Questa sera alle ore 22 il Palio di San Ranieri. Molte le novità

PISA – Dopo lo spettacolo della Luminara il giorno di S. Ranieri è dedicato al Palio che quest’anno si presenta ricco di novità. Alle 22 il via alla sfida in Arno.

di Giovanni Manenti

Ieri in Comune con la presenza dell’Assessore alle Manifestazioni Storiche Federico Eligi, del Delegato Regionale della Toscana della Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso, Marco Dini, e dei rappresentanti dei quattro armi che si sfideranno sulle acque dell’Arno è stata presentata la manifestazione.

Prendendo la parola, l’Assessore Federico Eligi ha tenuto principalmente “a ringraziare le realtà economiche e politiche cittadine che, in uno spirito di collaborazione e valida sinergia, hanno contribuito sia alla riuscita della partecipazione del Galeone Pisano alla “Regata delle Antiche Repubbliche Marinare”, svoltasi domenica scorsa ad Amalfi e che ha visto la nostra imbarcazione giungere seconda di un soffio, che a preparare al meglio l’appuntamento di quest’anno con il Palio Marinaro, con l’augurio che l’anno prossimo, quando toccherà a Pisa ospitare la Manifestazione, sia l’armo rossocrociato ad avere la meglio”. Per tornare, viceversa, all’attualità ed entrare nello specifico della regata di domani, Eligi ha sottolineato alcune importanti novità, “a cominciare dall’allestimento di una apposita Tribuna per i portatori di Handicap che consentirà loro di assistere da una postazione privilegiata all’arrivo della gara, per proseguire con la sfilata sul fiume, prevista per le ore 19, con l’esposizione della Pala di San Ranieri e quindi, alle ore 21, corteo sui Lungarni dei Figuranti del Palio ed Allievi della Scuola di Formazione delle manifestazioni Storiche del Comune”.

Alle 21,30 sfilata in Arno delle quattro imbarcazioni, composte da otto vogatori, un timoniere ed un montatore, in rappresentanza dei Quartieri di San Martino (rossa), Sant’Antonio (verde), Santa Maria (celeste) e San Francesco (gialla) che andranno a posizionarsi presso la “Canottieri Arno” per il via alla gara, che avrà luogo alle 22, orario confermato in notturna “per un maggior coinvolgimento possibile della Cittadinanza, dato che l’esperienza degli scorsi anni ha consentito di verificare un accesso di pubblico ben superiore rispetto alle Edizioni in cui la regata si svolgeva in orario diurno”, ha chiosato l’Assessore Eligi.

Prendendo la parola in ordine alle modalità di svolgimento della gara, Dini ha riferito come “il sorteggio delle corsie avverrà nelle ore immediatamente antecedenti la regata, e che i primi 500 metri della regata (prevista su di una distanza di 1500 metri) verranno percorsi – con partenza “sfalsata” a causa dell’ansa del fiume – dalle imbarcazioni in corsia, al termine dei quali – segnalati da boe a luci intermittenti -, si avrà campo libero, alla ovvia condizione che qualsiasi manovra non vada ad ostacolare un armo avversario, in ciò confidando sull’esperienza e la sportività dei timonieri, evidenziando peraltro come le imbarcazioni siano seguite da quella dei Giudici, pronti a segnalare ogni eventuale irregolarità”.

Ma il Palio si distingue da una “normale” Regata in quanto un altro elemento entra i gioco per l’assegnazione della vittoria, vale a dire il cosiddetto “Montatore”, il quale ha il compito, una volta raggiunto il barcone posto all’arrivo allo Scalo dei Renaioli e che sostiene un pennone alto 10 metri, di arrampicarsi su di uno dei quattro canapi per raggiungerne la cima ed afferrare il Palio Azzurro, simbolo della vittoria ed, anche in questo caso, altra novità della corrente edizione consiste proprio nell’avvenuta ristrutturazione del barcone, anche ridipinto in colore bianco.

L’Assessore Eligi e Dini si sono infine soffermati sull’esigenza di valorizzare vieppiù non solo la manifestazione in sé, ma anche l’attività canottiera cittadina, ed in tale ottica è emersa la volontà di recuperare e trasformare in adeguati rimessaggi i Capannoni abbandonati in Golena d’Arno al fine di farli divenire dei veri e propri centri di accoglienza e ricreativi per i giovani che intendono avvicinarsi a questo Sport, ed, al riguardo, Dini non ha mancato di ringraziare Enzo Meucci, Presidente della Lega Navale, per la disponibilità e collaborazione fornita per lo svolgimento degli allenamenti degli equipaggi, intendendo manifestare tangibilmente questo suo atteggiamento con una Targa che gli verrà consegnata prima della Regata.

In ultimo, come da prassi, i rappresentanti delle quattro imbarcazioni in gara hanno presentato i loro armi facendo, come consuetudine, un po’ di “pretattica” sul ruolo di favorito, anche se tale pronostico non può sfuggire alla “Rossa” da anni vincente, pur se quest’anno gli esperti sono per una Regata molto più equilibrata del solito.

By