Presentazione Sede e programma di Articolo Uno. Un nuovo centro sinistra al servizio dei cittadini

PISA – Si è svolta in via San Martino, la presentazione della sezione pisana del Gruppo “Articolo Uno – Movimento Democratico e Progressista”, il cui nome si riferisce, appunto, all’articolo 1 della Costituzione, che definisce l’Italia “una repubblica democratica fondata sul lavoro” ed afferma il principio della sovranità popolare.

di Giovanni Manenti

Le foto

Una sede ancora in allestimento, quella posta in via San Martino, ma che trova la sua collocazione in spazi ampi, necessari per porre in atto le iniziative che il neo gruppo politico si prefigge, primo tra tutti ritrovare un contatto diretto con i cittadini, come spiegato dall’ex Sindaco di Pisa Paolo Fontanelli, attuale parlamentare e rappresentante alla Camera dei Deputati per Articolo Uno.

Abbiamo promosso questo incontro, esordisce Fontanelli, con l’intento di presentare la sede che dovrà fungere non tanto come sede del Partito stesso, ma da punto di riferimento per iniziative e confronti su temi politici e culturali, con l’intento di combattere la “politica in rete” o come rappresentanza, e la scelta ricaduta sull’affitto di questa sede impegnativa va in questa direzione, poiché gli ampi spazi a disposizione ci consentono di allestire una saletta destinata a detti incontri”.

Accogliamo come di buon auspicio, prosegue Fontanelli, la concomitanza di questa presentazione con la notizia della liberazione di Gabriele Del Grande, il giornalista italiano imprigionato in Turchia in palese contrasto con il diritto alla libertà di stampa e d’informazione, prendendo spunto da ciò per ribadire come il nostro obiettivo primario sia quello di essere un soggetto che si batte per un’idea diversa di sinistra, al fine di creare un nuovo centrosinistra che metta al centro del proprio programma le problematiche relative al livello occupazionale ed alla qualità della vita”.

Al riguardo, continua l’Onorevole, dopo l’incontro con Giuliano Pisapia che sarà a Pisa venerdì prossimo (ore 17,30 cinema Lumière, ndr …), il nostro impegno a breve scadenza è rivolto alla vera inaugurazione della sede per lunedì 8 maggio prossimo alla presenza di Francesco Laforgia, Capogruppo di Articolo Uno alla Camera, cui il 18 successivo farà seguito una visita nella nostra città da parte di Pier Luigi Bersani, mentre da punto di vista dell’attività politica proseguiremo nel lavoro sulla questione inerente al testamento biologico, la cui proposta di legge è stata approvata dalla Camera, tenendo viva l’attenzione dei cittadini su questa vicenda, che sicuramente troverà maggiore ostruzionismo in Senato”.

Altri punti focali del nostro programma – insiste Fontanelli – sono le problematiche della scuola, in ordine alle quali abbiamo avuto, non più tardi di venerdì scorso, un positivo incontro con il corpo insegnante da cui è emerso il loro malessere su come la formazione scolastica sia attualmente mal gestita, mentre dovrebbe rappresentare un tema centrale per il futuro di un Paese, mentre per quanto attiene alle tematiche inerenti al lavoro, è giunto alla fine del percorso il decreto che ha sancito l’abolizione dei voucher, un piccolo passo in avanti, ma che certamente non ne risolve i problemi in termini occupazionali e di qualità dello stesso”.

Sul versante locale, puntualizza Fontanelli , è nostra intenzione dare vita, a partire dal prossimo giugno, anche ad iniziative culturali, aprendo un laboratorio sui problemi di Pisa in vista delle elezioni comunali del prossimo anno, al fine di individuare le priorità su cui operare sulla base di quanto emergerà dal confronto con i cittadini, poiché se pensiamo che si possano dare delle risposte escludendone la loro partecipazione ricadremmo nell’errore commesso in questi ultimi anni di rilascio di una delega a pochi, circostanza che ha determinato – e poi confermata dai preoccupanti dati relativi alla crescita dell’astensionismo in sede elettorale – una caduta di credibilità della politica e dei partiti, accentuata dal fatto che sono mancate le risposte ai problemi, nonché da alcuni aspetti di corruzione, con ciò dando vita all’ondata populista, di protesta e di “anti sistema”, che ha potuto far leva sul malessere ed il malumore diffuso a livello sociale”.

Il nostro obiettivo pertanto – ha concluso l’ex Sindaco – è quello di stare nel centrosinistra rivedendone i programmi, poiché se andiamo a confrontare quello che è stato fatto dal Governo Renzi rispetto a quanto a suo tempo condiviso, ci rendiamo conto che le soluzioni adottate in ambito economico e sociale hanno avuto un connotato molto più centrista che non di centrosinistra, e pertanto, rifacendosi alle questioni della nostra città, con la fine di questo mandato si dovrà cercare una nuova alleanza ed il relativo programma sarà tutto da costruire, non solo in termini di continuità politica, ma anche di innovazione, ascoltando soprattutto i cittadini e le loro esigenze”.

Un Fontanelli dunque, e con lui gli esponenti del Gruppo Articolo Uno, ben decisi a dare battaglia al fine di far riacquistare fiducia e credibilità al centrosinistra attraverso una politica di piena apertura al dibattito ed al confronto con i cittadini, i quali possono pertanto contare da ora in poi su di un luogo ben definito come la sede del nuovo Gruppo politico per manifestare le loro esigenze, con la speranza che le relative indicazioni possano poi trovare attuazione pratica nelle decisioni dell’Amministrazione Comunale.

By