Recupero e riqualificazione della cinta muraria: prende forma la pista ciclabile di Via Veneto

PISA – Comincia a prendere forma la nuova pista ciclabile lungo via Vittorio Veneto che fungerà da collegamento fra quelle provenienti da Porta a Lucca e San Francesco attraverso la porta all’altezza della ex Marzotto.

Ad un mese di distanza dalla ripresa dei lavori di restauro e riqualificazione delle mura medievali, uno dei principali dei quattordici progetti Piuss che stanno cambiando il volto della centro cittadino, infatti, il tracciato e la massicciata della nuovo percorso ciclo-pedonale sono già ben visibili: per realizzarlo sono stati usate, sbirciandole, quasi tutte le pietre ritrovate nell’area di cantiere, risparmiandole solo alcune, provvisoriamente usate come contrappesi alle recinzioni di cantiere per migliorarne la stabilità anche in caso di vento forte, e che saranno rimosse alla fine dei lavori.

Avviati anche gli interventi di drenaggio dell’area a ridosso delle mura soggetta a frequenti allagamenti: il terreno, precedentemente in pendenza verso la cinta muraria, è stato già in gran parte livellato ed è iniziata la realizzazione degli scavi in cui dovranno essere posizionati gli speciali tubi ad hoc che consentiranno un regolare deflusso delle acqua piovana evitando ristagni.

Pressochè conclusa, infine, la bretella ciclabile che fra la pista parallela a via del Brennero e la cosiddetta “scorciatoia” che, attraverso la piccola porta riaperta della cinta muraria, consentirà di accedere direttamente al centro sociale di San Zeno e, da lì, a Piazza Santa Caterina e al centro storico. Gli uomini della Gaspari, la ditta marchigiana che sta effettuando i lavori, però, stanno realizzando solo il tratto esterno dato che quello interno alle mura, inclusa la riqualificazione dell’area a verde, è compreso nell’altro progetto Piuss, anch’esso in corso, di recupero e riqualificazione del centro sociale e dell’area circostante.

20131230-191301.jpg

By