Quale sport praticare in Primavera?

PISA – Come ogni anno in primavera arriverà quel momento in cui buona parte della popolazione penserà a rimettersi in forma facendo sport.

Una delle questioni principali a questo punto riguarda la scelta di quale attività fisica svolgere per cercare di rimettersi in forma.  Per quanto alcuni di noi siano dei veri sportivi e semplicemente possono ricominciare con lo sport che praticano da sempre, per altri ogni anno si ripropone la stessa problematica: che attività potrei svolgere quest’anno per rimettermi in forma e che mantenga a lungo il mio stato fisico?

Sappiamo bene che essere consistenti nel praticare sport è per alcuni molto difficile, e perciò trovare l’attività giusta potrebbe essere la soluzione per riuscire a rimanere attivi in modo regolare.

Per poter scegliere lo sport giusto bisogna innanzitutto chiedersi quali siano le proprie inclinazioni personali. Domandatevi quali sono le attività che vi piacciono di più. Se siete amanti della corsa, della piscina o del sollevamento pesi, ad esempio. Rispondendo a questa domanda potrete in innanzitutto essere in grado di eliminare dalle scelte ciò che davvero non vi piace.

Non avrebbe senso iscriversi in piscina, se il nuoto proprio non lo sopportate, indipendentemente dal fatto che il vostro migliore amico lo pratichi con gioia o che il vostro compagno vi abbia chiesto di fare questo sport insieme a lui. Continuare regolarmente a fare un’attività che non ci piace diventa impossibile, o per lo meno molto frustrante. Rovina inoltre uno degli scopi principali dell’attività sportiva: divertirsi e rilassarsi.

Ognuno di noi ha alcune attività fisiche che apprezza, dobbiamo solo impegnarci a cercare quella giusta. Purtroppo il gioco con le carte non è considerato tale, ma se foste degli appassionati in questo senso, ricordatevi che avrete la possibilità di soddisfare questa vostra passione su Unibet blackjack ad esempio. Non vi farà dimagrire e non vi rimetterà in forma, ma di certo potrà darvi una dose di adrenalina.

Un altro elemento da tenere in considerazione è il fatto di voler praticare sport da soli o in compagnia. Ci sono persone che preferiscono essere attivi autonomamente, per poter pensare, rilassarsi e staccare da tutto e tutti. In questo caso ottime alternative potrebbero essere la corsa, il nuoto, o la mountain bike, da praticare in solitaria. C’è ovviamente la possibilità di scegliere queste stesse attività da praticare invece con un amico o il proprio compagno, se invece preferite compagnia.

Un altro elemento da tenere in considerazione è il fatto di voler praticare uno sport all’aria aperta, oppure sotto ad un tetto, soprattutto se si prende in considerazione l’arrivo della stagione invernale, quando magari correre dopo il tramonto sotto la pioggia potrebbe essere poco piacevole.

In relazione a ciò è anche giusto stabilire un orario possibile per la vostra attività fisica, e indagare le possibilità che la vostra zona offre in caso decidiate invece di rivolgervi ad una struttura dedicata allo sport. Analizzando i vostri impegni settimanali e la loro regolarità, riuscirete sicuramente a capire quando avete del tempo per poter praticare attività fisica. In relazione all’orario che avete a disposizione e alla regolarità dello stesso, potrete decidere se iscrivervi in palestra, o ad un corso di qualunque tipo che abbia un orario settimanale fisso, sempre che possiate chiaramente adeguarvi a questo.

Un club o uno sport di squadra potrebbero essere un’ottima soluzione in caso siate tra quelle persone che fanno davvero molta fatica a rimanere costanti nella propria decisione di allenarsi. Il fatto di avere una sorta di impegno che si lega ad altre persone rende talvolta più semplice il convincersi ad andare, mentre saltare un allenamento che fate da soli è spesso molto più semplice.

Indipendentemente da quali siano le vostre inclinazioni personali, ricordate sempre che anche una minima attività fisica, quale il recarsi a piedi in luoghi non troppo distanti, è indubbiamente meglio che stare seduti in poltrona tutto il giorno.

By