Problemi sulle prospettive dell’Aeroporto “G.Galilei”. Si esprime il sindaco Filippeschi

Pisa – Il Sindaco Filippeschi ha sottolineato le difficoltà di comunicazione tra società e consiglio comunale. Le sue richieste in merito alla seduta del consiglio comunale svolta sulle prospettive dell’Aeroporto “Galileo Galilei”.

«E’ stata una discussione importante. La presenza dell’assessore Ceccarelli ha fatto riemergere differenze sulla vicenda del passato e ha marcato impegni per i problemi aperti. La mancata interlocuzione della società con il consiglio comunale è stata criticata da tutti. Ho rappresentato i risultati positivi, tutti dovuti a tanto impegno e ad una visione strategica condivisa con Comune e Regione. Ho chiesto tempi brevi e certezza sull’investimento per l’accoglienza dei passeggeri. Ho chiesto coerenza e salvaguardia dell’interesse pubblico per la gestione del people mover, per superare disimpegno e concorrenza impropria. Su questo punto la Regione ha espresso una posizione chiara, con valutazioni approfondite e a sostegno delle iniziative del Comune».

«Il consiglio comunale ha ribadito la propria solidarietà con la mobilitazione dei lavoratori per la vicenda delle esternalizzazioni. Mentre per la prima volta ha discusso dell’impatto dei voli sull’area nord della città, coinvolgendo i cittadini – sottolinea il Sindaco – chiedendo alle autorità competenti monitoraggi e misure per ripristinare il rispetto delle prescrizioni, impegnando perciò l’amministrazione comunale». «La maggioranza ha tenuto bene e nel voto la sua posizione ha trovato altri consensi. L’ordine del giorno conclusivo è stato sottoscritto dalle quattro componenti della maggioranza perché chiaro, senza sconti nelle valutazioni e negli obiettivi – aggiunge Filippeschi – e impegnativo per impostare il confronto con la Toscana Aeroporti. Alla società è stato di nuovo e autorevolmente richiesto di mettersi a disposizione delle istituzioni, Comune e Regione, per dare informazioni e per rendere chiare le strategie di sviluppo e le relazioni con il territorio».

 

By