Progetto periferie degradate: un finanziamento per l’area stazione. Le conferme dell’Apes su San Giusto e S.Ermete

PISAQuattro milioni di euro, nell’ambito del progetto contenuto nel bando “periferie degradate”, per la cui perfezione verrà apposta il 18 dicembre la relativa firma a Roma, importo che per Pisa sarà destinato in area Stazione e zone limitrofe.

di Giovanni Manenti 

Lo ha fatto sapere il Comune di Pisa attraverso una conferenza stampa a cui hanno partecipato il Sindaco Marco Filippeschi, e gli Assessori Andrea Serfogli ed Ylenia Zambito

“Il 18 dicembre saremo chiamati a Palazzo Chigi per la firma della convenzione per l’assegnazione della somma di 18 milioni di euro – afferma il Sindaco Filippeschi – da destinare alle cosiddette “zone degradate”, per un intervento di complessivi 43 milioni di euro, tenendo conto di quanto comporterà la riqualificazione della zona di San Giusto. Per noi si tratta di un opera di riqualificazione importante ed abbiamo in campo interventi di edilizia sociale per quasi 80milioni di euro che credo debba essere considerato un vanto per la città, anche per i ritorni sotto l’aspetto occupazionale in un periodo in cui l’edilizia vive una fase di ristagno”.

“Vorrei sottolineare – esordisce Ylenia Zambito – che dalla sottoscrizione dell’accordo dovremo presentare entro 120 giorni massimo il progetto definitivo, il che vuol dire che già nel corso del prossimo anno si darà il via ai lavori. Verranno demoliti due fabbricati prospicienti il binario 14 a fronte del quale verrà edificato un nuovo palazzo in Via Da Morrona dove si trasferiranno le famiglie degli immobili demoliti, cui seguirà la costruzione di un parcheggio su di un’area da espropriare, e grazie al finanziamento saranno completate tutte le opere previste per la riqualificazione del quartiere”.

“Aver messo in atto i vari progetti ci ha messo in condizione di aver potuto partecipare ed ottenere il finanziamento oggi assegnatoci – dice Andrea Serfogli assessore al Bilancio – facendo sì che il cofinanziamento da parte del Comune sia molto ridotto, così da non togliere risorse ad altri capitoli di spesa. Un altro aspetto che vorrei segnalare è il fatto di esserci attivati per tempo per una progettazione preliminare fornendo già gli incarichi per rispettare i termini di 120 giorni per la determinazione dei progetti esecutivi e quindi poter procedere con i bandi di gara per l’assegnazione dei lavori”.

“L’Apes è uno degli Enti più virtuosi della Toscana – afferma Lorenzo Bani – avendo costruito e dato più case ai cittadini di tutta la Regione ed inoltre il 40% del nostro budget è destinato ad opere di manutenzione, cifra anche questa non raggiunta da nessun altra amministrazione in Toscana. Confermo come il quartiere di San Giusto e Sant’Ermete sarà completamente riqualificato secondo quanto previsto dai progetti a suo tempo prospettati, mentre il prossimo parcheggio che verra realizzato sarà riservato ai soggetti abitanti in zona”.

In sostanza, gli interventi previsti riguardano il Nuovo Viale Gramsci, con la rimozione dell’attuale spartitraffico, così da realizzare due aree verdi a lato della strada di fianco ai loggiati; segue poi la trasformazione in un hub sociale degli ex locali di servizio del personale viaggiante attraverso il recupero dell’edificio all’inizio di via Corridoni, così da sviluppare servizi innovativi rivolti all’integrazione ed allo sviluppo di sistemi di economia civile, nonché la realizzazione di un Parco Urbano nell’area sotto le Antiche Mura liberatasi a seguito del recente spostamento del terminal per i bus extraurbani nella nuova struttura della Sesta Porta che sarà anch’essa interessata da un’area di circa 500 metri quadrati da adibire a Ciclostazione con 200 posti bici per rendere la zona sempre più intermodiale tra i vari mezzi di trasporto, ed, infine, per la Zona di Sant’Ermete, San Marco e San Giusto, gli interventi riflettono l’allargamento del Cavalcavia di San Giusto, la ricostruzione delle case popolari a San Giusto, tre lotti relativi alla sicurezza idraulica a San Marco e San Giusto, riqualificazione di Piazza Giusti, nuova piazza in via Quarantola ed una nuova strada di collegamento tra San Marco e San Giusto che passerà sotto il cavalcavia sfruttando le aree ferroviarie, con verde e pista ciclabile.

Loading Facebook Comments ...
By