Primo appuntamento per Anima Mundi. Durante il concerto la raccolta delle offerte della Caritas

PISA – Concerto inaugurale venerdì 7 settembre alle ore 21 in Cattedrale a Pisa per la XVIII edizione di Anima Mundi, la rassegna Internazionale di Musica Sacra organizzata dall’Opera della Primaziale Pisana.

In occasione dei 900 anni della dedicazione della Cattedrale di Pisa, Anima Mundi propone un cartellone che, con gli ormai tradizionali sette concerti tra la Cattedrale e il Camposanto, conferma la sua vocazione a portare in Toscana le realtà più prestigiose della musica sinfonica e cameristica internazionale. Ma molte e di rilievo le novità per l’edizione 2018. Tra queste, la più eclatante è sicuramente la nomina del nuovo Direttore artistico, Daniel Harding, direttore d’orchestra fra i più importanti di oggi, che succede a sir John Eliot Gardiner, alla guida della rassegna per dodici edizioni.

 

Un’altra novità è l’intensificarsi della valorizzazione dei gruppi giovanili che ha sempre costituito uno dei temi di Anima Mundi. Una linea presente già nel concerto inaugurale, che impegnerà in Cattedrale, sotto la direzione di un maestro di grande esperienza nel campo della musica antica come Alfonso Fedi, l’Ensemble barocco e il Coro da camera, preparato da Francesco Rizzi, del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze, accostando il nome supremo di Johann Sebastian Bach a un lavoro strettamente legato alla città e al suo Duomo del pisano Giovanni Carlo Maria Clari (1677-1754), per trent’anni maestro della cappella della Primaziale, e a un pezzo nuovo di zecca, di Andrea Baratti, classe 1994, da Foligno, vincitore della XI edizione del Concorso Internazionale di Musica sacra bandito da Anima Mundi.

 

Giovanni Carlo Maria Clari è stato uno di quei professionisti della musica dei quali le istituzioni ecclesiastiche principali di tutta Europa si servirono abitualmente e intensamente finché fu naturale considerare la musica come componente irrinunciabile della liturgia, impegnando onesti servitori dell’arte dei suoni o giganti come, in area luterana, quel Johann Sebastian Bach di cui Clari fu contemporaneo. Dal 1723 alla morte fu alla testa della cappella del Duomo di Pisa, cui restituì una dignità artistica. In questo contesto nacque l’inno Celestis urbs, adesso trascritto per l’esecuzione da Riccardo Donati, suo successore come attuale maestro di cappella della Cattedrale. La partitura autografa è conservata nel Fondo musicale dell’Archivio dell’Opera della Primaziale, una vasta e preziosa collezione di manoscritti e stampe che racconta, dal Seicento ad oggi, l’importante tradizione musicale e liturgica del Duomo pisano e che quest’anno, in occasione dei 900 anni della Dedicazione della Cattedrale, è stata oggetto di un importante intervento di riordino e restauro. E’ emerso un corpus musicale di carattere sacro che con i suoi 4.000 titoli e oltre 1.000 compositori, è uno dei più grandi della Toscana.

Andrea Baratti, 24 anni, da Foligno, ha vinto l’undicesima edizione del Concorso Internazionale di Composizione Sacra Anima Mundi con questo Psalmus Davids. Si è formato come compositore al Conservatorio di Perugia, dove attualmente sta studiando Ingegneria elettronica all’Università. Ancora giovanissimo si è già segnalato con musiche sia strumentali che liturgiche. Così presenta il suo lavoro: “il brano Psalmus David è un canto liturgico per coro e orchestra sulle parole in latino del Salmo 22 Il Signore è il mio pastore. La composizione ha una struttura molto semplice, con lo scopo di facilitare sia la comprensione del testo sia l’esecuzione destinata in ambito liturgico ai cori parrocchiali: per questo motivo solo il ritornello è prettamente contrappuntistico mentre le strofe hanno invece un carattere più arioso, e le armonie, prevalentemente tonali seppure con sfumature modali, donano al canto la soavità appartenente al salmo stesso.”

 

Anima Mundi è realizzata dall’Opera della Primaziale Pisana con il contributo della Fondazione Pisa e del Comune di Pisa e con il sostegno di Gi-Group agenzia per il lavoro.

 

Informazioni

L’ingresso ai concerti della rassegna di musica sacra Anima Mundi sarà gratuito anche quest’anno. La prenotazione dei tagliandi per tutti i concerti potrà essere effettuata solo online www.vivaticket.it a partire dal 4 settembre 2018 alle ore 10.00, fino a esaurimento dei posti disponibili. La prenotazione online terminerà in ogni caso alle ore 18 del giorno del concerto.

www.opapisa.it

animamundi@opapisa.it

 

OFFERTE CARITAS. Le mense della Caritas diocesana, 30.286 pasti e 4.542 cestini distribuiti nel 2017, con il concerto inaugurale di domani sera, venerdì 7 settembre, dell’Ensemble Barocco e del Coro da Camera del Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze che, con la direzione del maestro Alfonso Fedi, apriranno la 18esima edizione di Anima Mundi, la rassegna internazionale di musica sacra promossa dall’Opera della Primaziale. E poi le docce per i poveri, utilizzate l’anno scorso da 184 persone per un totale di 2.294 servizi, abbinate al concerto di lunedì 10 al Camposanto di Michele Campanella, dedicato a Liszt a Pisa. E ancora quello di venerdì 14, sempre al camposanto, del Suonar Parlante Ensemble e del violista da gamba Vittorio Ghielmi, collegato a “Misericordia Tua”, la casa d’accoglienza per detenuti in permesso ed ex carcerati impegnati in percorsi di reinserimento sociale inaugurata recentemente nella canonica della Chiesa di Sant’Andrea a Lama (Calci). Si rinnova, per il terzo anno consecutivo, la collaborazione fra la Caritas Diocesana e Anima Mundi: nel corso di sei dei sette concerti in programma, infatti, saranno raccolte offerte specificamente dedicate ad uno dei servizi coordinati o sostenuti dall’ufficio diocesano per la pastorale della Carità con operatori e volontari sempre presenti all’inizio e alla fine di ciascuna esibizione.

Il concerto in Cattedrale di sabato 15 settembre dell’Orchestra Sinfonica della Radio Svedese, diretta da Daniel Harding, infatti, è abbinato alla Cittadella della Solidarietà, l’Emporio del Cep che nel 2017 ha assicurato sostegno alimentare a 1.681 persone. Le offerte raccolte martedi 18 al Camposanto, in occasione del concerto del Festival Strings Lucerne Chambers Players, invece, saranno destinate al “Dispensario dei Semplici”, l’ambulatorio gratuito di farmaci convenzionali e rimedi omeopatici per persone svantaggiate incontrate dalla rete dei servizi che il terzo settore e il volontariato hanno attivato nell’ex convento dei Cappuccini , mentre quelle del grande concerto finale di giovedi 20 settembre in Cattedrale, del Monteverdi Choir, diretto da sir John Elliot Gardiner, saranno destinate alla Casa Caritas di via Garibaldi,33.

Unica eccezione, assolutamente giustificata: il concerto dell’Orchestra Senzaspine di mercoledì 12 in Cattedrale: in quell’occasione, infatti, le offerte raccolte saranno destinate ai progetti di restauro e riqualificazione della Chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno.

By