Ricollocati gli ex lavoratori di Camp Darby sotto la pubblica amministrazione. Firmato l’accordo

PISA – Gli ex lavoratori della base militare americana di Camp Darby licenziati nel 2012, a causa della ristrutturazione avviata dall’esercito americano in Europa, saranno ricollocati in un nuovo posto di lavoro.

In particolare saranno riassorbiti all’interno dei Tribunali civile e penale di Pisa e del Tribunale civile e penale e della Procura della Repubblica di Livorno. Per facilitarne l’inserimento, viene promosso un intervento formativo mirato. L’intesa che apre la strada ai corsi di formazione è stata firmata oggi a Palazzo Strozzi Sacrati, sede della presidenza della Regione, dall’assessore alle attività produttive credito e lavoro Gianfranco Simoncini, dal presidente della Provincia di Pisa Andrea Pieroni e dall’assessore al lavoro della Provincia di Livorno Ringo Anselmi. Sono 34 (18 a Livorno e 16 a Pisa), gli ex dipendenti della base militare USA che, grazie all’accordo stipulato oggi, potranno usufruire delle opportunità di riqualificazione messe a disposizione dalle due Province. “Si tratta di lavoratori che non sono più coperti da ammortizzatori sociali – ha spiegato l’assessore Simoncini – ma che, per raggiungere le competenze necessarie all’inserimento nei nuovi posti di lavoro, hanno bisogno di un percorso formativo ad hoc. Non a caso abbiamo previsto che questa attività si realizzi grazie alla carta formativa ILA.

L’individual learning account permette una formazione flessibile e personalizzata ed è lo strumento più adatto per consentire a questi lavoratori di usufruire di un contributo per sostenere la spesa del percorso formativo, costruito secondo le proprie capacità ed aspettative”. Se la Regione si impegna a promuovere le iniziative formative, le modalità di accesso, nonché la diffusione dei risultati ottenuti, per quanto riguarda le Province l’impegno è quello, operativo, di realizzare percorsi di politica attiva per i lavoratori coinvolti, utilizzando i propri centri per l’impiego. Ciascuna provincia mette a disposizione 20 mila euro per la realizzazione delle attività. “Sincera soddisfazione” è lo stato d’animo che esprime il presidente della Provincia di Pisa Andrea Pieroni. “Si avvia a soluzione in modo positivo una vicenda difficile, che ha visto 34 persone, a partire dal 1° ottobre 2012, rimanere senza lavoro e senza indennità. Dare loro una nuova prospettiva, e dunque serenità personale e per le rispettive famiglie, è un risultato importante, di cui siamo veramente lieti.Un risultato reso possibile anche dalla attenzione posta dal Governo Letta che stanziò, nella finanziaria 2014, 1 milione di euro finalizzato all’inserimento dei lavoratori in seno alla pubblica amministrazione”.

20140717-165814.jpg

You may also like

By