Radiologia forense sulla virtopsia: se ne parla al San Ranieri Hotel

PISAGiovedì 22 Marzo si svolgerà all’Hotel San Ranieri alle ore 8.30 il convegno di Radiologia forense sulla virtopsia, un’indagine di tomografia computerizzata eseguita sul cadavere, di fondamentale importanza per determinare la causa di morte laddove l’esame autoptico non venga effettuato ma si proceda unicamente all’esame esterno del cadavere per motivi economici, di pietà o in caso di stragi. 

Presidente del convegno il professor Emanuele Neri, docente del Dipartimento di Ricerca traslazionale dell’Università di Pisa e direttore della Sezione dipartimentale di Radiodiagnostica 3 dell’Aoup.

Responsabile scientifico la dottoressa Claudia Giaconi, medico radiologo che ha eseguito molte indagini di virtopsia sviluppando questa tecnica di eccellenza dell’Aoup.

Recentemente, in collaborazione con la dottoressa Emanuela Turillazzi (Unità operativa di Medicina legale, diretta dalla professoressa Maria Antonietta Lombardi), l’indagine è stata definita mediante una procedura aziendale dell’Aoup, che consente quindi di effettuare l’esame secondo dei percorsi ben coordinati e condivisi dagli operatori, medici radiologi, medici legali, tecnici di radiologia medica, che sono coinvolti nella gestione del caso.

La virtopsia ha l’indubbio vantaggio di fornire una documentazione radiologica completa del corpo, dalla testa ai piedi, in una sola scansione, che risulta valutabile anche in tempi successivi, dopo che il corpo è stato tumulato o cremato. In poche parole è una autopsia virtuale permanente, su cui poter effettuare ripetute indagini sulla base dei quesiti medico-legali e dell’autorità giudiziaria. Inoltre può essere utilizzata per un teleconsulto, potendo trasmettere i dati a distanza qualora sia necessario il coinvolgimento di più esperti.

Il corso, a carattere multidisciplinare, ha il patrocinio della Sirm-Società italiana di Radiologia medica e interventistica, dell’Anm-Associazione nazionale magistrati, della Società italiana di Medicina legale e delle assicurazioni.

By