Presentata la Pisa Half Marathon 2019. Foto e video

PISA – Non potevano essere scelti luoghi e data migliori per presentare l’edizione 2019 della “PISA HALF MARATHON” che si svolgerà domenica 13 ottobre e ciò in quanto la stessa è avvenuta presso la Sala Riunioni del Rettorato dell’Università di Pisa – dato che ricorre anche il 50.mo anniversario del primo corso di Laurea in Informatica in Italia, inaugurato nel 1969 presso l’ateneo cittadino – ed inoltre poiché proprio mercoledì 2 ottobre ricorre la prima vittoria di un atleta azzurro nella Maratona alle Olimpiadi, risalendo ai Giochi di Seul, dove Gelindo Bordin ebbe modo di mettersi la medaglia d’oro al collo. 

di Giovanni Manenti

Una manifestazione, quella della “PISA HALF MARATHON“, che ha un valore che va anche al di là del mero fatto agonistico, in quanto si prefigge di sensibilizzare l’opinione pubblica circa il valore della donazione di organi e tessuti, necessari per poter procedere ai trapianti degli stessi e conseguente salvezza di vite umane, motivo che sta particolarmente a cuore al Prof. Ugo Boggi, famoso specialista a livello internazionale in tale settore, ma altresì grande appassionato di corsa, il quale è il principale animatore, nonché mente organizzativa della manifestazione.

A fare gli onori di casa, come giusto che sia, è comunque il Magnifico Rettore Prof. Paolo Mancarella, il quale tiene a rilevare come: “la “PISA HALF MARATHON”, giunta alla sua tredicesima edizione, si sta oramai trasformando in un grande evento per la nostra città, dato che consente l’arrivo di migliaia di persone da tutta Italia e dall’estero e con una forte motivazione sottostante costituita dalla donazione degli organi per un messaggio di solidarietà che consente di mettere in mostra valori che sono sempre più importanti in una realtà quotidiana piena di difficoltà, senza trascurare il fatto che quest’anno vi è altresì la coincidenza con un Anniversario per me molto emozionante che è quello dei 50 anni dalla istituzione del primo Corso di Laurea in Informatica a livello nazionale, tanto che sulle magliette e medaglie che saranno distribuite vi sarà il logo di “Informatica50″, che poi è il motivo per cui sono venuto proprio a studiare a Pisa”.

“L’importanza che il nostro Ateneo riserva allo Sport”, conclude il Prof. Mancarella, “è figlia di quanto oramai anche i testi scientifici dimostrano, e cioè che chi pratica un’attività fisica ha maggiori probabilità di successo sia negli studi che nella vita professionale, ragion per cui stiamo cercando di far passare questo messaggio il più possibile tra i nostri studenti, mentre per quel che concerne la Manifestazione oggetto della presentazione odierna non posso che rimarcare che la stessa non potrebbe aver luogo senza la presenza e la passione del Prof. Ugo Boggi, al quale sono estremamente grato poiché, oltre ad essere un grandissimo Professionista di fama internazionale, è una persona di una sensibilità straordinaria il cui impegno profuso per organizzare un tale evento è qualcosa di assolutamente encomiabile”.

Alla presentazione era invitato anche il Sindaco di Pisa Michele Conti, il quale ha sottolineato: “È ormai da anni un evento importante per la città di Pisa, che sotto la mia amministrazione si trova a viverlo per la seconda volta, non potendo che ringraziare anch’io il Prof. Boggi ed i suoi collaboratori sia per l’efficienza dell’organizzazione che per il valore umanitario della Manifestazione, essendo legata a favorire la donazione degli organi, e noi come Giunta siamo lieti di poter collaborare per un migliore svolgimento possibile della gara mettendo a disposizione gli Agenti di Polizia Municipale lungo tutto il percorso e l’arrivo”.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’intervento del Questore, Dr. Paolo Rossi, che si è limitato ad evidenziare come: “ciò che mi rende maggiormente felice di questa presentazione è l’opportunità che mi ha dato di conoscere personalmente il Prof. Ugo Boggi, del quale sono rimasto particolarmente colpito per l’entusiasmo che lo accompagna sia sotto l’aspetto meramente organizzativo che per come si propone in merito alla questione della donazione degli organi, mentre per quanto di mia stretta competenza, non posso che assicurare il massimo impegno da parte delle forze dell’ordine affinché domenica 13 tutto si svolga nella massima regolarità”.

Il Presidente di ACQUE Spa, Giuseppe Sardu, ha espresso il proprio parere, rilevando come: “non appena siamo stati contattati ed abbiamo avuto modo di conoscere il Prof. Ugo Boggi, ci siamo subito fatti parte diligente, come Ente, al fine di utilizzare l’evento sportivo come ulteriore veicolo di sensibilizzazione verso la popolazione per quel che riguarda la difesa e la salvaguardia dell’ambiente, valori che ci stanno particolarmente a cuore e che rappresentano una delle più importanti sfide della nostra generazione”.

Ha quindi preso la parola il Prorettore con delega allo Sport Marco Gesi, il quale non ha mancato di: “ringraziare il Prof. Mancarella in quanto l’Università di Pisa è sempre all’avanguardia in ogni settore dell’attività sportiva, facendo mio il messaggio dal medesimo lanciato su come l’attività fisica sia una componente determinante nella crescita di ogni studente, poiché lo Sport, oltre a potenziare e tonificare la muscolatura, porta al suo interno valori importanti quali il rispetto dell’avversario e la cultura della sconfitta che poi tornano a favore una volta concluso il ciclo di studi, ed al riguardo, mi preme sottolineare come, tra le novità dell’edizione 2019 della “PISA HALF MARATHON” vi è anche la possibilità di visitare la Sede dell’EXPO (venerdì 11 e sabato 12 ottobre), posizionata in Piazza Vittorio Emanuele II”.

Più volte citato e chiamato in causa, il Prof. Ugo Boggi ha concluso la mattinata con poche, ma sentite parole, con cui: “mi associo ai ringraziamenti già fatti, perché una Manifestazione che sta crescendo anno dopo anno ha bisogno dell’aiuto di tutti, dell’Amministrazione Comunale in primis, ma anche delle Forze dell’Ordine, mentre per ciò che concerne il duplice aspetto sportivo e di sensibilizzazione alla donazione, abbiamo quest’anno deciso di abbinare una corsa sui 10km. non competitiva – il che significa potersi iscrivere senza dover superare i vari aspetti burocratici – ai cui partecipanti saranno comunque consegnate medaglia e maglietta commemorativa, allo scopo di avvicinare sempre più persone alla corsa su strada”.

“Abbiamo altresì studiato un percorso”, conclude il Prof. Boggi, “che comportasse il minor disagio possibile alla cittadinanza, mentre per quel che riguarda le iscrizioni le stesse stanno procedendo molto bene, con partecipanti da oltre 24 Nazioni, il che ci fa sperare di superare il numero di presenze della scorsa edizione, avendo come obiettivo quello di organizzare l’anno prossimo il “Campionato Mondiale di Half Marathon” per atleti trapiantati, avendo già inoltrato apposita richiesta alla IAAF, il che rappresenterebbe indubbiamente il miglior spot pubblicitario per favorire la donazione si organi”.

By