Progetto ITACA, al via la mappatura dell’accessibilità delle strutture turistiche

PISA – Al via la mappatura dell’accessibilità delle strutture turistiche, culturali e ricettive della città di Pisa, che riguarderà alberghi, ristoranti, chiese, musei situati lungo l’asse aeroporto-stazione-Piazza dei Miracoli. L’iniziativa è parte del Progetto ITACA (Itinerari Turistici ACcessibili e Aperti), il progetto di cooperazione europea, di cui la Società della Salute della Zona Pisana è l’ente capofila e che si è aggiudicato un finanziamento di 1.378.700 euro del Programma del Fondo Europeo per lo sviluppo regionale “Interreg Italia Francia Marittimo”.

L’obiettivo di ITACA è quello di creare un marchio turistico transfrontaliero di ospitalità accessibile. Questa mattina si è tenuto alla Camera di Commercio un incontro tecnico a cui hanno partecipato rappresentanti di istituzioni, categorie, Università, Azienda Ospedaliera e associazioni, per fare il punto sul lavoro e presentare i criteri di valutazione per l’assegnazione del marchio. Le associazioni Happy Wheels e Handy Superabile saranno i soggetti certificatori che valuteranno le strutture attraverso appositi questionari, con la supervisione della Società della Salute della zona Pisana.

Le richieste di adesione alla mappatura potranno essere inviate all’indirizzo e-mail progetto.itaca@uslnordovest.toscana.it

Il lavoro di mappatura durerà circa due mesi e i risultati saranno presentati prima in Sardegna (alla presenza degli altri partner del progetto tra cui la Regione Sardegna, l’Ufficio del Turismo di Ajaccio, Confcommercio di La Spezia) e poi, nel mese di maggio, a Pisa. Nei mesi successivi saranno anche messi a punto un portale web e una app per smartphone, con una mappa on-line degli itinerari e l’indicazione delle strutture che avranno ricevuto il marchio. In particolare nel portare web saranno inserite alcune strutture di cui sarà possibile fare delle vere e proprie visite virtuali.

“Il progetto ITACA sta entrando nel vivo – afferma la presidente della Società della Salute della zona pisana Sandra Capuzzi – Si tratta di un’opportunità per le imprese del territorio per aumentare la propria competitività internazionale: grazie a un marchio riconoscibile anche all’estero hanno l’occasione di rivolgersi anche a un segmento di clientela spesso trascurato”.

By