Raffaele Latrofa incontra i cittadini alla festa di Sant’Ubaldo: “Ci riconosciamo in feste ed eventi come questo. Canapisa è il PD”

PISA – Continua ininterrottamente la campagna elettorale di Raffaele Latrofa e della sua squadra tra la gente. Pisa nel cuore era presente, con oltre 25 candidati e in diversi momenti della giornata, alla festa di Sant’Ubaldo con un banchetto.

L’occasione è sempre quella di incontrare le persone e parlare dei problemi della città. Inoltre oggi era la prima uscita pubblica del nostro programma stampato e visionabile per tutti i cittadini, già scaricabile sul nostro sito internet www.raffaelelatrofa.it

Parla il candidato Sindaco Latrofa alla festa di Sant’Ubaldo: “Noi ci riconosciamo in feste come quella di Sant’Ubaldo e in eventi culturali. Canapisa invece è l’emblema del PDIeri al nostro banchetto posto in Largo Ciro Menotti abbiamo raccolto centinaia di firme per dire no a Canapisa. Siamo felici che ci siano feste come quella di Sant’Ubaldo con le famiglie e le persone per bene che si incontrano tra loro assieme ad altri pisani. Mai più le vergogne come quella di Canapisa, dove vengono senza alcun rispetto per Pisa da tutta Italia. Riempiremo un fitto calendario di eventi culturali e feste come Sant’Ubaldo e sarà così che contrasteremo Canapisa che non avrà mai spazi liberi in agenda.”

La Segnalazione. Latrofa inoltre parla delle segnalazioni da parte dei cittadini del quartiere il giorno dopo la manifestazione: “Appena arrivati alla festa di Sant’Ubaldo siamo stati subito fermati da persone che ci mostravano foto e che ci raccontavano testimonianze del disagio avvenuto ieri nel corso di Canapisa. Ho visto una foto scattata alle 6 del mattino nella nuovissima via Garibaldi appositamente rifatta per propaganda elettorale da Serfogli e dal PD. In questa foto che mi hanno girato via Facebook sono stato colpito dall’ottimo biglietto da visita in cui si è presentata la via con una siringa e un pacchetto di fazzoletti usati, davanti ad esercizi commerciali e sui marciapiedi. È una vergogna”.

By