Rapina al Conad di Lucca per un poliziotto della Digos di Pisa

PISA – Un poliziotto della Digos di Pisa sarebbe il rapinatore arrestato dopo una rapina ad un supermercato Conad di Lucca dopo essersi fatto consegnare 4.500 euro in contanti.

Il poliziotto era attivo nella sezione investigativa della Digos e in passato si era occupato di antiterrorismo facendo parte anche della squadra che si era occupata delle indagini sulle nuove brigate rosse e che portarono all’arresto della brigatista pisana Cinzia Banelli.

L’agente avrebbe agito con la pistola di ordinanza e con la sua auto personale lasciata a poca distanza dal supermercato che aveva raggiunto a piedi. Due anni fa con lo pseudonimo Daniele Lama aveva pubblicato il libro “Da grande voglio fare il tenente Colombo”.

L’agente ha raggiunto il negozio con il volto travisato ed indosso una felpa, ha minacciato i presenti con la pistola d’ordinanza dicendo che avrebbe sparato se qualcuno avesse ostacolato il suo piano. Fattosi consegnare il denaro della cassa, meno di 4.000 euro, si è allontanato a piedi inseguito dai dipendenti, che l’hanno bloccato.

“Siamo sconcertati e davvero non sappiamo dare una spiegazione a quanto successo. Negli ultimi tempi non ha mai dato segni di nervosismo o altri segnali che lasciassero prevedere qualcosa di preoccupante”. Lo ha detto il questore di Pisa, Alberto Francini, commentando l’arresto dell’agente della Digos che ieri sera ha rapinato un supermercato a Lucca. “Era rientrato in servizio – ricorda il questore – dopo un periodo di malattia ma le sue condizioni psicofisiche erano buone. E’ un fatto inspiegabile, che ci amareggia. Nessuno, neppure tra i suo colleghi più stretti, riesce a dare una motivazione al gesto che ha compiuto”. L’agente, in servizio nella squadra antiterrorismo della Digos, è stato immediatamente sospeso in attesa dell’esito del procedimento penale a suo carico che “già alla conclusione del processo di primo grado – ha sottolineato Francini – potrebbe portare in caso di condanna alla destituzione da poliziotto”.

By