Il punto sul campionato di serie BKT dopo il successo esterno del Benevento a Salerno

PISA – Il successo esterno del Benevento (2-0) a Salerno nel posticipo della terza giornata del campionato di serie B certifica il secondo posto del Pisa – a pari punti con il Perugia e la stessa formazione di Inzaghi – alle spalle di un Entella neo promosso, unica formazione a punteggio pieno e con la difesa imbattuta, che ha saputo sinora capitalizzare al meglio (tre 1-0 consecutivi) quanto messo a segno dai propri attaccanti.

di Giovanni Manenti 

Terzo turno che si era aperto venerdì sera con il bis casalingo della terza “matricola terribile”, ovvero il Pordenone che, dopo il Frosinone mette sotto anche lo Spezia, mentre faticano al momento le tre formazioni retrocesse dalla massima serie e non hanno ancora mosso la classifica Livorno e Trapani, ancorati sul fondo a quota zero punti.

Un micidiale uno-due poco dopo l’ora di gioco firmato da Viola con un gran sinistro da fuori e da Sau dopo una bella imbeccata di Maggio, decide il derby campano dell’Arechi rilanciando le quotazioni di un Benevento che così scavalca la Salernitana che perde l’occasione di affiancare l’Entella in vetta alla classifica, formazione ligure che, viceversa, non si lascia sfuggire la ghiotta occasione che si presenta sui piedi di Mancosu al 4′ di recupero della sfida interna contro il Frosinone, realizzando con freddezza il calcio di rigore concesso per fallo di Salvi su Crimi, tutto il contrario di quanto, 20′ prima, aveva fatto Ciano per gli ospiti, facendosi ipnotizzare da Bardi nella sua esecuzione dal dischetto. Anche il Perugia fallisce il tris di vittorie facendosi imporre il pari a reti bianche sul terreno amico da una Juve Stabia che festeggia così il primo punto dal ritorno nella Serie Cadetta al termine di una gara spigolosa culminata, per i campani, con l’espulsione nel finale di Mallamo per doppia ammonizione.

Discorso a parte merita il Pisa, autore di una prova scintillante all’Arena Garibaldi contro la blasonata Cremonese, con la formazione di Rastelli incapace di arginare la folate offensive dei nerazzurri, sospinti sulle fasce dall’inesauribile azione dei due esterni di centrocampo Belli e Lisi, così da alimentare una manovra offensiva che ha saputo trovare in Masucci – solita rete in anticipo sul difensore avversario – e Marconi, autore della doppietta che ad inizio ripresa ha definitivamente stroncato le speranze dei lombardi, gli ideali terminali offensivi, prima che toccasse a Verna completare il poker con il punto del 4-1 a 6′ dal termine. Note di merito per tutti, in casa nerazzurra, ma soprattutto per Mister Luca D’Angelo (domenica sera sostituito in panchina da Taddei in quanto squalificato), che ha saputo modellare una squadra che sta giocando a memoria e con una invidiabile condizione fisica, tanto che il pubblico presente quasi non credeva ai propri occhi, dato che, tra l’altro, erano trascorsi ben 11 anni dall’ultimo successo con tre reti di scarto (Pisa-Cesena 3-0 del 9 febbraio 2008, doppietta di Cerci ed acuto di Castillo) all’Arena Garibaldi nella serie cadetta.

Per una Salernitana uscita ridimensionata dal confronto con il Benevento, fanno riscontro, raggiungendola a quota 6 in classifica, il ricordato successo del Pordenone, grazie ad una rete d testa di Barison (al suo secondo centro stagionale), su di uno Spezia che recrimina sugli errori sotto misura dei propri attaccanti, così come dell’Ascoli che regola con due reti in chiusura di entrambi i tempi – Gerbo al 43′ e Ninkovic nel recupero – un Livorno unica squadra a non avere ancora assaporato la gioia del goal in questo avvio di Torneo, mentre il Pescara esce vittorioso dal confronto del “San Vito” di Cosenza grazie al terzo centro di Galano a 2′ dal termine, dopo che Sciaudone aveva replicato per i padroni di casa all’iniziale vantaggio ospite con Tumminello su rigore alla mezz’ora.

Per il resto, prima vittoria per il Chievo che, grazie ad un Giaccherini in gran spolvero, si impone per 2-0 a Venezia, al pari del Cittadella che, nella sfida tra le due formazioni ancora a zero punti in classifica, si sbarazza del Trapani con reti di Celar e Diaw, prendendosi anche il lusso di fallire con Iori un calcio di rigore, mentre un Empoli che ancora fatica a carburare deve ringraziare il proprio estremo difensore Brignoli e la buona sorte costituita da due legni colpiti dai padroni di casa per essere uscito indenne da Crotone.

I RISULTATI E I MARCATORI DELLE TERZA GIORNATA

PORDENONE – SPEZIA 1-0 49′ Barison (P)

PERUGIA-JUVE STABIA 0-0

VIRTUS ENTELLA-FROSINONE 1-0 94′ Mancosu (E, Rig.)

ASCOLI-LIVORNO 2-0 43′ Gerbo (A), 96′ Ninkovic (A)

CITTADELLA-TRAPANI 2-0 46′ Celar (C), 68′ Diaw (C)

VENEZIA – CHIEVO 0-2 44′ Giaccherini (C) 64′ Djordevic (C)

COSENZA – PESCARA 1-2 30′ Tumminiello (P, rig.), 71′ Sciaudone (C), 88′ Galano

CROTONE – EMPOLI 0-0

PISA – CREMONESE 4-1 32′ Masucci51′ e 57′ (rig.) Marconi, 65′ Mogos, 84′ Verna

SALERNITANA – BENEVENTO 0-2 61′ Viola (B), 65′ Sau (B)

 

LA NUOVA CLASSIFICA

Entella punti 9

Perugia, Benevento, PISA SC 7

Salernitana, Ascoli, Pescara, Pordenone 6

Empoli, Crotone 5

Chievo 4

Venezia, Cremonese, Spezia, Frosinone, Cittadella 3

Cosenza, Juve Stabia 1

Livorno, Trapani 0

La foto sopra è di Betty & Nino di ScattiGrigiorossi

By