Prosegue la delocalizzazione delle case di via Cariola e via Carrareccia. In corso l’abbattimento di altre 15 abitazioni

PISA – Prosegue l’operazione per la delocalizzazione del borgo di   Via Cariola e Via Carrareccia, le cui abitazioni, in seguito allo sviluppo dell’aeroporto, erano rimaste “intrappolate” fra la superstrada Fi-Pi-Li da un lato e le piazzole di sosta degli aerei dall’altro.

Una soluzione, richiesta dagli abitanti, è stata trovata grazie al pressing di Pisa e in particolare dell’Amministrazione Comunale. Il piano prevede l’acquisto da parte di Enac di tutte le abitazioni in modo da consentire alle famiglie di trasferirsi altrove e all’aeroporto di proseguire con i suoi progetti di sviluppo. Un intervento da 16 milioni di euro finanziato da Stato (10 milioni), Regione e Toscana Aeroporti (3 milioni ciascuno).

Delle 44 famiglie, 27 hanno già firmato il contratto di vendita, 5 lo firmeranno entro dicembre, 8 erano in affitto ed è stata loro offerta una casa popolare e per 4 le trattative sono ancora in corso (non escludendo l’esproprio). Nei mesi scorsi sono già state abbattute 10 abitazioni lasciate libere e da questa settimana sono in corso le operazioni per ulteriori 15 abbattimenti. Per consentire i lavori via Cariola, nel tratto di strada compreso tra i civici 12-28, e via Carrareccia, sono chiuse fino al 13 novembre.

By