Provocazione. Una scuola di inglese a Pisa: corsi gratis solo per razzisti. Ed invita il Sindaco Michele Conti

PISA –  Una provocazione quella di una scuola di inglese a Pisa. Corsi gratis solo per razzisti si legge sul profilo Facebook dell’Istituto privato composto da persone madrelingua che attaccano l’attuale amministrazione comunale. 

“Considerata la recente e allarmante impennata di razzismo a Pisa (compresa l’elezione di un nuovo sindaco che non ha mai apertamente condannato il leader del suo partito, il quale compie costantemente dichiarazioni palesemente razziste come “i rom italiani purtroppo ce li dobbiamo tenere a casa“) abbiamo deciso di mettere in atto tutto quello che è in nostro potere per contrastare questa orribile tendenza”, si legge nella nota. 

Quindi, in aggiunta al nostro severo regolamento antirazzista annunciato il 27 giugno scorso, con il quale abbiamo chiesto a tutti i razzisti e ai loro sostenitori/fiancheggiatori di cercare formazione in lingua inglese e stimoli culturali altrove abbiamo deciso di avviare un nuovo corso riservato soltanto ai suddetti razzisti e ai loro sostenitori/fiancheggiatori.

Gli scienziati sono ancora perplessi riguardo alle vere cause del razzismo: alcuni lo attribuiscono a disfunzioni genetiche, altri lo imputano a cause diverse, quali traumi infantili, carenze di affetto durante gli anni dello sviluppo, carenze di educazione, carenze nell’esposizione a scambi culturali, etc. Se, da parte nostra, non siamo attrezzati per riparare i geni di nessuno, né possiamo offrire terapia professionale per traumi infantili et similia (anche se abbiamo i contatti di psichiatri e terapisti formidabili, che possiamo fornire a richiesta), pensiamo di poter essere utili per quanto riguarda le aree dell’affetto, dell’educazione e dell’interazione culturale. Ecco qui la ragione di questo nuovo corso gratuito.

Il corso si terrà alla domenica mattina, dalle 9 alle 10:30 e, come tutti i nostri corsi, avrà un minimo di cinque partecipanti e un massimo di dodici. Considerati i materiali che saranno utilizzati, il corso è aperto a persone che possiedano almeno il livello intermedio di conoscenza della lingua inglese. Se non siete sicuri del vostro livello, contattateci per una valutazione gratuita.

Il corso sarà tenuto principalmente dal prof. Shemtov, ebreo americano e fondatore della nostra scuola, al quale si affiancheranno docenti e ospiti di varie minoranze tradizionalmente marginalizzate: gay, musulmani, neri, rom, etc.

Vogliamo invitare anche il nuovo sindaco a unirsi a noi per un incontro (se ci conferma di saper parlare inglese) nel quale potrà spiegare la sua posizione sul razzismo e riguardo a tutta la retorica razzista proveniente dal suo partito, compreso il proprio leader. Se lui risulterà essere chiaramente opposto a tutte le forme di razzismo, allora speriamo possa spiegarci perché non lo ha pubblicamente e potentemente condannato.

Tutti i materiali saranno centrati principalmente sui tesori culturali prodotti da queste minoranze (i discorsi di Martin Luther King, le lettere di Nelson Mandela, le opere dello scrittore arabo Khalil Gibran, le migliori pagine di scrittori gay, ebrei, rom e africani…) e sulle parti della Costituzione Italiana ed Europea (molti razzisti affrontano temi che riguardano l’”ordine pubblico”, di questi tempi) che garantiscono assoluta uguaglianza e libertà per tutti, a prescindere da razza, religione, etnia, sesso, orientamento sessuale; lavoreremo anche con materiali di economisti pluripremiati di tutto il mondo, per avere una migliore comprensione delle vere cause dell’attuale crisi finanziaria italiana e di tutti i dolorosi problemi che sta causando: ne sono causa gli rom, i musulmani, i neri (gli obiettivi più frequenti dei razzisti di oggi) o i politici e i banchieri italiani? Se fossero espulsi dall’Italia tutti gli rom, i musulmani e i migranti africani, l’economia italiana ne ricaverebbe un minimo margine di miglioramento?

Speriamo che esplorando queste perle culturali provenienti da tutto il mondo, e nel frattempo guardando bene le motivazioni reali dietro così tanti dei guai italiani, saremo in grado di aprire un dibattito onesto che potrebbe portarci ad alcune soluzioni realmente costruttive – e pacifiche.

Alcune parole chiave da affrontare in questo corso: capro espiatorio, paura, paranoia, manipolazione, disprezzo, dolore, trauma, razzismo, xenofobia, omofobia, antisemitismo, sessismo, pace, amore, saggezza, armonia, fratellanza, sorellanza, prosperità, solidarietà…

Costi:

Il corso è totalmente gratuito per razzisti, ma chiediamo una cauzione in anticipo, per essere sicuri che le persone non si iscrivano al corso senza poi realmente partecipare (non ci farebbe piacere andare al lavoro di domenica mattina per niente). Il corso inizierà domenica 07 ottobre e durerà 32 settimane, con una pausa di un mese dal 16 dicembre al 20 gennaio. Ogni lezione è di 90 minuti, quindi l’intero corso ha la durata complessiva di 48 ore. Come tutti gli altri nostri corsi, il prezzo per questo corso è di 8 euro l’ora, per un totale di 384 euro più IVA al 22% (468,48 euro complessivi).

Chiediamo dunque a tutti i partecipanti di versare in anticipo la quota completa di 468,48 euro come deposito, e la restituiremo al completamento del corso. Se i partecipanti mancassero alle lezioni, ne detrarremo 12 euro + IVA (14,64 euro) per ogni lezione mancata.

Il nostro sconto studenti del 10% si applica anche a questo corso.

Il denaro che non sarà restituito a causa delle lezioni mancate sarà devoluto a “Medici senza frontiere“. (Non sono in alcun modo affiliati alla nostra scuola, ma ammiriamo l’amore che mostrano verso ogni persona senza considerarne l’origine.)

*Quelli di voi che sono abbastanza fortunati da non essere affetti da razzismo o altre forme di intolleranza, li invitiamo a visitare il nostro sito www.newyorkenglishacademy.com per conoscere tutto il nostro programma. Molti corsi sono andati già esauriti, quindi sbrigatevi!

Ci si potrebbe chiedere: e se ci fosse qualcuno disposto a darsi del “razzista” solo per ottenere un corso di inglese gratuito? Noi rispondiamo: se qualcuno desidera definirsi “razzista” solo per avere un corso gratis, secondo noi è razzista abbastanza da aver bisogno del nostro aiuto.

Per chi di voi fosse interessato al corso, ma non riesce neppure a pronunciare l’orribile frase “Io sono razzista”, organizzeremo un altro corso sugli stessi argomenti e materiali, al nostro prezzo consueto, di venerdì o domenica pomeriggio. Fateci sapere se siete interessati.

By