PSI: “Riformare la legge sulla sanità toscana”

PISA – Il 30 Aprile scorso il Gruppo Consiliare ” Progetto insieme” di Montopoli Valdarno ha presentato un Ordine del Giorno che impegnava il Sindaco, la Giunta e i Consiglieri ad aprire un dibattito al fine di approfondire ed eventualmente migliorare la riforma di riordino dell’assetto istituzionale e organizzativo del servizio sanitario regionale.

Logo PSI

I’Ordine del Giorno mirava ad aprire un dibattito con le forze politiche, la Presidenza del Consiglio Regionale Toscano e l’Assessorato di sua competenza.

La forza di maggioranza del Comune – Democratici per Montopoli – si è espressa votando contro bloccando la democratica e trasparente discussione con la popolazione.
I cittadini del Comune di Montopoli in Val d’Arno si sono quindi spontaneamente registrati nel Comitato “Una Sanità per i Cittadini”, formulando una petizione e una richiesta di referendum da presentare agli organismi istituzionali con la richiesta, oggetto della raccolta di firme, dell’assegnazione del Comune di Montopoli in Val d’Arno alla costituenda Area Vasta Nord-Ovest, ad oggi sono state raccolte come per legge ed autentificate più di 1300 firme, e la raccolta continua incessante ed entusiasta.

PROGETTO INSIEME ed il Comitato “Una Sanità per i Cittadini”,chiedono all’Assessore Regionale Saccardi un incontro in modo da studiare un percorso, nell’interesse di tutta la collettività del Comune di Montopoli in Val d’Arno e del Comprensorio del Cuoio, che porti a migliorare la legge regionale sulla sanità.

IL P.S.I sottolinea che nel distretto del cuoio, che consta di quattro comuni, vi è un elettorato che da sempre si esprime e partecipa attivamente alle consultazioni elettorali.
il P.S.I. ritiene che quando i cittadini si organizzano in modo spontaneo danno forti segnali che hanno necessità di essere colti e sostenuti; il dibattito politico, sul tema centrale della valorizzazione e salvaguardia della sanità pubblica, è trasversale agli schieramenti politici di accordo e di convenienza e non ha necessità di essere etichettato.

Il P.S.I è con la partecipazione dei cittadini il cui protagonismo deve essere garantito attraverso ogni strumento possibile, soprattutto quando le decisioni politiche investono il livello locale, referendum ostacolati, consulte di frazione relegate a organi di discussione piatta e autoreferenziale, non fanno che aumentare la rabbia della cittadinanza, ora più informata, più consapevole, e che reclama il giusto diritto di essere protagonista delle scelte pubbliche che riguardano il bene di tutti. l socialisti, nei comuni e in ogni territorio, sostengono i processi di cambiamento perché sono il motore per la partecipazione e la democrazia.

Il P.S.I. afferma che il distretto del cuoio debba restare unito nell’area inter-provinciale a cui afferirà anche Pisa nella costituenda Area Vasta Nord-Ovest.

Carlo Sorrente segretario PSI Pisa

By