Presentazioni d’autore nel week end della Libreria Civico 14 a Marina di Pisa

MARINA DI PISA – Venerdì 31 luglio alle 18,30 alla Libreria Civico 14 di Marina di Pisa la scrittrice inglese Liz Chester Brown presenta il suo libro Io sono una famiglia.

Sullo sfondo di una Liguria arroccata tra cielo e mare, le vicende di Arianna, dall’infanzia all’età matura, raccontate con sereno distacco e un pizzico di ironia. Un dramma familiare moderno che, con la leggerezza di un battito d’ali, non volge mai in tragedia grazie all’incrollabile forza dell’amore.

La protagonista, nata e cresciuta senza l’amore materno, riuscirà infatti a uscire dal suo labirinto tirando fuori tutta l’energia positiva e costruttiva trasmessale dal padre e tenuta soffocata dalla malattia della madre.

Sabato 1 agosto alle ore 18 nel giardino del Villino Ermione, Veronica Manghesi presenta la sua raccolta di poesie, I pesci non urlano di (Giovane Holden editore). Insieme all’autrice Alessandro Scarpellini, poeta, educatore e curatore della postfazione e Daniela Bertini, insegnante, attrice e titolare dell’Associazione Culturale Il Gabbiano, che leggerà alcune poesie. Veronica Manghesi è nata a Pisa nel 1969 e vive a Marina di Pisa. Poetessa Federiciana, è Accademica dei Disuniti e Consigliera della Proloco Litorale Pisano. Nel 2015 è stata scelta dalla Direzione Generale della Fondazione Mario Luzi Editore per essere pubblicata nell’Enciclopedia di Poesia Contemporanea. Premiata in molti importanti concorsi cittadini e nazionali, è stata pubblicata in numerose antologie poetiche pregevoli e partecipa attivamente agli eventi per la valorizzazione culturale ed intellettuale del suo territorio, incluse le letture pubbliche dei grandi classici a cura della Scuola Normale Superiore di Pisa. Ha pubblicato nel 2014 la sua prima raccolta, “Il mio mare all’improvviso” (MdS Editore) e nel 2020 il suo secondo testo poetico “I pesci non urlano”.

Domenica 2 agosto, alle ore 18,30, sempre alla Libreria Civico 14, è la volta del libro I sentinelli, Edizioni Tlon. In un tempo in cui si fanno forti i venti dell’intolleranza, i Sentinelli di Milano hanno radunato nelle piazze e sul web migliaia di persone, con lo scopo di riscoprire il valore della partecipazione civile nel creare una società inclusiva. Con questo libro provano a raccontare il mondo come lo vorrebbero e come stanno contribuendo a costruirlo: pieno di colori. Ripercorrendo le tappe più significative del loro cammino, il libro vuole essere un divertente ed efficace prontuario di come, tra musica e testimonianze, si possa reagire all’intolleranza e impegnarsi per i diritti di tutti, veicolati attraverso la freschezza, l’ironia e la molteplicità di storie e punti di vista che li hanno fatti amare.

I Sentinelli di Milano, nati una calda domenica d’ottobre del 2015, sono ormai diventati un cardine di antifascismo e laicità per tutta Italia. Li compongono decine di anime, storie, sfumature diverse. A unirli, un comune tratto distintivo: la visione colorata e allegra, ma sempre battagliera, di una società/primavera all’insegna dell’inclusione.

Loading Facebook Comments ...
By