Nuovo regolamento per i posti barca lungo il Serchio

VECCHIANO – Approvato nella seduta consiliare di giovedì 28 febbraio il nuovo Regolamento di assegnazione dei posti barca lungo la riva del Serchio.

“Il nuovo testo riassume una revisione sostanziale delle norme comunali che erano state fin qui in vigore ed è il frutto anche di un percorso partecipativo, dal momento che la bozza del nuovo regolamento è stata illustrata e discussa lo scorso 31 gennaio, al fine di raccogliere ulteriori indicazioni e possibili suggerimenti per la stesura finale del documento”, afferma il Sindaco Massimiliano Angori.

Ricordiamo che tale regolamento disciplina l’assegnazione di un totale di 117 posti barca presso la stazione marittima di Case di Marina, che verrà effettuata tramite l’emissione di apposito bando da parte del Comune di Vecchiano. Nel bando saranno previste le modalità di presentazione della domanda, da redigere su apposito modello, e la documentazione da allegare, al fine di poter elaborare le graduatorie di assegnazione dei posti barca. La domanda potrà essere presentata da chiunque è residente nel territorio italiano. Chi è in possesso di barca a motore a combustione interna (motore endotermico, ndr) dovrà dimostrare di essere in possesso dell’autorizzazione alla navigazione nel fiume Serchio, rilasciata dall’Ente Parco ai sensi dell’art.42 comma 9 del Regolamento del Parco MSRM, in corso di validità.

Il requisito di accesso suddetto, tuttavia, non è richiesto per coloro che presentino domanda di assegnazione per barca a remi o con motore elettrico. Non saranno prese in considerazione più di una domanda per nucleo familiare, intendendo per nucleo familiare quello anagrafico, ma sarà possibile dichiarare l’uso collettivo della barca, producendo un’auto-certificazione che indichi al massimo due nominativi, oltre al richiedente, entro il 2° grado di parentela.

Al fine di favorire la pesca professionale, inoltre, sono riservati fino a 10 posti barca, collocati nei pressi della struttura comunale denominata “Casina dei Pescatori”, a favore di pescatori professionali, con priorità di quelli residenti nei Comuni di Vecchiano e San Giuliano Terme, che presentino domanda. L’assegnazione ha durata quinquennale con scadenza al 31 dicembre di ogni quinquennio. Il canone annuo di assegnazione, è composto da una quota fissa, relativa alle spese sostenute dal Comune di Vecchiano per il riordino ed il consolidamento della sponda e la manutenzione straordinaria delle opere, e da una quota variabile, relativa al costo della concessione demaniale idrica rilasciata dalla Regione Toscana e dell’eventuale tributo regionale. La quota fissa del canone è stabilita in € 220,00 per posto barca per diportisti con ormeggio con pali, € 260,00 per posto barca per diportisti con ormeggio con pontile, € 330,00 per pescatori professionali. La quota variabile del canone sarà stabilita ripartendo per il numero complessivo dei posti barca assegnati la somma determinata annualmente dalla Regione Toscana.

“Il regolamento mantiene e conferma la sua struttura e i punti cardine su cui fu costruito: uso sociale della sponda destra del fiume, fruizione e tutela di una porzione di territorio unica nel suo genere”, spiega l’Assessora all’Ambiente Mina Canarini.

“Le modifiche introdotte nel nuovo regolamento ampliano e danno forza a questi concetti: introdurre la possibilità di “uso collettivo” della barca, infatti, non solo rafforza l’uso sociale, ma attenua anche la pressione che un numero troppo elevato di barche eserciterebbe su questa parte di territorio che è di estrema bellezza, ma contemporaneamente anche fragile perchè luogo di riserva naturale”, aggiunge il Sindaco Angori. “La riserva dei posti per le barche a remi o con motore elettrico rappresenta una grande opportunità,fino ad ora rimasta marginale, con la speranza di renderla stabile fino a farla diventare dominante. Questa modifica, infatti, unita alla premialità per i motori meno inquinanti, si coniuga perfettamente con la tutela dell’ambiente”.

“Altre novità introdotte nel testo approvate dal Consiglio Comunale riguardano le attività di controllo da parte della polizia municipale, monitoraggi che saranno agevolati anche dalla introduzione di un bollone con il logo del Comune da apporre alla barca, in modo da scoraggiare cambi di condizioni dichiarate al momento della domanda di assegnazione. Le conferme, invece, riguardano i posti riservati ai pescatori professionali, che tuttavia dai precedenti 6, salgono agli attuali 10, poichè la categoria rappresenta un presidio di storia e cultura del territorio, del fiume e delle sue tradizioni”, spiega l’Assessora Canarini.

“Un regolamento, dunque, che conferma l’attenzione alle persone e al territorio, ai legami che si creano grazie alla frequentazione dei luoghi e al fatto che le regole si costruiscono insieme, come comunità. Il nostro infatti è un lungo fiume molto frequentato anche d’inverno, meta di passeggiate, arricchito peraltro da alcuni lavori eseguiti lo scorso autunno, come il rifacimento dei ponticelli di attraversamento dei fossi. La sistemazione del lungo fiume procederà andando a completare il progetto iniziale di sistemazione dell’area con cartellonistica, alberature e spazi per sedute”, conclude il Sindaco Angori. “Ricordiamo, infine, che nelle prossime settimane, sulla base dei contenuti del nuovo regolamento uscirà il bando per richiedere l’assegnazione dei pontili”.

By