Presentati ufficialmente i sei nuovi acquisti. Conosciamoli meglio

PISA – Il Pisa ha presentato ufficialmente i sei nuovi acquisti. Andiamo a conoscerli meglio nelle nostre schede.

Samir Ujkani, portiere, nato a Resnik (Albania) il 5 luglio 1988. Arriva a titolo temporaneo dal Genoa, dove è tornato dopo l’esperienza dello scorso anno con la maglia militato del Latina nel campionato cadetto, dove ha totalizzato 21 presenze. Ha mosso i primi passi in Belgio nelle giovanili dell’Anderlecht, poi due stagioni a Palermo in serie A con una sola presenza. Ha vestito inoltre la maglia del Novara dove ha partecipato alla scalata dalla serie C alla serie A e dove ha incrociato Andrea Lisuzzo. Nel 2013 la promozione a Palermo dalla serie cadetta alla massima serie.

Gennaro Scognamiglio, difensore, nato a Gragnano (Napoli) il 24 Aprile 1987. Arriva a titolo definitivo dal Trapani. Ha firmato con la società nerazzurra un contratto triennale. Scognamiglio è un giocatore di sicuro affidamento per il reparto difensivo di Gattuso. Il giocatore napoletano ha fatto la cosiddetta gavetta. Due anni di serie D con Savoia e Sangiuseppese con cui conquista la promozione nella vecchia C2. Poi partecipa nella stagione 2008-09 alla promozione in B del Crotone che lo gira al Cosenza. Poi la promozione con la Juve Stabia di Braglia dalla C1 alla B. Nelle ultime tre stagioni indossa le maglie di Perugia, Benevento (Lega Pro) e Trapani (B) realizzando 17 gol.

Alessandro Longhi, esterno sinistro, nato a Desenzano sul Garda (Brescia) il 25 giugno 1989. Svincolatosi dal Sassuolo dove ha militato per ben cinque stagioni ha firmato con il sodalizio nerazzurro un contratto biennale. Con il Sassuolo ha conquistato la storica promozione dalla B alla serie A nella stagione 2012-13. Con la maglia neroverde ha totalizzato ben 139 presenze con tre gol all’attivo. La carriera calcistica di Longhi però parte da Salo dove disputa tre campionati di serie D arrivando alla promozione nella stagione 2008-09. L’anno dopo la squadra cambia denominazione e diventa Feralpi Salo. Un anno in C2 e poi il promettente terzino sinistro sbarca in serie B con un doppio salto con la maglia della Triestina totalizzando 29 presenze e un gol.

Dario Del Fabro, difensore, è nato ad Alghero il 24 marzo 1995. Sbarca all’ombra della Torre dal Cagliari con la formula del prestito con diritto di riscatto e controriscatto. Giovane promettente di cui si dice un gran bene, scoperto da Gianfranco Matteoli che all’età di 13 anni lo porta nelle giovanili del Cagliari. Fa tutta la trafila delle giovanili si guadagna la fiducia dei tecnici e totalizza tra i giovani rossoblù in due stagioni undici presenze e viene ben presto aggregato alla prima squadra. Debutta in serie A nella stagioni 2012-13 totalizzando tre presenze così come l’anno successive. Sono sei in totale le presenze in massima serie. Breve avventura in Inghilterra con il Leeds United. La scorsa stagione viene girato in prestito in serie B all’Ascoli dove totalizza dieci presenze.

Massimiliano Gatto, attaccante è nato a Trebisacce (Cosenza) il 28 ottobre 1995. Fratello di Leonardo, ex nerazzurro, arriva a Pisa a titolo temporaneo dal Chievo Verona con la formula del prestito con diritto di riscatto e controriscatto. Nasce calcisticamente nel Chievo Verona, giocatore dotato di una buona velocità si mette in mostra nei giovani del Chievo. Primo anno di rodaggio nel settore giovanile con sole tre presenze e nessun gol, poi la crescita nella stagione 2013-14 con 14 gettoni e due gol. La società scaligera lo cede in prestito al Carpi dove totalizza 11 gettoni di presenza senza segnare. Lo scorso anno Gatto ha vestito la maglia della Pro Vercelli. In Piemonte 11 presenze e un solo gol.

Santiago Colombatto, centrocampista offensivo, è nato a Cordoba (Argentina) il 17 gennaio 1997. Il fantasista fortemente voluto dal Dg Fabrizio Lucchesi, arriva dal Cagliari con la formula del prestito con diritto di riscatto d controriscatto. Il giovane argentino si è messo in evidenza nelle giovanili rossoblù dopo il suo arrivo dal River Plate. Totalizza 15 presenze facendo il suo esordio con la maglia numero 36, nella serie cadetta con mister Rastelli lo scorso campionato a Latina e totalizzando cinque gettoni di presenza. In Sardegna è considerato il “piccolo Redondo” Il motivo? Ha caratteristica più unica che rara: non perde quasi mai un pallone. Ed è da tutti considerato un predestinato.

By