Ringhio Gattuso: “Vincere per noi è troppo importante”

PISA – Alla vigilia del derby contro il Tuttocuoio ha parlato davanti a telecamere e taccuini il mister nerazzurro Gennaro Gattuso.

SULLA SQUADRA. “Di Tacchio si è allenato per tutta la settimana e sarà dei nostri, anche se non partirà dal primo minuto. Sono da valutare le situazioni per Fautario, mentre sia Golubovic che Forgacs mancheranno a Teramo. Per noi la partita con il Tuttocuoio è molto importante siamo avvelenati e cercheremo di vincerla, anche se sappiamo che non sarà facile. Non nascondo che la conquista dei tre punti domani è importante”.

SULLA CONDIZIONE. “Non siamo al cento per cento della condizione e alcune persone devono mettere minutaglia nelle gambe e pensare che le partite durano 90′. La partita con il Santarcangelo l’abbiamo sottovalutata. Dopo il 2-0 abbiamo pensato di poterla vincere 5-0, ma così non è stato. La partita l’ho rivista più di una volta, non lo nego, e la squadra nei primi 20′ ha dominato, giocava di prima, dopo ci siamo seduti e abbiamo sbagliato”.

LA CATTIVERIA. “Il cartellino giallo non è sinonimo di cattiveria, che questa squadra secondo me ha. Questa squadra ha il grosso difetto di specchiarsi troppo. I ragazzi si allenano molto bene e quindi io ho molta fiducia e se mi metto lì a riflettere sono ottimista rispetto alle cose negative che sento in giro”.

GLI AVVERSARI. “Il Tuttocuoio è una squadra rognosa, Caponi a centrocampo può essere importante per loro, così come in attacco può esserlo Colombo, che è un buon giocatore e ha qualità importanti”.

SU LUCARELLI. “Abbiamo vissuto anni importanti a Perugia, il nostro rapporto è sempre stato molto leale. Ero più casinista io di lui, che ricorda che non lo facevo dormire perché portavo gli zoccoli. Lui aveva solo bandiere del Che Guevara e gli piace ricordare sempre questo aneddoto”.

SU ALLEGRI. Il mister della Juventus domani sarà a Pisa per presentare il suo sito all’Internet Festival. Gattuso dice: “Non lo potrò andare a trovare, ma lo inviterò a cena. Si sono dette molte falsità sul nostro rapporto”.

By