della Festa della Danza, un settore a me particolarmente caro”.

By